Quotidiano Nazionale logo
22 gen 2022

Palestra e mensa, novità alla primaria Falcone

Non una riqualificazione di quella esistente, visto che si prevede l’abbattimento della struttura

Il sindaco Cicardi e la giunta puntano sul rinnovamento delle strutture scolastiche
Il sindaco Cicardi e la giunta puntano sul rinnovamento delle strutture scolastiche
Il sindaco Cicardi e la giunta puntano sul rinnovamento delle strutture scolastiche

Una nuova palestra e una nuova mensa. È quanto ha pensato l’amministrazione comunale per la scuola primaria "Giovanni Falcone" di via Don Colli nella frazione di Tregasio. Progetti importanti: in attesa del progetto definitivo, l’amministrazione comunale ha previsto di spendere complessivamente circa 2,8 milioni di euro. La parte più consistente di questo impegno economico (circa 2 milioni di euro, di cui un milione abbondante per opere edili, 200mila euro per opere meccaniche e 110mila euro per opere elettriche, più gli oneri per la sicurezza) è rappresentata dalla palestra. Non una riqualificazione di quella esistente, visto che si prevede il suo abbattimento, bensì la realizzazione di una nuova struttura. La palestra attuale, infatti, non è a norma non essendo dotata di un blocco di servizi dedicati per svolgere le attività di ginnastica, quali spogliatoi per bambini con relativi servizi igienici, spogliatoio per docenti e depositi per le attrezzature sportive. Tali mancanze di dotazioni minime, affiancate al cattivo stato di conservazione della struttura, hanno suggerito all’amministrazione comunale di affidarsi allo Studio M+ di Seregno, che ha proposto la demolizione dell’attuale struttura e la realizzazione di un nuovo volume in corrispondenza del terreno situato a est del complesso scolastico. Con questa soluzione, oltre ad andare a risolvere tutte le situazioni di criticità, l’amministrazione comunale conta di offrire anche qualcosa in più: ovvero anche uno spazio utile non solo per le attività sportive scolastiche, ma anche a servizio delle associazioni del territorio. Intervento radicale, secondo le intenzioni, anche per quanto riguarda la mensa scolastica che, secondo la relazione depositata agli atti e allegata alla delibera, "non ha le caratteristiche igienico sanitarie e strutturali adeguate" per ospitare questo servizio. Anche in questo caso, secondo la proposta progettuale, la soluzione individuata è quella della demolizione dell’attuale corpo per edificarne una nuova nello spazio attualmente occupato ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?