Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
25 giu 2022

Gigi Radice, Claudio Sala, il Giaguaro Monza-Toro, subito la sfida al passato

Il calendario di serie A sorteggiato ieri prevede al debutto la sfida contro il Torino all’U-Power Stadium. Una partita ricca di significati che affondano le radici nella storia della società biancorossa

25 giu 2022
dario crippa
Cronaca

di Dario Crippa Dieci dicembre 2018. Quando la bara esce dalla cappella della Rsa San Pietro, mentre gli applausi e la tromba della curva Maratona rendono omaggio al feretro bardato con maglia e sciarpa granata, dalla folla sbuca un tifoso del Monza: ci pensa lui ad attaccare anche una sciarpa biancorossa al feretro. Sono i funerali di uno degli allenatori più amati nella storia di Monza e Torino. Due promozioni in B con i biancorossi, uno storico scudetto, il primo e unico dopo Superga, con i granata. Nel cortiletto della cappella, c’è una sfilza di calciatori del passato, fra loro spiccano alcuni dei ragazzi del Toro di Radice: Claudio Sala, Patrizio Sala, il “Giaguaro“ Luciano Castellini. Tutti accomunati da una cosa: prima di vincere con il Toro, erano cresciuti ed erano stati lanciati dal Monza. Alcuni, era stato proprio Radice a portarseli in granata. Ecco, forse non c’è immagine più struggente di questa per provare a raccontare cosa significhi quanto uscito ieri mattina dal bussolotto che ha disegnato il prossimo calendario della serie A: il debutto in A del Monza sarà il 14 agosto all’U-Power Stadium proprio contro il Torino. Un’emozione nella storia del Monza, che quest’anno con Silvio Berlusconi a metterci i capitali, l’amministratore delegato Adriano Galliani far funzionare tutto come un meccanismo a orologeria e Giovanni “Giuanin“ Stroppa in panchina, ha raggiunto un traguardo mai toccato prima. Perché il calcio non sono solo gol e quattrini. Il calcio è anche un grande romanzo popolare, e non poteva forse esserci un esempio di “giustizia poetica“ più appropriato che mettere immediatamente di fronte il Monza e i granata. Torniamo a Radice, ultimo eroe romantico. Cresciuto al Villaggio Snia di Cesano Maderno, nel 1966 viene chiamato ad allenare un Monza sprofondato in serie C. Una scommessa, Radice come allenatore è alle prime ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?