Il pitbull ha aggredito un bambino e la sorella
Il pitbull ha aggredito un bambino e la sorella

Monza, 15 aprile 2019 - Dopo essere stati assaliti da un pitbull, i due cuginetti di 5 e 7 anni sono stati operati d’urgenza per le gravi ferite riportate e ora sono ricoverati nel reparto di Pediatria dell’ospedale San Gerardo di Monza. Ci sono le loro mamme vicine. La bimba di 5 anni ha riportato ferite lacero contuse multiple a spalla e mano destra, braccio sinistro, palpebra e fronte. Il bimbo di 7 anni è stato curato per escoriazioni e piccole ferite lacero contuse nella parte bassa dell’addome, alla coscia destra, a entrambi i palmi della mano e all’avambraccio destro. I due piccoli hanno rischiato la vita e solo grazie all’intervento tempestivo di alcuni residenti sono salvi e non rischiano amputazioni.

Lo spaventoso episodio è accaduto sabato verso le 17 in via Monte Sabotino, zona Mombello, nelle case popolari. I due cuginetti erano in cortile con le rispettive mamme, il maschietto era vigilato dalla sua che è all’ottavo mese di gravidanza. «È stata una scena terribile – racconta una vicina di casa – Io non ho visto la scena, ma ho sentito le urla e il cane rabbioso che trascinava la piccolina come se fosse una bambola. Sono rimasta pietrificata, come le due mamme che sono state colte da malore. Per fortuna alcuni vicini sono corsi fuori e hanno cercato di proteggere i bambini, mentre altri coraggiosi hanno cercato di fermare quella belva. Una scena da incubo che mai più potrò dimenticare. Immagino quei poveri bambini e le loro mamme, una è in attesa di otto mesi. Gli operatori del 118 hanno dovuto soccorrere pure lei».

Aggiunge un signore anziano: «Prima o poi doveva accadere una disgrazia. Ed è ancora andata bene. Ho visto mentre il cane saltava dal balcone del piano terra e si è diretto come un razzo rabbioso verso i due cuginetti. Ho pensato sta volta accade davvero una tragedia. I due piccoli urlavano e quello li azzannava come se fossero bambolotti di pezza. Non è la prima volta che il pitbull aggredisce qualcuno. Lo abbiamo ripetuto più volte al suo padrone che non poteva lasciarlo libero in cortile, senza museruola o guinzaglio. Tutti eravamo impauriti da quel cane. Questa persona se ne è sempre fregata delle nostre richieste». Il cane Darko è stato prelevato dal personale dell’Ats di Monza.

I sanitari del 118, accorsi a Limbiate, hanno medicato sul posto i due bambini portandoli al pronto soccorso del San Gerardo, dove è stata accompagnata anche la donna gravida che ha accusato un malore assistendo alla scena. In via Monte Sabotino sono intervenuti anche i carabinieri della stazione di Limbiate, che stanno ricostruendo rapidamente la dinamica dell’accaduto: il cane era sfuggito al controllo del suo proprietario, un 39enne ecuadoriano che verrà denunciato all’autorità giudiziaria. Secondo diverse testimonianze, non sarebbe stato il primo episodio violento da parte del cane.

© RIPRODUZIONE RISERVATA