Quotidiano Nazionale logo
24 feb 2022

Ora il processo poi la confisca delle erogazioni

Per i responsabili di questa frode allo Stato ora si apre il processo e, in caso di condanna definitiva, la confisca delle erogazioni pubbliche indebitamente ottenute. La presunzione di innocenza è sempre d’obbligo ma l’azione di servizio del Comando provinciale di Monza, agli ordini del colonnello Maurizio Querqui, mira a garantire anche in Brianza "il corretto impiego delle risorse pubbliche, a partire dalle misure che, per la loro rilevanza o peculiarità, costituiscono il perno dell’azione di sostegno all’economia attuata per far fronte alla crisi determinata dall’evoluzione del contesto della pandemia da Coronavirus, posto che il corretto impiego dei fondi pubblici aiuta la crescita produttiva e occupazionale e contribuisce, nell’attuale congiuntura, ad arginare l’impatto negativo delle crisi economica e sociale e sostenere il rilancio del Paese". A finire sotto la lente delle fiamme gialle imprenditori individuati per gli alti profili di rischio, sulla base di specifici alert su fatture emesse tardivamente, modalità di presentazione delle istanze, inadempienze dichiarative fiscali.

S.T.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?