Quotidiano Nazionale logo
3 mag 2022

Dal Barocco fino al jazz Musicamorfosi “respira”

Armonie spirituali in quattro esibizioni raffinate e coinvolgenti in un programma itinerante con il festival “Note di Primavera”

fabio luongo
Cronaca
Il trombettista Giovanni Falzone protagonista del concerto d’apertura
Il trombettista Giovanni Falzone protagonista del concerto d’apertura
Il trombettista Giovanni Falzone protagonista del concerto d’apertura

di Fabio Luongo

Da Bach a John Coltrane, dalle fughe barocche al jazz più raffinato, in un percorso musicale nella spiritualità. E poi un viaggio tra il classicismo settecentesco, la musica da camera e le composizioni di Ennio Morricone. E ancora, due violoncelli che spaziano dal barocco al rock e due virtuosisti di piano e sax. Quattro appuntamenti in altrettanti luoghi di Lesmo per un’immersione nella magia delle note. È il festival “Note di Primavera”, organizzato dal Comune e curato dall’associazione Musicamorfosi, in collaborazione con la Comunità pastorale del paese, la protezione civile di Camparada Correzzana e Lesmo e la Scuola di musica Città di Lesmo. Si comincerà oggi alle 21 nella chiesa parrocchiale con il concerto “A Love Supreme (da Bach a Coltrane)”, con un ensemble formato da Giovanni Falzone alla tromba, Arsene Duevi alla voce, la soprano Joo Cho e Roberto Olzer all’organo: lo spettacolo mescolerà il genio compositivo di Johann Sebastian Bach con il jazz di Coltrane, in particolare con i brani del suo leggendario album “A Love Supreme” del 1964, che segnarono la nascita di un nuovo universo musicale, legato alla conversione spirituale del grande jazzista americano.

Sarà un itinerario sonoro che incrocerà pure gli spirituals e la musica africana, esempio peculiare dell’intreccio tra ritmo e voce da cui è poi germogliata la musica afroamericana che ha segnato il Novecento. Ingresso con offerta libera. La seconda tappa sarà domenica alle 21 in piazza Garibaldi a Peregallo con “Appasionate Suite”, con la Never Seen Orchestra diretta da Gianmaria Bellisario che si muoverà tra il classicismo di Luigi Boccherini e le colonne sonore di Morricone, unendo docenti e allievi della Scuola civica di musica di Lesmo. In caso di maltempo il concerto si terrà al PalaIlpra di via Meucci. Mercoledì 11 a fare da suggestiva scenografia alle note sarà la Villa Il Gernetto di via Volta, a Gerno, aperta in via straordinaria: qui alle 21 si esibiranno i Guerzoncellos con “Da Vivaldi a Michael Jackson”, ossia i violoncellisti Tiziano ed Enrico Guerzoni, padre e figlio, coinvolti in duetti che mescoleranno barocco, jazz e rock. Ingresso libero ma con prenotazione obbligatoria scrivendo a prenotazioni@comune.lesmo.mb.it.

Giovedì 19, infine, alle 19 in via Volta a Gerno sarà di scena il Duo Taddei Nicolardi, alias Jacopo Taddei al sassofono e Luigi Nicolardi al pianoforte, un vortice di virtuosismi, classica e musica moderna. In caso di pioggia il concerto si svolgerà nella sala consiliare del Comune.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?