Vaccinazioni in Israele (Ansa)
Vaccinazioni in Israele (Ansa)

In Israele si è registrato nelle ultime 24 ore il minimo tasso di contagi da coronavirus da oltre due settimane, ovvero il 5,76% con 4.975 nuovi casi di Covid-19 rilevati su 87.744 test effettuati. Giovedì e venerdì il tasso di positività era rispettivamente all'8,42% e al 6,91%.

Negli ospedali israeliani sono ricoverati 679 pazienti Covid-19 in gravi condizioni, 143 dei quali collegati a ventilatori, come riporta il sito di Ynet.

C'è quindi un cauto ottimismo tra gli esperti della Sanità, che ritengono possibile che il Paese abbia superato la quarta ondata della pandemia. Il professor Eran Segal, consulente scientifico del governo sulla pandemia e creatore del modello di previsione del coronavirus del Weizmann Institute of Science, ha dichiarato a Ynet che Israele è riuscito a superare l'attuale ondata di infezioni poiché i dati mostrano un rallentamento nella diffusione della pandemia.

Nei giorni scorsi Israele aveva registrato un'impennata di casi legata alla riapertura delle scuole. In occasione della ripartenza delle attività didattiche il governo israeliano aveva infatti effettuato tamponi a tappeto per bambini e ragazzi indivuduando molti casi asintomatici.