Quotidiano Nazionale logo
28 gen 2022

Lissone, punto tamponi: "Allungare gli orari"

Il caso approda in Consiglio comunale, dove è stato chiesto di ampliare l'apertura del drive through

fabio luongo
Cronaca
Il drive through aperto in piazza mercato a Lissone per far fronte all’emergenza
Il drive through aperto in piazza mercato a Lissone per far fronte all’emergenza

Far funzionare il centro tamponi di piazza Mercato tutti i giorni e con un orario più ampio, dando inoltre la possibilità di accedervi liberamente a tutti gli studenti che necessitano di un test anti-Covid per rientrare a scuola, così da facilitare e rendere più rapido il ritorno in classe di bambini e ragazzi. La richiesta porta la firma del capogruppo di Forza Italia, Daniele Fossati, che ha presentato un ordine del giorno urgente per la prima seduta di consiglio, confidando che nel frattempo la richiesta già basti per arrivare a una risposta in tempi celeri.
Il nuovo punto tamponi inaugurato la scorsa settimana in città e attivo, in modalità drive through (senza scendere dall’auto), tra la sede della Protezione Civile in via Tripoli e la piazza Mercato è aperto solo due giorni la settimana, il martedì e giovedì, e solamente di pomeriggio, per poche ore. In più, per potervi accedere è necessaria la prenotazione da parte del proprio medico di base: senza questo passaggio, al momento, non si può usufruire del servizio.
Limiti e vincoli che, a detta di Fossati, rischiano di azzopparne l’utilità e che non permettono di andare incontro a quella che è in questo momento la vera emergenza sul fronte tamponi, ossia l’ambito scolastico. Da qui il sollecito al Comune perché si impegni per ampliare il servizio. Più in particolare il capogruppo di Forza Italia chiede "di organizzare un’apertura quotidiana del drive through e per un numero maggiore di ore", nonché "di mettere tale servizio a disposizione di tutti gli alunni, al fine di agevolarne il normale rientro in sicurezza a scuola".
"Il numero di alunni attualmente in quarantena è estremamente elevato e difficilmente si ridurrà prima della prossima primavera – spiega Fossati –. Per tutti loro, per il rientro a lezione è necessario sottoporsi a un test antigenico rapido o molecolare, ma i posti per i test nelle farmacie del territorio sono limitati, e anche prendendo appuntamento con ampio anticipo è estremamente difficile riuscire a trovare disponibilità".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?