Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
11 lug 2022

Mancano 123 medici di famiglia: 41mila pazienti scoperti nel 2023

Il direttore generale di Ats Brianza Carmelo Scarcella fa il punto della drammatica situazione: 121 hanno accettato di ampliare il parco assistiti , attivati 8 nuovi ambulatori di continuità assistenziale

11 lug 2022
cristina bertolini
Cronaca
Mancano 123 titolari: 54 arruolati per sopperire alla carenza, altri 69 da reperire
Mancano 123 titolari: 54 arruolati per sopperire alla carenza, altri 69 da reperire
Mancano 123 titolari: 54 arruolati per sopperire alla carenza, altri 69 da reperire
Mancano 123 titolari: 54 arruolati per sopperire alla carenza, altri 69 da reperire

Monza - Tra Monza e Brianza ben 17.168 cittadini sopra i 14 anni non hanno il medico di famiglia, su una popolazione di 751.567 residenti adulti. Il fabbisogno generale sarebbe di 578 medici per la copertura di tutti gli assistiti, ma al momento ci sono in servizio solo 455 titolari. Ne mancano 123 titolari, perciò 54 professionisti con incarico provvisorio stanno sopperendo parzialmente alla carenza, altri 69 sono da reperire. Lo ha spiegato il direttore generale di Ats Brianza Carmelo Scarcella, facendo il punto sulla situazione delle risposte, sia pur parziali, messe in atto in questi mesi. Il problema è stato generato da 5 anni a questa parte, dal pensionamento della coorte più numerosa di medici, i laureati a fine anni ‘70, quando si ebbe un vero e proprio boom di iscrizioni alla facoltà di Medicina. Da allora il Ministero dell’Istruzione e ricerca scientifica ha ridotto le borse di studio per le scuole di specialità post laurea e molti giovani medici si sono trasferiti all’estero allettati da stipendi e condizioni di lavoro migliori. I pazienti senza medico di Medicina generale, osserva il dirigente, sarebbero ben 30mila in Brianza se non fosse che ben 121 colleghi hanno accettato di ampliare il parco assistiti dal massimale standard di 1500 pazienti fino a 1750 o addirittura 2000. Si tratta di cifre incredibili se si pensa alla difficoltà di gestione di una popolazione in costante invecchiamento, con tanti pazienti fragili, cronici e pluripatologia, complicati dagli strascichi del “long Covid“. I pazienti senza medico sarebbero destinati a crescere fino a 41 mila unità a partire dall’inizio del 2023 a causa dei nuovi pensionamenti incombenti. "Per questo – spiega Scarcella – abbamo chiesto ai titolari di aumentare i pazienti, ma soprattutto abbiamo attivato 8 nuovi ambulatori per la continuità assistenziale, chiedendo aiuto ad Asst Brianza e ai Comuni". Si ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?