Quotidiano Nazionale logo
26 mag 2020

Sordomuto a processo a Monza: mascherine giù

In aula accusato, testimone, parte lesa e due traduttori del linguaggio dei segni senza protezione trasparente, per farse capire il labiale hanno dovuto lasciare libero il volto

stefania totaro
Cronaca
In Tribunale pochi processi in aula e soprattutto mascherina d’obbligo Questa volta è stata fatta un’eccezione
Processi e con obbligo di mascherine ma questa volta è stata necessaria un'eccezione

Monza, 26 maggio 2020 -  Processo in presenza e con mascherine a fasi alterne (ma con un ampio distanziamento sociale) perché in aula sbarca una vicenda penale accaduta tra sordomuti. Anche in tempi di emergenza coronavirus non era possibile celebrare con il collegamento da remoto l’udienza che si è tenuta ieri al Tribunale. Imputato di lesioni e resistenza a pubblico ufficiale un sordomuto accusato di avere, durante la festa di Capodanno del 2016 con amici a Carnate, prima aggredito l’allora moglie, anche lei sordomuta e poi i carabinieri intervenuti per sedare la lite.

Al processo erano chiamati l’imputato (con il suo difensore), la parte civile (con il suo legale) e due interpreti della lingua dei segni (una per tradurre cosa si dicevano giudice, pm e avvocati rivolto verso gli ex coniugi e una per tradurre cosa un amico dei contendenti a sua volta sordomuto, chiamato a testimoniare). Le persone sordomute non avevano la mascherina dotata di parte frontale trasparente per leggere il labiale e neanche le due interpreti, quindi hanno dovuto abbassare le mascherine quando si esprimevano nel linguaggio dei segni. Il processo si è svolto però senza nessun problema grazie a una distanza tra le persone di più di 2 metri.
Alla fine il giudice ha pronunciato la sentenza: condanna a 6 mesi con la sospensione condizionale della pena per l’imputato, con l’accusa di lesioni trasformata in quella meno grave di percosse.
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?