Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Candy, la Regione finanzia le lavatrici del futuro

Sono  210, in totale, i soggetti coinvolti da tutta l’iniziativa: 130 imprese e 80 organismi di ricerca

di BARBARA CALDEROLA
Ultimo aggiornamento il 24 aprile 2018 alle 07:22
Candy a Brugherio

Monza, 24 aprile 2018 - Il governo paga i robot, la Regione i prodotti 4.0. Pioggia di milioni sulla lavatrice intelligente che il Gruppo Candy porterà avanti con tre partner e il centro di ricerca Cefriel: obiettivo «stare sul mercato e creare occupazione», spiega Fabrizio Sala, vicegovernatore lombardo con delega all’Innovazione. Ed è proprio sull’equazione ricerca uguale posti di lavoro che si basa il finanziamento di 2 milioni 753mila euro per la creazione di elettrodomestici di ultima generazione licenziato ieri dal Pirellone, a sostegno dell’idea del colosso di Brugherio, che, con tre soci ci metterà il resto: 4 milioni 600mila euro. Oltre ai cervelli di Cefriel, che fanno da ponte fra l’università e le imprese per statuto, il piano coinvolge la bergamasca New Target Web, L.C.M. Progetti di Concorezzo e InfoSolution di Vimodrone. A questo pool, il compito di mettere a punto una macchina che parli con la fabbrica in tempo reale e tramite App suggerisca il programma più adatto al carico, dopo aver «letto» il tipo di tessuti infilati nell’oblò. 

Niente più maglioni buttati in pattumiera dopo averli ridotti a misure lillipuziane, quando il prototipo verrà messo in produzione. «Con questo progetto si creerà anche un indotto. Attorno al grosso marchio ci sarà una schiera di fornitori, piccoli e medi», sottolinea il vicepresidente. Ed innovativo è anche il metodo con cui si arriva ai finanziamenti. Non si tratta «di un semplice bando – spiega Sala – ma di veri e proprio accordi fra gli attori in campo che fanno nascere processi all’avanguardia, grazie alla sinergia fra il mondo della ricerca e il sistema produttivo, fondamentali per il benessere delle famiglie. Tutti devono impegnarsi, e noi vigiliamo, per massimizzare l’impatto dei piani sul sistema economico-sociale, valorizzando le esigenze di ciascuno». La risposta dei capitani di industria è stata straordinaria: al Pirellone sono arrivate 91 idee che coinvolgono 563 partner, 377 imprese e 185 organismi di ricerca, pronti ad investire quasi 600 milioni di euro. Trentadue l’hanno spuntata ottenendo credito, il 62% prevede il deposito di brevetti a conclusione del percorso, con un totale investimento da parte della Regione di 106,6 milioni di Euro; 18 i progetti già in corso per un totale di 63 milioni in aggiunta all’ultima tranche di cinque (16 milioni in tutto), fra cui quello di Candy.

Sono  210, in totale, i soggetti coinvolti da tutta l’iniziativa: 130 imprese (41 grandi e 89 Pmi) e 80 organismi di ricerca. Si spera che la nuova lavatrice di ultimissima generazione risolva la delicata situazione occupazionale del gigante brianzolo. Se nel 2017 il fatturato è cresciuto del 10% assestandosi a un miliardo 160 milioni, resta aperto il problema degli esuberi, 280 su 500 dipendenti a Brugherio, congelati due anni fa dai contratti di solidarietà in scadenza a settembre. 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.