Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
22 giu 2022

Il Parco Adda Nord ci prova: "Catturate il pesce siluro"

È il più grosso e pericoloso predatore che minaccia la fauna autoctona. La Regione ha investito 300mila euro, il progetto di casa ne chiede 30mila

22 giu 2022
barbara calderola
Cronaca
Sono state già organizzate quattro campagne di caccia grossa del pesce siluro
Sono state già organizzate quattro campagne di caccia grossa del pesce siluro
Sono state già organizzate quattro campagne di caccia grossa del pesce siluro
Sono state già organizzate quattro campagne di caccia grossa del pesce siluro

Cornate d'Adda (Monza e Brianza) - Può raggiungere i 2,5 metri di lunghezza e pesare 150 chili, "il pesce siluro è una minaccia per la fauna ittica autoctona", in arrivo la quarta battuta di caccia contro il predatore del fiume. Il Parco Adda Nord ha messo a punto un nuovo progetto e ha chiesto i finanziamenti necessari alla Regione, a breve si aprirà la campagna di disinfestazione che ha alle spalle tre edizioni con numeri importanti fra il 2020 e il 2021. La battaglia per conservare l’habitat d’acqua dolce continua. Si procede sulla falsariga del passato: studi e indagini preliminari a cura di esperti, e poi le squadre di cattura, con elettropesca diurna e pesca subacquea notturna. Il nuovo bando del Pirellone risale all’aprile scorso e mette 300mila euro a disposizione di parchi regionali fluviali e di riserve che avranno presentato nei termini la documentazione. Il progetto di casa punta a un decimo, 30mila euro, l’obiettivo è alla portata, incassare tutto il necessario. Nel mirino il “Silurus Glanis”, è questo il nome scientifico del nemico. Originario dei bacini fluviali del mar Nero, Caspio e Baltico, introdotto nel sistema del Po negli anni Cinquanta, ha colonizzato in pochi decenni l’"areale" padano e minaccia le specie locali: riotto, persico, cavedano, scardola, vairone, anguilla, tinca, pigo, cagnetta, savetta, gobione, alborella, luccio cisalpino e molte altre, tutte già a rischio anche per altri fattori, e sempre più rare. Lo studio di “contenimento” firmato dal Parco risale al 2015. E già allora il siluro, "un vero pericolo per la conservazione della biodiversità degli ecosistemi in cui vive", era presente in tutto l’Adda e nei laghi di Garlate e Olginate. «Non è il solo invasore , ce ne sono altri, tutti introdotti dall’uomo: rodeo amaro, carpa e gardon, ma è uno dei più pericolosi per gli altri invertebrati. A causa ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?