Quotidiano Nazionale logo
15 gen 2022

Cento anni di Autodromo di Monza: un francobollo e una moneta per celebrare l'evento

È già pronto il bozzetto della medaglia d’argento da 5 euro. Non c’è invece traccia dei cantieri per i nuovi sottopassi e il rifacimento del circuito da completare entro i primi di luglio

marco galvani
Cronaca
Giuseppe Redaelli, presidente della Sias, annuncia un capitolo nuovo nella storia dell’autodromo grazie ai finanziamenti in arrivoIl disegno dell’inglese Michael Turner Il logo ufficiale dell’autodromo e le date
Giuseppe Redaelli, presidente della Sias

Monza - Un francobollo ordinario e, prima volta nella storia, una moneta d’argento per celebrare i 100 anni dell’autodromo di Monza. Ma i primi grandi lavori da infiocchettare in vista del prossimo Gran premio d’Italia, il Gp del centenario, rischiano di dover slittare al 2023. La priorità sono nuovi sottopassi e totale rifacimento della pista, interventi che dovrebbero essere completati entro i primi giorni di luglio. Non oltre.  Per consentire il sopralluogo della Federazione in vista del Gran premio. A disposizione, quindi, ci sono solo 5 mesi. Una missione complicata anche nonostante Aci Italia si sia già portata avanti con la progettazione. Nei giorni scorsi, nell’ultimo incontro fra Sias (la società di Aci che gestisce il circuito), Consorzio Parco e Villa e Aci, è stata "definita un’identità di obiettivi". Ora servono i permessi e le pratiche amministrative, oltre alla gara d’appalto e poi i tempi di cantiere. Seguendo "un iter serio e rapido allo stesso tempo", l’auspicio di Giuseppe Redaelli, presidente di Sias.

Alle sue spalle ha lasciato "un 2021 abbastanza positivo nonostante il Covid abbia ancora pesantemente condizionato l’intera stagione". A cominciare dal Gp di Formula Uno, che ha chiuso con un rosso di 15 milioni di euro. Un anno di "problemi e tensioni", ma "il 2022 si è aperto con gradevoli sorprese". Il riferimento del presidente va ai 20 milioni di euro (5 nel 2022, 15 nel 2023) che il Governo ha previsto nella legge di Bilancio per sostenere interventi sull’autodromo e a quegli ulteriori 5 milioni per ogni anno di contratto fino al 2025 per contribuire a pagare il fee da riconoscere alla Formula Uno. Ed è proprio quest’ultimo tesoretto la vera buona notizia perché permetterà alla Regione – grazie alla quale "si è aperto un capitolo nuovo per la storia dell’autodromo" – di destinare lo stesso importo (che già garantisce da anni) non più all’organizzazione del Gp, ma agli investimenti. Operazione che si formalizzerà "non appena saremo in grado di fare un cronoprogramma dei lavori". Ma non c’è alcuna certezza su quando potranno partire i primi cantieri. Anche se non è escluso che – vista pure la stagionalità di alcuni lavori, come ad esempio le asfaltature – tutto venga rimandato tra il prossimo autunno e la primavera del 2023. Nel frattempo si lavora a un calendario che "non avrà molte gare importanti", ma "il 2022 sarà un anno di transizione che ci proietta verso un 2023 di grandi aspettative – la prospettiva di Redaelli –. Sempre con Regione stiamo ragionando per realizzare qualcosa di significativo legato al centenario nei giorni del Gran premio, ma pensiamo di realizzare tutti gli eventi celebrativi maggiori dal 3 settembre (giorno esatto dell’inaugurazione del circuito nel 1922) a settembre 2023".

Ad oggi le uniche certezze sono il francobollo del centenario che verrà emesso a settembre e la moneta d’argento da 5 euro "in versione fior di conio, millesimo 2022, da cedere, in appositi contenitori, ad enti, associazioni e privati italiani o stranieri", l’indicazione del ministero dell’Economia e delle Finanze. Il dritto della moneta "raffigura un’opera del disegnatore inglese Michael Turner che riproduce una fase di gara del 2° Gran Premio d’Italia, disputato il 10 settembre 1922 all’Autodromo nazionale Monza. In primo piano compaiono sul rettilineo le auto di Pietro Bordino, vincitore della corsa su Fiat 804, e Pierre de Vizcaya, terzo al traguardo su Bugatti T29. Sulla destra, si possono osservare le tribune per il pubblico mentre a sinistra l’uscita della Curva Sud e la terza auto, quella di Guido Meregalli su una Diatto tipo 20S. Nel giro, la scritta Repubblica Italiana". Sull’altra faccia, "al centro, il logo ufficiale dell’Autodromo nazionale Monza e le date 1922-2022. A destra e a sinistra, gli spalti moderni dell’Autodromo nazionale Monza. In alto, nel giro, la scritta 100° Anniversario; in esergo, R, identificativo della Zecca di Roma e il valore 5 euro".
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?