Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
14 giu 2022

Scozia, torna a soffiare il vento indipendentista: "Sì a un nuovo referendum"

Il primo ministro Nicola Sturgeon: "Gli elettori ci hanno dato un chiaro mandato e la Brexit ha cambiato lo scenario rispetto alla consultazione del 2014"

14 giu 2022

Edimburgo (Scozia) - Il primo ministro scozzese Nicola Sturgeon ha lanciato una nuova campagna per l'indipendenza della Scozia, affermando che gli elettori lo scorso anno le hanno dato un chiaro mandato votando il Partito nazionale scozzese, favorevole all'indipendenza.

"Dopo tutto quello che è successo, Brexit, Covid, Boris Johnson, è tempo di definire una visione diversa e migliore - ha detto Sturgeon durante una conferenza stampa a Edinburgo - è tempo di parlare di rendere la Scozia più ricca e più giusta. È tempo di parlare di indipendenza e di fare questa scelta". Dal maggio 2021 il parlamento ha avuto una netta maggioranza di deputati favorevoli all'indipendenza e impegnati a dare al popolo scozzese la possibilità di fare questa scelta con un altro referendum. "Il popolo scozzese ha eletto un Parlamento scozzese con una maggioranza decisiva a favore sia dell'indipendenza che del diritto di scelta - ha aggiunto Sturgeon - il Parlamento scozzese ha quindi un indiscutibile mandato democratico".

Il governo ha pubblicato il primo di una serie di documenti che spingono verso un nuovo referendum. La Scozia ha votato per rimanere parte dell'unione con l'Inghilterra, che dura da tre secoli, in uno storico referendum del 2014. Ma Sturgeon e il suo Partito nazionale scozzese (SNP) affermano di avere un mandato indiscutibile per un altro voto, soprattutto alla luce dell'uscita del Regno Unito dall'Unione Europea. Dal canto suo, Londra fin qui si è sempre opposta alla tenuta di una seconda consultazione.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?