L’ultimatum è per l’11 ottobre, quando scadrà l’ordinanza in cui si intima ai privati di provvedere alla pulizia e alla bonifica dell’area intorno al multiplex Magic Movie. Intanto l’associazione Amici del Parco del Grugnotorto, l’associazione Taccona - Comitato di Quartiere, il Movimento 5 Stelle, Ora per Muggiò e Rifondazione comunista si sono rimboccati le maniche. In occasione della...

L’ultimatum è per l’11 ottobre, quando scadrà l’ordinanza in cui si intima ai privati di provvedere alla pulizia e alla bonifica dell’area intorno al multiplex Magic Movie. Intanto l’associazione Amici del Parco del Grugnotorto, l’associazione Taccona - Comitato di Quartiere, il Movimento 5 Stelle, Ora per Muggiò e Rifondazione comunista si sono rimboccati le maniche. In occasione della giornata “Puliamo il mondo“, si sono dati appuntamento per documentare il degrado dell’area. "Siamo qui per affermare che per pulire il mondo bisogna iniziare da dove viviamo, e quindi che la discarica a cielo aperto che è il Multiplex deve essere ripulita e bonificata al più presto, integralmente, senza nessun rimando di responsabilità tra enti pubblici o privati", hanno spiegato.

"Sono anni e anni che l’area attorno al Multiplex è oggetto di abbandono abusivo di rifiuti, degrado e inquinamento. Per troppo tempo gli enti, i privati, le autorità che dovevano controllare hanno rimandato ad altri la responsabilità di impedire lo scempio ambientale che si è puntualmente avverato: Arpa, Asl, sindaci, curatori fallimentari, responsabili comunali dei vari uffici, assessori: nessuno che a un certo punto abbia detto basta". E ancora: "A dicembre 2019 alcune associazioni e partiti hanno provato a dire quel basta. C’è stata una sensibilizzazione dell’opinione pubblica che, nonostante i ritardi per l’emergenza Covid, sembra aver messo in moto quelle azioni che da troppi anni attendevano di essere prese. Qualche primo intervento è stato fatto dal Comune e dalla Provincia, e finalmente l’11 settembre una ordinanza comunale ai privati affinché rimuovano i rifiuti e mettano in sicurezza le aree che gli competono. Abbiamo accolto con favore l’ordinanza i cui termini di attuazione scadranno l’11 ottobre. Forse si è imboccata la strada giusta per rimuovere il problema. Controlleremo, che per l’11 ottobre vengano avviati i lavori di pulizia e bonifica".

Veronica Todaro