Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
20 lug 2022

Monza, droga: la mappa dello spaccio in città

Viaggio lungo i canali che hanno segnato negli ultimi anni l’acquisto e il consumo di sostanze stupefacenti in città, incubo eroina

20 lug 2022
dario crippa
Cronaca
Spaccio alla stazione di Monza
Spaccio alla stazione di Monza
Spaccio alla stazione di Monza
Spaccio alla stazione di Monza

I clienti non sanno neanche quello che prendono. Gli dicono eroina, o cocaina, ma sono tagliate spesso tante di quelle volte e con sostanze di qualità così infima che non rischi tanto per la droga, ma per quello che è diventata. È una delle realtà che emergono dallo spaccio in città. Dove geografie e spacciatori cambiano, ma mai troppo. Cominciamo dal Parco, ex tempio privilegiato dei pusher. Qualche spacciatore ancora bazzica da quelle parti, si ritrova nel sottopasso con i clienti, li adocchia e avvicina sulla panchine appoggiate nel cuore dei Boschetti Reali. Eppure la situazione non è quella di qualche anno fa. Un po’ anche perché hanno adottato nuove strategie: piccole dosi, parcellizzazione estrema dello spaccio, in modo da minimizzare i danni qualora acciuffati dalle forze dell’ordine. Hascisc e marijuana nascosta dietro i cespugli e dietro le panchine, fra gli alberi. Una situazione per nulla paragonabile a quando notte e giorno da quei Boschetti transitavano in mezzo ai ragazzi spacciatori in Pick-up pronti a offrire hascisc, marijuana ma pure la “bamba” (cocaina) anche alle mamme col passeggino. Oltre 70 arresti effettuati dai carabinieri nel 2008 erano stati sufficienti a ripulire il grosso, poi un martellamento costante delle forze dell’ordine per mantenere il fenomeno a livelli di piccolo cabotaggio, anche se fino a qualche tempo fa era ancora possibile avvistare le “vedette”: piccoli tossicodipendenti che in cambio di una dose stavano appostati ad avvisare dell’arrivo delle forze dell’ordine. Lo spaccio si è spostato , però, itinerante ma sempre pronto a riaffiorare come un fiume carsico. L’ultimo snodo ai giardinetti. In via Azzone Visconti, schiacciati fra il centro e la stazione ferroviaria, nel 2019 una grossa operazione di polizia aveva portato all’arresto di oltre 50 persone, fra loro anche le due che avevano aggredito Vittorio Brumotti mentre andava ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?