Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Cesano Maderno (Monza Brianza), 8 settembre 2018 - Che ci fa un camion da 18 tonnellate su un ponte ammalorato della Milano-Meda con divieto di transito ai mezzi superiori a 3,5 tonnellate? Se lo è chiesto il senatore del Movimento 5 Stelle Gianmarco Corbetta, che venerdì, a capo di una delegazione formata dai consiglieri comunali Giulia Fumagalli, Dario Pizzarelli (Cesano Maderno) e Rosanna Biasin (Bovisio Masciago) ha deciso di andare a verificare chi fa il furbetto direttamente sul posto. Sotto la lente sono finiti i quattro ponti a rischio monitorati dai tecnici della Provincia. Il risultato? Non solo i mezzi pesanti passano dove non dovrebbero, ma addirittura chi li guida sposta le barriere o passa contromano pur di prendere comode, ma pericolose, scorciatoie.

"Abbiamo fatto una visita ai quattro ponti della Milano-Meda che secondo alcune perizie dovevano essere chiusi a fine agosto perché a rischio crollo – denuncia Corbetta, fotografie e filmati alla mano –. La situazione più grave è quella del ponte di Binzago a Cesano Maderno, dove da un anno c’è un divieto di transito per i mezzi con peso superiore a 3,5 tonnellate che però non viene fatto rispettare, nonostante gli allarmi lanciati dai cittadini. Abbiamo visto coi nostri occhi una bisarca da 18 tonnellate passare tranquillamente su quel ponte, nonostante i new jersey in plastica messi pochi giorni fa per restringere la carreggiata". Eppure, continua Corbetta, l’ultima perizia della Provincia di Monza e Brianza che ha permesso di tenere aperti i ponti in attesa di ulteriori controlli (le prove di carico partiranno in questi giorni) parla chiaro: "Riteniamo necessario – dicono i periti di Akron – un sollecito alla necessità di fare rispettare le limitazioni ai carichi transitabili". "Cosa aspettano il Comune di Cesano Maderno e la Provincia ad intervenire?", continua il senatore, proponendo alcune soluzioni semplici, come installare barriere in cemento o riempire d’acqua quelle esistenti in plastica, perché non vengano spostate.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.