Lorenzo Cherubini Jovanotti in nomination al Monza italian music award
Lorenzo Cherubini Jovanotti in nomination al Monza italian music award

Monza, 28 febbraio 2018 - Vasco , Jovanotti e Tiziano Ferro. Elisa, Gianna Nannini e Laura Pausini. E ancora J-Ax e Fedez, i Negramaro, Elio e le storie tese e Lo Stato sociale, Rovazzi con Gianni Morandi, i The Giornalisti, Ghali e Francesco Gabbani. In lista ci sono pure Calcutta, Motta, Levante, Carmen Consoli, Giorginess, Frah Quintale e la rivelazione da talent dei Maneskin. Pezzi da novanta. Corteggiati dall’ambizioso progetto del Monza italian music award. Un evento che assegnerà ad artisti e professionisti della musica che hanno valorizzato l’Italia nel 2017, un premio realizzato da Andy dei Bluvertigo. Una via di mezzo tra il Wind Music Award e il Festivalbar.

Una prima edizione sotto la direzione artistica di Roberto Masi, l’uomo della musica. Testardo e appassionato al punto da partire coi Subsonica anni fa per arrivare a organizzare concerti da grandi numeri, non soltanto il Gods of Metal e il Brianza Rock Festival ma Manu Chao e gli I-Days con Linkin Park, Radiohead, Green Day e Justin Bieber, tanto per citarne pochi. Masi e Cristina Baroni hanno deciso di scommettere su Monza, con la benedizione del sindaco Dario Allevi: «Speriamo che questo nuovo progetto possa avere le gambe per andare avanti».

Un’idea che ha già un programma definito: appuntamento il 20 luglio con le premiazioni dei vincitori delle dodici categorie in lizza per il premio Luna Rossa, dall’artista dell’anno al concerto dell’anno, dal miglior festival alla migliore agenzia di booking. Mentre il 21 luglio, un concertone con i vincitori sul pratone della Gerascia.

A patto che rispondano all’invito, compatibilmente con i rispettivi tour già fissati. I vincitori saranno decretati dai fan: dal 16 marzo e fino al 31 maggio sul sito www.brianzarockfestival.com si potranno votare gli artisti in nomination che poi si esibiranno live. In un concerto che vuole avere anche un ritorno di solidarietà sul territorio. Anche per questo è stato coinvolto Paolo Piffer, consigliere di minoranza a Monza, da dieci anni impegnato nel sociale: «Parte del successo dell’evento sarà utilizzate per sostenere un progetto sociale che ruota attorno alla musica».