Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Candy, gli esuberi a Brugherio aumentano

La Fiom: nell'ultimo incontro l'azienda ci ha comunicato l'intenzione di fare altri 30 tagli fra gli impiegati oltre i 343 già annunciati fra gli operai

Ultimo aggiornamento il 30 settembre 2015 alle 19:14
Una manifestazione dei lavoratori della Candy

Brugherio, 30 settembre 2015 - Candy, gli esuberi aumentano. Saranno 30 in più (fra gli impiegati) oltre ai 343 già annunciati a giugno (340 operai e 3 impiegati). Una nota diffisa dalla Fiom Brianza spiega che "nell'incontro, convocato per discutere in merito al rinnovo del Contratto di solidarietà in scadenza il prossimo 13 ottobre, l'azienda ha confermato la riduzione dei livelli di produzione che per il prossimo anno si dovrà attestare a circa 330mila lavatrici prodotte, rispetto alle attuali 380mila, con un conseguente numero di esuberi in fabbrica pari a 343 unità ai quali si devono aggiungere 30 esuberi nella palazzina uffici".

“Gli ulteriori 30 esuberi sono una novità rispetto a quanto la stessa Candy ci aveva detto a fine giugno - ha detto Pietro Occhiuto, segretario della Fiom Cgil Brianza –. Una novità che ci dice chiaramente di come la famiglia Fumagalli, storica proprietaria dell'azienda, intende disimpegnarsi dall'Italia”. “Viste queste condizioni irricevibili – prosegue Occhiuto - abbiamo proposto alla Direzione aziendale, al fine di evitare questi licenziamenti, di rinnovare il Contratto di solidarietà a condizioni simili a quello in scadenza. Al contempo abbiamo chiesto di presentarci immediatamente il Piano industriale e pretendiamo che questo venga fatto presso il Ministero dello Sviluppo Economico”.

“Candy intende delocalizzare altra produzione in Cina e Russia nel silenzio completo delle istituzioni. Ci si deve rendere conto che questo rischia di diventare un enorme problema sociale del quale tutti se ne devono fare carico” conclude Occhiuto.

Intanto stasera (30 settembre) una delegazione dei lavoratori Candy sarà ospite alla trasmissione La Gabbia di Gianluigi Paragone su La7. E la protesta assume una dimensione sempre più social. I lavoratori Candy hanno infatti creato la pagina facebook Fermiano i licenziamenti in Candy lanciando l'hashtag #373dinoi che presto comparirà anche su twitter.

Venerdì 2 ottobre la trattativa riprenderà nella sede territoriale di Confindustria.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.