Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
3 giu 2022

Elezioni comunali, sfida a tre per la poltronissima di Carnate

Egidio Passoni raccoglie il testimone del dem Nava, Matteo Corti (Lega e FI) punta sulla discontinuità, Rosella Maggiolini sul welfare

3 giu 2022
barbara calderola
Cronaca
featured image
Elezioni comunali 2022
featured image
Elezioni comunali 2022

di Barbara Calderola Sfida a tre per raccogliere il testimone del dem Daniele Nava. Il sindaco lascia dopo due mandati alla testa del Comune che ogni giorno si trasforma in città per l’arrivo di un esercito di pendolari in viaggio per Milano e i laghi. Il paese-snodo ferroviario che paga uno scotto pesante in termini di viabilità a questo ruolo è alla ricerca di una nuova guida. Ci prova con la promessa di innovare ma nel segno della continuità Egidio Passoni, 73 anni, pensionato, assessore ai Lavori pubblici nella giunta uscente, ex direttore dell’Ufficio tecnico del Comune di Arcore, "erede naturale" per il cartello di centrosinistra deciso a conservare l’amministrazione per portare a termine importanti progetti come l’annoso restyling di Villa Banfi, in itinere da 10 anni. "Bloccato dalla pandemia", ricorda l’aspirante primo cittadino alla testa della lista “Carnate Unita“. Fra le opere sulle quali puntare per rilanciare l’azione amministrativa c’è il nuovo Municipio che, in caso di vittoria, Passoni realizzerà nello storico asilo Pier Luigi, "con una diversa concezione degli spazi", spiega. Nell’attuale sede comunale invece nascerebbe un Centro civico, "cuore di un progetto di partecipazione e di condivisione per tutti". La struttura ospiterebbe anche il coworking, postazioni di lavoro condivise per start-up, o per professionisti. "La parola d’ordine è transizione – dice l’esponente del centrosinistra – ecologica, innanzitutto con progetti come la centrale unica che colleghi tutte quelle oggi sparse negli edifici pubblici, ma anche generazionale. I giovani devono essere protagonisti, abbiamo davanti un futuro affascinante". Va invece nel segno della discontinuità "su tutta la linea" Matteo Corti, 44 anni, consulente d’azienda, alla testa di “CarnateSì“, sostenuta da Lega e Forza Italia, già segretario cittadino del Carroccio fra il 2012 e 2013, poi capogruppo in Consiglio dal 2013 al 2017, all’opposizione. E ora l’impegno "per invertire la rotta". ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?