Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
6 ago 2021
6 ago 2021

Staffetta 4x100, le mamme dei campioni: "Felici per loro e per l'Italia"

L'emozione delle famiglie degli atleti che hanno vinto l'oro a Tokyo: "Gruppo unito, erano concentrati e volevano vincere"

6 ago 2021
Lorenzo Patta (2L), Lamont Marcell Jacobs, Eseosa Fostine Desalu (R) and Filippo Tortu (L) of Italy celebrate after winning the Men's 4x100m Relay final of the Athletics events of the Tokyo 2020 Olympic Games at the Olympic Stadium in Tokyo, Japan, 06 August 2021.
ANSA/CIRO FUSCO
Lorenzo Patta, Lamont Marcell Jacobs, Eseosa Fostine Desalu
Lorenzo Patta (2L), Lamont Marcell Jacobs, Eseosa Fostine Desalu (R) and Filippo Tortu (L) of Italy celebrate after winning the Men's 4x100m Relay final of the Athletics events of the Tokyo 2020 Olympic Games at the Olympic Stadium in Tokyo, Japan, 06 August 2021.
ANSA/CIRO FUSCO
Lorenzo Patta, Lamont Marcell Jacobs, Eseosa Fostine Desalu

Tutta l'Italia in festa per l'oro nella staffetta 4X100, l'ennesimo sigillo di un'Olimpiade indimenticabile per l'atletitca azzurra. La medaglia più preziosa ha fatto impazzire tutti gli italiani ma la soddisfazione è difficile da spiegare per chi, negli anni, è sempre stato accanto agli atleti che hanno fatto l'impresa ovvero Lorenzo Patta, Marcell Jacobs, Eseosa Desalu e Filippo Tortu. E' il caso delle mamme dei protagonisti dell'avventura a Tokyo. Paola, madre di Tortu, ha confessato: "È difficile trovare le parole, sono felicissima - ha detto dopo aver visto la finale in famiglia, insieme al fratello di Filippo, Giacomo, nella loro casa di vacanze in Sardegna -, è un'emozione così grande che non trovo il termine che possa contenerla. Sono stati bravissimi, sono felice per loro e per l'Italia". 

La signora Paola ha poi raccontato i sacrifici fatti dal figlio per arrivare fino a questa medaglia d'oro. "La vita da atleta è molto dura e deve stare attento ad ogni cosa, fare quelle che sono delle rinunce per un ragazzo della sua età - ha detto -. Ma quello che gli ho sempre sentito dire è che la gioia che ti regala questo sport lo ripaga di tutto, il bilancio è sempre positivo ed è fatto di gioie e soddisfazioni. Sono contenta per lui". "Stamattina lo abbiamo sentito prima di andare in campo e abbiamo capito che voleva solo correre e andare a prendere questo sogno, si capiva la sua determinazione" ha spiegato il fratello di Filippo, Giacomo Tortu.

Incontenibile la gioia anche per la madre di Marcell Jacobs, Viviana Masini, che già aveva festeggiato lo straordinario oro nei 100 metri: "E' stata anche oggi una giornata fantastica e indimenticabile. Non ho parole, sono felice e super contenta". "Il gruppo della staffetta si è unito bene, hanno trovato la loro quadra - ha detto Viviana Masini ai microfoni di Sky Sport -. Ho visto Marcell molto concentrato". Senza parole per l'emozione anche Veronica, madre di Fausto Desalu: "Sono impazzita dalla felicità". "Sono davvero molto contenta. Non vedo l'ora che ritorni per festeggiarlo. L'ultima volta che l'ho sentito, come ogni mamma, l'ho incoraggiato dandogli la forza di vincere" ha detto. Una giornata speciale in cui lo sport lombardo ha continuato ad arricchire il carnet del medagliere nazionale, che ha toccato il record di 38 medaglie. Tre dei quattro atleti che hanno corso la staffetta 4×100 sono lombardi: Marcell Jacobs di Desenzano del Garda (Brescia), Filippo Tortu milanese formatosi sulle piste di Carate Brianza e Fausto Desalu, nato a Casalmaggiore (Cremona), sono, infatti, gli uomini più veloci al mondo. 

Bandiere tricolore al vento e clacson a volontà anche a Oristano, terra natia di Patta. "Dietro questa vittoria ci sono anche tanti sacrifici", ha sottolineato la mamma del campione olimpico oristanese, che ha la doppia tessera, quella delle Fiamme gialle e quella della sua società di origine, l'Atletica Oristano. "Tanti sacrifici di Lorenzo e anche nostri". Poi i ringraziamenti di rito, primi tra tutti quelli allo storico tecnico dell'Atletica Oristano, Francesco Garau, che già in passato aveva portato altri suoi atleti alle olimpiadi. Domenica Lorenzo Patta rientrerà in Sardegna. Si annunciano già grandi festeggiamenti, dopo quelli che hanno accolto un altro olimpionico oristanese, Stefano Oppo, medaglia d'argento nel canottaggio.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?