Monza, 16 maggio 2018 - Oggi la partenza da Brescia e sabato, dopo tre giorni in giro per l’Italia fino a Roma, la «Corsa più bella del mondo» farà tappa all’autodromo di Monza. La carovana rossa della 1000 Miglia colora ancora il Tempio della velocità per l’ultima sosta prima del ritorno al traguardo di Brescia. Un appuntamento suggestivo e affascinante con le dame a quattro ruote che ancora «camminano» e che a Monza porteranno in dote un gesto di solidarietà per i piccoli malati di leucemia. Perché durante la sosta dei driver verrà organizzato un pranzo-evento per i concorrenti e per il pubblico, il cui ricavato sarà devoluto al Comitato Maria Letizia Verga. 

Le vetture storiche inizieranno ad arrivare al Monza Eni Circuit dalle 11, provenienti dalla tappa di Lodi (dall’autostrada prenderanno la Valassina, viale Elvezia, poi viale Cesare Battisti, viale Brianza per entrare in Autodromo da Santa Maria delle Selve) senza modifiche alla viabilità. Effettueranno un giro di pista e stazioneranno poi nel paddock per permettere a tutti di vederle da vicino. L’ultima auto lascerà il circuito tra le 15.30 e le 16 (uscendo da Lesmo). In mezzo, il pranzo cucinato dai volontari del Gruppo Alpini e del gruppo «Monelli della Motta» di Varese: per piloti e navigatori saranno allestite tavolate nella Sala Regione mentre il pubblico potrà pranzare nei box del circuito che si affacciano sulla pitlane dove le vetture storiche dovranno transitare per il controllo orario, offrendo cosí un’altra occasione per ammirarle da poca distanza. Per partecipare al pranzo solidale occorre prenotarsi entro domani secondo le modalità indicate sul sito www.monzanet.it (Il pranzo comprensivo di vino rosso o bianco ha un costo di 25 euro a persona). 

Destinatario delle attenzioni della 1000 Miglia è il Centro Maria Letizia Verga, un ospedale dentro l’ospedale, i cui medici, infermieri, ricercatori e volontari combattono ogni giorno contro la leucemia, accanto ai bambini e alle loro famiglie, garantendolo loro la migliore cura e assistenza. Nella lotta contro la leucemia dei bambini è cruciale anche la ricerca: sono stati fatti tanti i passi avanti nelle cure grazie anche al laboratorio Tettamanti, e oggi oltre l’80% dei piccoli pazienti guarisce.  «È molto emozionante pensare che una gara storica come la 1000 Miglia si possa trasformare anche in un importante momento di solidarietà. Un grazie speciale all’Autodromo e a tutti coloro che ci aiutano per guarire un bambino in più», la soddisfazione di Giovanni Verga, presidente del Comitato Verga. Del resto «il circuito è da sempre attento al tessuto associativo del territorio - l’orgoglio di Giuseppe Redaelli, presidente della Sias, la societá che gestisce il circuito -. Ospitiamo spesso iniziative a fini di beneficenza come le manifestazioni podistiche a passo libero e il Monza Sport Festival. Abbiamo deciso di trasformare un atteso appuntamento come la 1000 Miglia in un’altra occasione di solidarietà». Sabato l’ingresso in circuito sarà gratuito. Parcheggi interni a pagamento (auto 10 euro, moto 5 euro).