Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
12 giu 2022

La sostenibilità paga Vola il fatturato del Cem

Il colosso dei rifiuti segna un più 8 per cento, pari a 76 milioni di euro. Utili a 2,7 milioni, mentre arriva il nuovo cda guidato da Alberto Fulgione

12 giu 2022
barbara calderola
Cronaca
I dati indicano il buono stato di salute della. società dei rifiuti
I dati indicano il buono stato di salute della. società dei rifiuti
I dati indicano il buono stato di salute della. società dei rifiuti
I dati indicano il buono stato di salute della. società dei rifiuti
I dati indicano il buono stato di salute della. società dei rifiuti
I dati indicano il buono stato di salute della. società dei rifiuti

di Barbara Calderola

I rifiuti rendono, Cem approva il bilancio: volano i conti.

"La sostenibilità paga" e il colosso pubblico della raccolta e dello smaltimento registra una crescita nel fatturato dell’8% nel confronto anno su anno, pari a 76 milioni di euro.

L’utile netto è di oltre 2,7 milioni: "Numeri importanti, in progressivo miglioramento – dice il presidente Giovanni Mele –. I dati indicano il buono stato di salute della nostra società".

È la prima manovra dopo la fusione dei due rami aziendali (Cem Ambiente e Cem Servizi) in uno solo: Cem Ambiente spa, non una semplice riorganizzazione, ma un nuovo modello con prestazioni prima esternalizzate, come la raccolta porta a porta, invece adesso tornate in house, a casa.

Fra cifre e capitoli ci sono strategie e investimenti: l’Ecuosacco, il sacco tracciabile, è la via del futuro che ha già convinto 44 soci su 71, bacino d’utenza che vi ricorre oggi, 400mila abitanti, secondo pilastro l’ampliamento della compagine societaria con le ultime adesioni di Cologno, Melegnano, Torrevecchia Pia e Borgo San Giovanni, mentre stanno portando a termine le pratiche Mediglia, Sordio e Tribiano.

Si allarga la famiglia di Cavenago e i compiti si fanno più complessi fra green e transizione ecologica. Ad occuparsi del delicato passaggio sarà un nuovo consiglio di amministrazione. Dopo tre anni, da statuto, il testimone passa di mano.

Da Mele al dem Alberto Fulgione, ex sindaco di Liscate, nome di peso nella politica di casa. Una successione nella continuità.

Al suo fianco i consiglieri Corrado Boccoli (ex assessore a Vimercate) riconfermato dal vecchio cda, e Laura Elena Cinquini.

A loro il compito di concretizzare le aspettative dell’eredità ricevuta, "un’azienda in espansione e un piano industriale tutto da realizzare", sottolinea Mele. Traguardi dei quali Alberto Fulgione è consapevole.

"I rifiuti sono un ambito strategico, di fondamentale importanza per l’economia e rappresentano un’opportunità concreta di agire a favore di un futuro verde – spiega il neo presidente – ma sul piano locale devono anche offrire un servizio adeguato ai cittadini".

"Si tratta di due facce della stessa medaglia che Cem ha sempre assicurato grazie a scelte attente e innovative. L’obiettivo è crescere, sul tavolo ci sono già altre sfide. La nuova flotta elettrica è il primo esempio della frontiera che stiamo varcando".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?