Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
10 mar 2021
agata finocchiaro
Cronaca
10 mar 2021

Long Covid: quando il virus passa ma i sintomi restano per mesi

Dolori muscolari e articolari, affaticamento, fiato corto, difficoltà di concentrazione e perdita di memoria: secondo uno studio dell'ospedale di Bergamo oltre metà dei pazienti non torna come prima. Più colpite le donne
 

10 mar 2021
agata finocchiaro
Cronaca
featured image
Long Covid
featured image
Long Covid

Bergamo -  Come reduci. Sopravvissuti alla battaglia contro un nemico invisibile, che ha lasciato segni indelebili a livello fisico, neurologico e non di rado psichiatrico. Almeno metà dei malati Covid non guarisce con la negativizzazione del tampone e il successivo ritorno alla vita normale. A distanza di un paio di mesi e fino a 120 giorni, una persona su due accusa ancora sintomi, come dolori muscolari e articolari, affaticamento, "fame d'aria",  difficoltà di concentrazione e di attenzione, perdita di memoria. Una minima parte è incapace di svolgere le normali attività e di lavorare, in pochi hanno perso l’indipendenza o addirittura non sono più autosufficienti. E' quanto emerge dallo studio clinico “Surviving Covid-19 in Bergamo Province: a post-acute outpatient re-evaluation”, condotto dall'ospedale Papa Giovanni XXIII e pubblicato su Epidemiology & Infection.

Il campione 

Lo studio sugli effetti della Long Covid o sindrome post Covid (termine utilizzato dall'Oms) è basato su un campione di 1.562 pazienti che si sono ammalati tra febbraio e agosto 2020, durante la prima ondata epidemica e sono stati sottoposti a controllo di follow-up tra maggio e ottobre. La pubblicazione riguarda i primi 767 pazienti, da 20 a 92 anni, che al 31 luglio avevano completato la valutazione post-dimissione. Di questi 252 sono donne (il 32,9%), l'età media complessiva è di 63 anni.

Tampone negativo ma restano i sintomi

Marco Rizzi
Marco Rizzi

Il trauma

Potrebbe trattarsi di una sindrome post traumatica più che di sintomi perduranti nel tempo? "Da quello che è emerso dai nostri accertamenti ed esami - spiega Rizzi - tenderei ad escluderlo. I sintomi neurologici sono più difficili da oggettivare ma restano comunque legati al vissuto del paziente e non necessariamente correlati alla gravità del quadro clinico".

Le cure post Covid

 A distanza di mesi dalla guarigione, secondo lo studio del Papa Giovanni, quasi un paziente su 4 (il 24,2%) prende ancora i farmaci introdotti durante il ricovero, tra i più frequenti gli anticoagulanti. Le prove di funzionalità respiratoria sono risultate patologiche nel 19% dei casi e quasi metà dei guariti ha seguito percorsi specialistici di cura in medicina respiratoria (36,6%), cardiologia (8,2%), medicina fisica e riabilitazione (8%) e neurologia (6,8%). Secondo quanto emerge dallo studio, il 32,9% dei pazienti ha avuto ulteriori complicanze correlate a SARS-CoV-2 durante la fase acuta del ricovero, per l'8,7% di tipo psichiatrico o psicologico, per l'8,5%cardiaco, per il 7,1% polmonare e per il 6,1% trombotico. 

Difficoltà di concentrazione: long Covid "emotivo"?

Dato il numero crescente di pazienti che lamentano difficoltà di concentrazione, da luglio 2020 al Papa Giovanni XXIII è stato introdotto anche lo screening Montreal Cognitive Assessment (MoCa). I risultati però sono stati giudicati patologici solo in 2 casi sui 69 che hanno riferito sintomi. Il dubbio è che difficoltà di concentrazione e attenzione, perdita di memoria, disturbo post-traumatico da stress (Ptsd) possano essere inquadrati in una sorta di Long Covid più emotivo che patologico, ma non per questo meno preoccupante. "I sintomi psicologici - conclude Rizzi - sono i più subdoli e rischiano di essere persistenti nel tempo se non adeguatamente trattati. Non dobbiamo dimenticare cosa ha rappresentato la prima ondata Covid, quando ancora non si sapeva quasi nulla della malattia e i pazienti si ritrovavano in uno stato di solitudine e paura, senza il conforto della famiglia e la certezza dei protocolli di cura".

Task force psicologi per medici e sanitari

Valentina Strappa
Valentina Strappa

Dai disturbi del sonno alla rielaborazione dell'emergenza

Quali traumi o disagi avete riscontrato nei medici e negli operatori sanitari rimasti più a lungo in prima linea nell'emergenza Covid? "Da subito è stata chiara la portata di quello che stava accadendo a Bergamo, così abbiamo organizzato la più grande task force di psicologi ospedalieri e territoriali, oltre una trentina, per supportare gli operatori impegnati nella lotta al Covid - spiega Strappa -. Nella prima fase della pandemia molti si sono ammalati, in tanti avevano difficoltà a dormire, ora invece si rivolgono a noi per rielaborare quanto accaduto e riuscire a sostenere la stanchezza. Oggi più che riparare un danno emotivo causato dal Covid, noi psicologi ci troviamo a riorganizzare le risorse. Medici e personale sanitario hanno dimostrato straordinaria resilienza. Nella prima ondata, il riconoscimento della loro utilità sociale ha rappresentato una leva importante, ma ora sembra tutto cambiato e tra il personale sanitario c'è chi guarda con avvilimento le scene di assembramenti e le esternazioni dei negazionisti". Dopo un anno la gente non li chiama più eroi, ma medici e operatori sanitari (non solo del Papa Giovanni) compiono tutti i giorni quotidiani gesti di eroismo nella lotta al virus.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?