Il trolley con le sfere di hascisc sequestrate
Il trolley con le sfere di hascisc sequestrate

Triuggio - Oltre 300 sfere di “fumo” rivestite di nastro rosso sono state sequestrate dai poliziotti della Squadra Mobile di Milano che hanno arrestato tre cittadini marocchini sequestrando complessivamente 64,6 chili di hascisc in un appartamento di Triuggio. Lo ha riferito la Questura del capoluogo lombardo, spiegando che gli arrestati sono una donna di 26 anni dimorante di fatto a Canonica D’Adda (Bergamo), un 36enne residente a Cavenago di Brianza e un 27enne senza fissa dimora, tutti con precedenti di polizia. Agli arresti e al sequestro , gli agenti dell’antidroga sono arrivati attraverso il pedinamento della donna scoprendo la sua effettiva dimora nella Bergamasca e in seguito l’abitazione di Triuggio che aveva in uso e che, secondo l’accusa, "era stata trasformata in deposito della droga con la quale, con l’aiuto dei suoi complici, riforniva le piazze di spaccio di Milano e Monza".

Seguendo i suoi spostamenti, i poliziotti hanno visto la donna incontrarsi con il 36enne in un centro commerciale per poi spostarsi a bordo della vettura dell’uomo nei pressi di un parcheggio vicino allo stadio di Monza, dove sono stati raggiunti dal 27enne al quale hanno c onsegnato circa due chili di hascisc suddivisi in 20 panetti. Gli investigatori li hanno quindi fermati e hanno successivamente perquisito le abitazioni, trovando nell’appartamento di Triuggio gli altri 62,7 chilogrammi di “fumo”, confezionati in più di 300 involucri sferici di coloro rosso.
La polizia sottolinea che proprio "questo tipo di confezionamento appare una novità nel panorama della spaccio al dettaglio: si tratta di blocchi di hascisc che si incastrano formando una sfera marchiata “Xbox” rivestita di nastro rosso acceso, simulando le sfere incandescenti dei noti videogame da guerra".

Fra l’altro proprio di recente la Squadra Mobile di Monza aveva arrestato un trafficanto italo-egiziano di 25 anni domiciliato in Spagna ma che operava parecchio fra Monza e la Brianza e a cui è riconducibile lo spaccio di 240 chili tra hascisc e marijuana. Un’operazione che prende le fila dall’arresto a fine aprile di altri tre spacciatori giovanissimi, fra cui un agente della Squadra Volante. In quel caso per fidelizzare i giovani clienti gli spacciatori ricorrevano fra l’altro allo smercio di dolcetti e sciroppi all’hascisc-omaggio, di cui erano stati sequestrati diverse confezioni, oltre a una vera e propria serra di marijuana. Il poliziotto, 32 anni, già padre di famiglia, era stato arrestato dai suoi stessi colleghi, che avevano scoperto con sconcerto i suoi loschi traffici.