Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
15 mar 2022
15 mar 2022

Cyber-guerre, l'armata di 300mila hacker volontari contro la Russia: lo scoop del Guardian

In molti hanno iniziato a paralizzare i servizi web e la presenza digitale del governo moscovita oltre ai gangli delle ferrovie bielorusse

15 mar 2022
hacker
Un hacker al lavoro, contro la Russia ce ne sono almeno trecentomila
hacker
Un hacker al lavoro, contro la Russia ce ne sono almeno trecentomila

Kiev - “È la cosa giusta da fare”: ben 300.000 hacker volontari si uniscono per combattere la Russia. A rivelarlo è il Guardian che ha conttatto alcuni dei “legionari“ informatici schierati a fianco dell’Ucraina contro l’invasone russa. “Siamo stati coinvolti in una guerra ibrida e in una guerra diretta con la Russia dal 2014” dice uno loro. L’Ucraina tramite Mykhailo Fedorov, vice primo ministro ucraino e ministro per la trasformazione digitale, ha fatto appello a un esercito globale di esperti IT per aiutare nella battaglia contro Putin e molti hanno risposto all’appello. 

Kali, per esempio, ha imparato a usare la tecnologia giocando con il telefono di suo nonno. Ora, l’adolescente svizzero sta cercando di paralizzare la presenza digitale del governo russo e delle ferrovie bielorusse. Kali - e molti altri che hanno contribuito al reportage del Guardian - ha rifiutato di condividere il suo vero nome perché alcune delle azioni che sta compiendo sono illegali e perché teme ritorsioni russe. È una delle circa 300.000 persone che si sono iscritte a un gruppo sull’app di chat Telegram chiamato “IT Army of Ukraine”, attraverso il quale ai partecipanti vengono assegnati compiti progettati per combattere Vladimir Putin. In tal modo, stanno cercando di livellare il campo di gioco tra una delle superpotenze mondiali e l’Ucraina mentre questa affronta bombardamenti e invasioni.

Il tentacolare esercito di hacker è riuscito a interrompere i servizi web russi, secondo NetBlocks, una società che monitora la connettività Internet globale. La società dice che la disponibilità dei siti web del Cremlino e della Duma - la camera bassa del parlamento russo - è stata “intermittente” dall’inizio dell’invasione. Sono stati presi di mira anche i siti dei servizi mediatici statali, diverse banche e il colosso dell’energia Gazprom.

“Gli attacchi in crowdsourcing hanno avuto successo nell’interrompere il governo russo e i siti Web dei media sostenuti dallo stato”, afferma Alp Toker, direttore di NetBlocks. Aggiunge che la Russia ha tentato di mitigare gli attacchi e dissuadere gli hacker filtrando l’accesso a determinati siti Web, il che ha causato ulteriori interruzioni. Come molti dei suoi colleghi, Kali è stato indirizzato al gruppo Telegram, che ha versioni in lingua ucraina e inglese, da Mykhailo Fedorov, vice primo ministro ucraino e ministro per la trasformazione digitale.

 Fedorov, 31 anni, ha utilizzato il suo profilo Twitter ampiamente ampliato per supplicare i dirigenti delle più grandi aziende tecnologiche del mondo di tagliare i legami con la Russia. Il 26 febbraio ha postato un link al gruppo Telegram, istituito dal suo dipartimento ministeriale. “Abbiamo bisogno di talenti digitali”, ha detto. “Ci saranno compiti per tutti”. Mentre il suo paese d’origine ha mantenuto a lungo una politica di neutralità militare, Kali è stato spronato ad agire quando ha visto il tweet di Fedorov. 

“Volevo aiutare e usare le mie capacità di attacco per aiutare l’Ucraina”, dice tramite Telegram. “Vengo dalla Svizzera, ma sono un forte hacker e mi dispiace tanto per ogni ucraino. Lo faccio perché sono con l’Ucraina e voglio aiutare in qualche modo. Penso che se hackeriamo le infrastrutture russe si fermeranno, forse, perché nulla funzionerà più”. Kali dice che i suoi genitori non sono particolarmente entusiasti di quello che sta facendo, anche se cerca di non dirgli molto. E non è l’unico.

Caroline, una ventenne dell’area metropolitana di New York, ha detto ai suoi genitori di essersi arruolata nell’esercito informatico poche ore prima di parlare al telefono. “Stanno iniziando a preoccuparsi”, dice. Dopo aver visto con orrore i video di Twitter e Instagram che hanno rivelato l’impatto devastante che il conflitto sta avendo sui civili ucraini, Caroline si è sentita in dovere di agire quando ha visto il tweet di Fedorov. Aveva visto quanto fosse stata distruttiva la diffusione della disinformazione durante la campagna presidenziale di Donald Trump.

 “Le elezioni del 2016 ci hanno aperto gli occhi sugli effetti sfortunati di queste cose e su come influiscono davvero su alcune delle nostre relazioni nel mondo reale”.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?