Quotidiano Nazionale logo
20 gen 2022

Night club con lucciole ma le ragazze erano vittime

Entra nel vivo il processo ai tre gestori (compresi padre e figlio) e all’autista che avevano trasformato il retro di un ristorante in bordello di giovani indigenti

stefania totaro
Cronaca
Nel retro del ristorante a Varedo si organizzavano festini a luci rosse
Nel retro del ristorante a Varedo si organizzavano festini a luci rosse
Nel retro del ristorante a Varedo si organizzavano festini a luci rosse

di Stefania Totaro Avrebbero costretto giovani donne, italiane e albanesi, a prostituirsi in un circolo privato nel retro di un ristorante, trasformato in nightclub con locali privée, sala bar e vip room, con al centro una vasca a idromassaggio, dove si consumavano rapporti sessuali. È l’accusa di cui devono rispondere in un processo entrato ieri nel vivo al Tribunale di Monza quattro imputati: un 74enne e un 47enne di origini calabresi (Salvatore Patarino e il figlio Franco, residenti rispettivamente nelle province di Lecco e di Monza) e un 49enne residente in Brianza, Ezio Micieli, ritenuti i gestori del night club e un albanese accusato di essere uno degli autisti. Per la vicenda hanno già patteggiato la pena concordata col pm Giovanni Santini rispettivamente di 4 anni e 4 mesi e di 2 anni l’albanese direttore del locale notturno e un complice tuttofare, mentre è stata condannata col rito abbreviato a 2 anni e mezzo una donna albanese 28enne, considerata l’intestataria nonché prestanome di conti correnti e aziende riconducibili al nightclub, attraverso i quali veniva riciclato il denaro di provenienza illecita. Le accuse contestate sono a vario titolo per associazione per delinquere finalizzata allo sfruttamento della prostituzione. La rete illegale era stata scoperta nel maggio 2021 dai carabinieri di Saronno. A fare scattare le indagini una delle vittime, una giovane italiana residente nel Varesotto, che ha denunciato 3di essere vittima di violenza da parte degli arrestati, che approfittavano delle difficoltà economiche delle ragazze a cui offrivano un lavoro per poi costringerle a ‘vendersi’. La donna ha chiesto aiuto ai carabinieri dopo essere stata aggredita e ha raccontato confusamente di una notte dove sarebbe stata costretta ad assumere alcol e droghe e poi violentata. Le indagini avrebbero portato alla luce una sistematica attività di reclutamento, sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione di ragazze ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?