Quotidiano Nazionale logo
17 feb 2022

Dà fuoco al materasso della sua cella, sale la tensione in carcere

Dall’inizio dell’anno già due suicidi tra i detenuti. Domenico Benemia (Uilpa polizia penitenziaria): "Servono provvedimenti urgenti"

marco galvani
Cronaca
Gli agenti denunciano il disinteresse della politica su ciò che accade dietro le sbarre
Gli agenti denunciano il disinteresse della politica su ciò che accade dietro le sbarre
Gli agenti denunciano il disinteresse della politica su ciò che accade dietro le sbarre

di Marco Galvani Ha dato fuoco al materasso della sua cella nel reparto di prima accoglienza del carcere di Monza e solo l’immediato intervento degli agenti ha evitato che fiamme e fumo si estendessero in tutta la sezione. Ma "registriamo l’ennesimo evento critico in via Sanquirico". A denunciare l’episodio è Domenico Benemia della segreteria regionale della Uilpa polizia penitenziaria. Dall’inizio dell’anno si sono già verificati due suicidi tra i detenuti, mentre non si contano le aggressioni verbali, quando non fisiche, contro gli agenti. Situazioni che "stanno scuotendo il sistema e stanno via via togliendo ogni minima certezza sia alla cittadinanza (che si attende rieducazione e certezza della pena) sia agli operatori che a vario titolo lavorano in carcere e che chiedono le minime tutele dal proprio datore di lavoro, ovvero lo Stato". E ancora: "Noi agenti siamo preoccupati dal disinteresse verso quello che accade ogni giorno all’interno del carcere. Tra suicidi, anche tentati, e aggressioni verso il personale in divisa, c’è un allarme sociale che non vogliamo venga scaricato esclusivamente sulle spalle della polizia penitenziaria". Per questo "continuiamo a dire che bisogna smetterla con le chiacchiere e le passerelle e dare segno di presenza dello Stato con provvedimenti concreti ed emergenziali che si pongano l’obiettivo di rifondare il modello d’esecuzione penale, e riorganizzare, potenziandolo, il corpo di polizia penitenziaria". E probabilmente, "più personale permetterebbe maggiori controlli". Secondo il sindacato "è una corsa contro il tempo. E contro i pochi mezzi messi a disposizione". Senza dimenticare "la follia di delegare al carcere la gestione di persone affette da patologie psichiatriche, cosa che oltretutto comporta l’assenza di cure adeguate per loro e delle condizioni minime di sicurezza per gli operatori penitenziari. Davanti a queste persone siamo ‘disarmati’, senza protocolli operativi d’intervento viviamo in balìa del primo detenuto che decide di dare in escandescenza". Clima ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?