Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
5 mar 2022
5 mar 2022

Ucraina, Sergiy Stakhovsky dal tennis alla guerra. Nel 2013 sconfisse Federer a Wimbledon

L'ex tennista ucraino è tornato nel suo Paese, lasciando moglie e tre figli piccoli, per combattere dopo l'invasione della Russia: "Non ho mai sparato, ma sono pronto a farlo"

5 mar 2022
Sergiy Stakhovsky si è unito alle forze militari di Kiev
Sergiy Stakhovsky si è unito alle forze militari di Kiev
Sergiy Stakhovsky si è unito alle forze militari di Kiev
Sergiy Stakhovsky si è unito alle forze militari di Kiev

Kiev (Ucraina), 5 marzo 2022 - Dal campo da tennis alla guerra. Sergiy Stakhovsky, 36 anni, ha appena chiuso la carriera da professionista. Ha assistito all'invasione russa in Ucraina e non ci ha pensato due volte. Così è tornato nel suo Paese a piedi, attraversando il confine slovacco e lasciando moglie e tre figli, e si è unito a Kiev alle forze pronte a scontrarsi con i russi. "Sono nato qui, i miei nonni sono sepolti qui, vorrei avere una storia da raccontare ai miei figli. Nessuno vuole essere liberato dalla Russia, abbiamo libertà e democrazia. La Russia vuole portare disperazione e povertà", le parole del coraggioso ex tennista, che nel 2013 stupì il mondo intero battendo Roger Federer a Wimbledon.

Sergiy Stakhovsky dopo la vittoria a Wimbledon contro Federer
Sergiy Stakhovsky dopo la vittoria a Wimbledon contro Federer

"Ho una moglie e tre bambini. Se fossi rimasto a casa, mi sarei sentito in colpa per non essere tornato. Ora sono qui e mi sento in colpa perché li ho lasciati a casa", dice Stakhovsky. "Ovviamente mia moglie si è arrabbiata. Ha capito le mie ragioni, ma si sente tradita. E capisco alla perfezione perché si senta così", aggiunge. Ai figli, tutti di età inferiore ai 7 anni, la coppia non ha ancora detto nulla. "Mia moglie non gli ha detto niente e io non gli ho spiegato dove stavo andando. Credo che se ne renderanno conto presto. A volte è difficile dormire con tutto questo in testa. Ma ora che sono a Kiev mi sento sollevato, perché vedo molta energia negli occhi della gente", racconta l'ex numero 31 delle classifiche mondiali Atp. "Non sono un soldato, non ho mai impugnato una pistola, non ho mai sparato a nessuno. Ma se devo, lo farò. Sono pronto a combattere perché amo il mio Paese, voglio che sia ancora sulle cartine, cresca, diventi migliore e più europeo. Vorrei che i miei figli vedessero la trasformazione dell'Ucraina. Paura? Certo che c'è paura, solo gli idioti non provano paura in questa situazione", conclude Sergiy Stakhovsky.

Stakhovsky non è l'unico atleta ucraino al fronte. Spiccano infatti i nomi dei pugili Oleksandr Usyk e Vasiliy Lomachenko. "Non voglio uccidere. Ma se vogliono togliermi la vita o uccidere i miei cari, dovrò farlo", aveva detto nei giorni scorsi Usyk alla Cnn da Kiev. "Non voglio sparare, non voglio uccidere nessuno. Ma se vogliono uccidermi, non avrò scelta". In prima linea anche due vere leggende del pugilato, i fratelli Klitschko. Vitali è il sindaco di Kiev e dall'inizio dell'invasione russa è impegnato per difendere la capitale: "L'esercito russo è uno dei più grandi al mondo e sarà una lotta difficile, ma gli ucraini combatteranno per il nostro futuro, combatteranno per i nostri figli". Al fianco di Vitali, c'è WladimirArruolato come riservista, non ha esitato un attimo a imbracciare le armi: "Ci difenderemo fino all'ultima goccia di sangue", il grido di battaglia dell'ex campione del mondo dei pesi massimi.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?