Casteggio (Pavia), 23 febbraio 2018 - Incidente mancato sui binari della rete ferroviaria lombarda, sabato sera. Gli altoparlanti sulle banchine semivuote della piccola stazione di Casteggio annunciano l’arrivo di un regionale, il 20393 di Trenord, partito alle 19.26 da Voghera e diretto a Piacenza. Le tre carrozze, una motrice, viaggiano in orario e pochi istanti dopo le 19.30 rallentano per arrestarsi davanti alla pensilina. Il macchinista è al suo posto e tira la manetta del freno. Prima di affiancarsi alla banchina del secondo binario avverte un sussulto, un rumore secco e forte.  Pochi metri più indietro, l’inquietante scoperta: un binario spaccato.

Su questo fatto, provocato da un binario spezzato e dal "disallineamento" di due segmenti di rotaia, è stata aperta un'inchiesta. Il dipartimento di Milano della Polizia ferroviaria, che sta conducendo gli accertamenti, ha già trasmesso i primi atti alla Procura di Pavia. Le cause devono ancora essere chiarite: quel che è certo è che si tratta di un episodio allarmante, avvenuto a meno di un mese di distanza dalla tragedia ferroviaria di Pioltello, quando il deragliamento di un treno è costato la vita a tre donne. Subito dopo l'incidente in quel caso è stato sequestrata una porzione di binario di 23 centimetri che si era staccata.

Rfi (Rete ferroviaria italiana) ha spiegato che nell'Oltrepò "la rottura della rotaia è stata generata dal distacco di una saldatura, che non ha alcun effetto sulla sicurezza della circolazione ferroviaria". Sabato scorso, subito dopo quello strano sobbalzo vicino alla stazione di Casteggio, il macchinista ha subito segnalato il caso. Sul posto sono intervenuti i tecnici di Rfi. La tratta ferroviaria tra Voghera (Pavia) e Piacenza è stata chiusa sino alle 22.35 per consentire un intervento di messa in sicurezza da parte degli addetti di Rfi. Poi nella tarda serata di sabato 17 febbraio, il traffico ferroviario nella zona è ripreso con regolarità.

Sul posto si sono recati anche gli agenti del Dipartimento Polfer di Milano (accompagnati dai colleghi della Polizia scientifica). Il binario spezzato è stato posto sotto sequestro, a disposizione della Procura che ha avviato un'indagine. L'ipotesi più probabile sembra essere quella di un cedimento del terreno sotto i binari. Gli accertamenti comunque continuano. Dal rapporto della Polfer si potrà capire se quanto è successo sia anche da addebitare allo stato di usura del binario rotto e delle traversine frantumate.