Quotidiano Nazionale logo
4 feb 2022

Caso Mussolini, il plauso della società civile

Dopo le polemiche in Consiglio ha invece espresso la sua soddisfazione la “Rete Associazioni e Giustizia sociale“ sulla cittadinanza revocata

gualfrido galimberti
Cronaca
La decisione dopo la posa delle pietre d’inciampo da parte del sindaco Alberto Rossi
La decisione dopo la posa delle pietre d’inciampo da parte del sindaco Alberto Rossi
La decisione dopo la posa delle pietre d’inciampo da parte del sindaco Alberto Rossi

di Gualfrido Galimberti Ha fatto discutere in Consiglio comunale la scelta delle liste di maggioranza di revocare la cittadinanza onoraria a Benito Mussolini. Ora fa discutere anche la società civile. Tra meraviglia, motivi di opportunità e critica politica. Una volta appreso quanto ha deciso il Consiglio comunale, ha subito espresso la sua soddisfazione la "Rete Associazioni e Giustizia sociale", che raduna diverse realtà del territorio cittadino e brianzolo: Anpi Seregno, Collettivo Ag!Tamente, Comitato antifascista, Acli Seregno, Gruppo Scout Agesci Seregno 1, Dare un’anima alla Città, Amici Cinema Roma, Casa della Sinistra, Cgil Monza Brianza, Cisl Monza Brianza, Legambiente Seregno. "Vogliamo ribadire la soddisfazione che proviamo per rispetto di tutti i seregnesi che contribuirono, anche a costo della propria vita, alla liberazione dalla dittatura fino a consegnarci la Democrazia come descritta dalla Costituzione della Repubblica Italiana – spiegano gli esponenti della Rete Associazioni e Giustizia sociale –. Ricordiamo a tutti che qualcuno, pochi anni fa, ha deposto una lapide al cimitero di Seregno in onore dei militanti della Repubblica di Salò che combatterono con la finalità di perpetuare violenza e sopraffazione. La Politica non è tutta uguale. Ieri, come oggi, è intollerabile che vi siano consiglieri comunali che, dietro a balbettanti “se“ e “ma“, nascondono il disprezzo per la propria storia e il non riconoscimento, a partire dal ripudio del fascismo, dei valori democratici fondanti la nostra Costituzione. Conoscenza e memoria siano ingredienti per i patrioti del presente e del futuro. Essere democratici significa inevitabilmente essere antifascisti, lo dobbiamo per rispetto dei nostri patrioti che ci consegnarono la libertà". Non nasconde invece le sue perplessità Tiziano Mariani (leader della lista civica "Noi x Seregno"), assente alla seduta consiliare. "Una mozione che ha sostanzialmente spaccato in due il Consiglio e la città – commenta –. Forse sarebbe stato più logico concordare all’unanimità la concessione ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?