Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
24 feb 2022

Controllo di vicinato: patto con 26 comuni

La prefetta Palmisani ha riformulato il testo: per le segnalazioni dei cittadini previsto un agente di polizia locale referente in ogni paese

24 feb 2022
di marco galvani
Cronaca
Patrizia Palmisani sottoscrive il nuovo accordo sulla sicurezza: mappatura delle aree a rischio
Patrizia Palmisani sottoscrive il nuovo accordo sulla sicurezza: mappatura delle aree a rischio
Patrizia Palmisani sottoscrive il nuovo accordo sulla sicurezza: mappatura delle aree a rischio
Patrizia Palmisani sottoscrive il nuovo accordo sulla sicurezza: mappatura delle aree a rischio
Patrizia Palmisani sottoscrive il nuovo accordo sulla sicurezza: mappatura delle aree a rischio
Patrizia Palmisani sottoscrive il nuovo accordo sulla sicurezza: mappatura delle aree a rischio

di Marco Galvani La sicurezza non ha bisogno di eroi improvvisati e impreparati. Scordatevi le ronde notturne o i pattugliamenti in divise faidate. Servono sentinelle, quelle sì. Per segnalare reati o situazioni di pericolo. E’ così che il lavoro di polizia, carabinieri, guardia di finanza e vigili può diventare sempre più capillare ed efficace. Perché "la sicurezza non è soltanto repressione - ricorda il questore Marco Odorisio -. La sicurezza comincia dalla prevenzione. E quella la fanno (anche) i cittadini con i loro comportamenti". È così che è nato il controllo di vicinato. I vicini di casa che tengono gli occhi aperti gli uni sugli altri. Avvistamenti e segnalazioni soprattutto contro i furti nelle case e i truffatori che prendono di mira gli anziani. Ma andare in ordine sparso è solo una dispersione di energie, di risorse e di tempo. Già c’era una sorta di ‘regolamento’ per l’organizzazione dei gruppi di controllo di vicinato definito dalla Prefettura, ma solo tre Comuni della Brianza l’avevano sottoscritto. Troppo pochi in una provincia con 55 comuni e oltre 800mila abitanti. Qualcuno si è organizzato in proprio, tuttavia "per rendere maggiormente efficace la collaborazione tra istituzioni e cittadini è stato necessario regolamentare meglio una iniziativa che ha lo scopo di stimolare il senso civico e, di conseguenza, di contribuire ad aumentare il livello di sicurezza, anche percepita", le parole della prefetta Patrizia Palmisani. Così l’esperienza sul campo ha suggerito un aggiornamento che ha portato all’elaborazione di un nuovo testo a cui hanno già aderito 26 sindaci, da Monza, Meda, Seregno, Cesano Maderno, Biassono, Brugherio e Concorezzo alle città più piccole come Albiate, Usmate, Burago. Due gli aspetti di novità che riguardano, da una parte il rapporto tra le istituzioni, dall’altra la collaborazione tra istituzioni e cittadini. Innanzitutto "i sindaci avranno la possibilità di chiedere ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?