Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
8 feb 2022

La regola del 5 fa tirare un sospiro alle primarie

Portale dell’Ats bloccato e famiglie nel panico: nei giorni scorsi è scoppiato il caos

8 feb 2022
La quarantena alle primarie ora scatterà solo con cinque casi positivi
La quarantena alle primarie ora scatterà solo con cinque casi positivi
La quarantena alle primarie ora scatterà solo con cinque casi positivi
La quarantena alle primarie ora scatterà solo con cinque casi positivi
La quarantena alle primarie ora scatterà solo con cinque casi positivi
La quarantena alle primarie ora scatterà solo con cinque casi positivi

Le nuove norme Covid aboliranno di fatto la quarantena alla scuola primaria, perché ormai i casi per classi sono sempre meno di 5. Ma le nuove regole hanno fatto il loro debutto nel caos. "Le norme non erano chiare e per molti casi particolari la bozza divergeva dal decreto defintivo – dice Anna Cavenaghi, dirigente dell’Istituto comprensivo Anzani di Monza – gli uffici di Ats erano chiusi, perciò non si poteva interloquire. Quindi è partito il tam tam di dubbi e interrogativi tra colleghi dirigenti, insegnanti, genitori con i rappresentanti di classe, per capire se lunedì, ieri, i bambini sarebbero stati ammessi in classe. Ora finalmente si torna a fare scuola". Fino a ieri Ats non aveva modificato le indicazioni sulle quarantene e i genitori non sapevano come comportarsi per la riammissione. Molti, cambiando numero di telefono, non hanno pensato di notificarlo alla scuola e quindi ad Ats, perciò i messaggi di inizio e fine quarantena al numero vecchio non vanno a buon fine e quindi niente tamponi gratuiti. Alcuni non prestano attenzione all’indirizzo mail che spesso viene comunicato errato e anche in quel caso la comunicazione si perde e tocca alla scuola fare da tramite. "Solo noi sappiamo l’enorme lavoro delle segreterie – commenta Eliana D’Alò, dirigente del liceo Carlo Porta – la settimana scorsa il portale di Ats era in tilt, i genitori non riuscivano a notificare le positività e chiedevano alla scuola di farlo".C.B.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?