Brugherio (Monza), 9 luglio 2018 -  È stato svegliato nel cuore della notte. Troppo strani quei rumori provenire dall’appartamento vicino. Per l’orario ma soprattutto perché sapeva che i proprietari erano fuori città. Senza pensarci troppo ha chiamato i carabinieri che in pochi minuti sono arrivati e hanno scoperto un ladro che cercava di entrare in una casa al secondo piano dal balcone. Ed è lì che lo hanno raggiunto e ammanettato. E per scendere hanno poi dovuto chiamare i vigili del fuoco.

Notte movimentata tra sabato e domenica in via della Vittoria a Brugherio. Intorno alle 4 alla centrale operativa dei carabinieri è arrivata la telefonata di un cittadino che segnalava rumori sospetti provenire dall’appartamento confinante con il suo, al secondo piano. Ha raccontato dell’assenza dei proprietari e del timore che fosse in corso un tentativo di furto. Quindi è stata inviata una pattuglia della Stazione di Brugherio. Dopo poco in via della Vittoria sono arrivati i carabinieri che, però, dalla strada non sono riusciti a notare nulla di sospetto. A quel punto hanno chiesto a un residente di poter accedere al balcone per riuscire a controllare più da vicino quale fosse la reale situazione. Da lì hanno scoperto il ladro, accovacciato sul balcone nel maldestro tentativo di non farsi notare. I militari lo hanno raggiunto e ammanettato. Si tratta di un georgiano di 30 anni, senza fissa dimora, con precedenti per furto. Con sé aveva arnesi da scasso. Per scendere e portarlo in cella, i carabinieri hanno dovuto chiamare i pompieri che con l’autoscala hanno riportato a terra tutti.