Quotidiano Nazionale logo
23 gen 2022

Fiav, 65 dipendenti traditi dall’acciaio

L’azienda del gruppo Calvi Holding ha comunicato la decisione di chiudere lo stabilimento di Agrate, occupazione a rischio

martino agostoni
Cronaca

di Martino Agostoni Il 2022 inizia con 65 posti di lavoro in più a rischio in Brianza dopo la comunicazione dell’azienda di lavorazione dell’acciaio Fiav - L. Mazzacchera spa di Agrate di voler cessare l’attività e mettere in liquidazione la società. Il 27 dicembre l’azienda con sede in via Archimede 45 ha aperto la procedura di mobilità con la prospettiva di arrivare al licenziamento di tutti i suoi dipendenti, un organico di 65 lavoratori. La Fiav è un’azienda attiva da oltre un secolo: fondata nel 1913 da Luigi Mazzacchera, ha avuto la sua sede storica a Milano fino al 2008, poi il suo trasferimento ad Agrate Brianza. È specializzata nella produzione di profili trafilati in acciaio su disegno del cliente, una nicchia dell’ampio settore della metallurgia. Dal 2004 è entrata a far parte del gruppo Calvi Holding, leader mondiale nella produzione di profili in acciaio, ed è attualmente controllata al 100% dalla Calvi spa. A seguito della comunicazione dell’azienda del 27 dicembre il sindacato dei metalmeccanici della Cisl, la Fim Monza e Brianza, ha chiesto un incontro urgente e ha avviato un tavolo di confronto. "L’azienda ha ribadito l’intenzione di cessare l’attività al termine delle commesse attualmente in corso – spiega Enrico Vacca, segretario generale Fim Cisl Monza e Brianza – Non è quindi ancora definita la tempistica della chiusura, ma dovrebbe essere questione di pochi mesi. Il primo incontro urgente che abbiamo richiesto si è tenuto nei giorni scorsi ma da parte dell’azienda non sono state date comunicazioni in più rispetto all’intenzione di chiudere, una soluzione contro cui ci opponiamo. "Si stanno definendo i prossimi incontri e la priorità del sindacato è la continuità occupazionale della sessantina di lavoratori dell’azienda". I sindacati hanno chiesto di rimettere in discussione la chiusura, ipotizzando uno scenario che salvaguardi comunque l’occupazione utilizzando gli ammortizzatori ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?