Tra i compiti da fare ci sarebbe la sanificazioni dei giochi per i bimbi
Tra i compiti da fare ci sarebbe la sanificazioni dei giochi per i bimbi

Cogliate (Monza e Brianza), 28 maggio 2020 -  Appello del sindaco a chi riceve in Reddito di cittadinanza: "Dateci una mano per riaprire i parchi pubblici". Il sindaco leghista di Cogliate Andrea Basilico, ha scritto una lettera personale a tutti i 14 cittadini cogliatesi che risultano destinatari del Reddito di cittadinanza. Si rivolge a loro chiedendo un segnale di disponibilità per affiancare l’Amministrazione comunale in un compito che risulta indispensabile per poter procedere alla riapertura in sicurezza dei parchi pubblici del paese, che attualmente sono ancora chiusi per l’emergenza coronavirus.

La decisione di tenere ancora chiusi i parchi pubblici è stata spiegata dallo stesso sindaco, che si è rivolto in video ai cittadini. "Anche nell’ultimo Dpcm, per poter procedere con la riapertura dei parchi, ci sono delle prescrizioni precise a cui attualmente non riusciamo a far fronte", ha detto Basilico. Anzitutto è necessario sorvegliare costantemente tutti i parchi pubblici e inoltre c’è l’obbligo di procedere almeno una volta al giorno, alla pulizia e sanificazione di tutte le attrezzature presenti, dai giochi per bambini agli attrezzi per l’attività fisica.

"Per noi oggi è impossibile, con le limitate risorse di personale ed economiche che abbiamo, garantire questo tipo di servizio",dice il sindaco. "Abbiamo però trovato una possibile soluzione pensando ai nostri concittadini che hanno avuto la fortuna di ricevere il reddito di cittadinanza. Chiederò loro di rendersi disponibili in maniera volontaria". Così il primo cittadino ha fatto partire le lettere, già recapitate a tutti i percettori del reddito di cittadinanza, a cui ha chiesto di avere una risposta entro venerdì 29 maggio.

"Mi auguro di ricevere tutti sì, anche perché questo è il primo concreto progetto che avranno a disposizione visto che tutti quelli che avrebbero dovuto partire con i navigator risultano fermi". "Tutte le persone che ricevono il reddito di cittadinanza dovrebbero partecipare ai Puc, Progetti utilità collettiva ma al momento non ne è stato avviato nemmeno uno. Noi ci siamo confrontati con il Piano di zona e la nostra proposta è stata riconosciuta sarà considerata valida per gli obblighi da assolvere per continuare a ricevere il reddito".

Per Cogliate si tratta di avere persone in grado di garantire la sorveglianza all’interno dei giardini pubblici allo scopo di evitare situazioni di assembramento o di rischio e di intervenire regolarmente con la pulizia dei giochini e delle attrezzature con prodotti adatti a garantirne l’igienizzazione. Nei 2 mesi della Fase 1 dell’emergenza, a Cogliate l’impegno dei volontari è stato esemplare, dando vita ad un servizio di consegna a domicilio senza uguali nel circondario e anche in città più grandi, con oltre 10mila consegne effettuate e registrate, che hanno consentito a molte centinaia di persone di restare nelle case per settimane, senza che gli mancasse nulla. Adesso con la Fase 2, i volontari sono stati in gran parte "congedati" e la richiesta di aiuto si rivolge ai percettori del sussidio garantito.