Quotidiano Nazionale logo
14 mag 2022

Vaiolo delle scimmie, altri due casi a Londra. Cos'è e come si manifesta

Una coppia è risultata positiva alla rara malattia virale: nessuna correlazione con il primo caso registrato nei giorni scorsi

Vaiolo delle scimmie anche in Italia
Vaiolo delle scimmie anche in Italia

Londra, 14 maggio 2022 -  Altri due casi di vaiolo delle scimmie a Londra, dove una coppia è risultata positiva alla rara malattia virale di cui si era registrato già un caso nei giorni scorsi. La conferma dei due nuovi casi, non correlati in alcun modo con quello scoperto a inizio maggio, arriva dall'Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA). Si tratta del terzo caso rilevato in Inghilterra durante questo mese. Contattate e tenute sotto costante monitoraggio tutte le persone che sono entrate a contatto con la coppia.

Cos'è il vaiolo delle scimmie

Simile alla malattia che colpisce gli esseri umani, il vaiolo delle scimmie non è grave e viene generalmente curato entro poche settimane.  ll vaiolo delle scimmie è un'infezione virale rara che non si diffonde facilmente tra le persone, tiene a precisare la Ukhsa. In genere è una malattia che si autorisolve e la maggior parte di chi la sviluppa guarisce entro poco settimane. Tuttavia, in alcune persone si possono osservare forme gravi. L'infezione può trasmettersi fra contatti stretti, ma il rischio di contagio verso la popolazione generale è molto basso, assicura l'Agenzia Uk.

I sintomi e il rischio contagio

I sintomi con cui si manifesta sono soprattutto febbre, mal di testa e dolori muscolari e alla schiena. È possibile  che in alcuni casi si presenti anche un'eruzione cutanea. Le autorità britanniche stanno ora indagando sul  tracciamento, per capire dove le ultime due persone abbiano contratto il vaiolo delle scimmie. "E' importante sottolineare che il vaiolo delle scimmie non si diffonde facilmente tra le persone e il rischio complessivo per la popolazione in generale è molto basso", dichiara Colin Brown, direttore Infezioni cliniche ed emergenti, Ukhsa.

Il precedente di Londra

Il primo caso è stato registrato il 7 maggio scorso quando una persona, arrivata nel Regno Unito dalla Nigeria (dove si ritiene abbia contratto l'infezione) si è sentita male ed è stata ricoverata nel reparto di malattie infettive del Guy's and St Thomas' Nhs Foundation Trust, secondo quanto riferisto dalla Ukhsa, i cui esperti hanno monitorato i compagni di volo dell'uomo che sull'aereo dall'Africa si trovavano nei posti a sedere più vicini.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?