Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
20 mar 2022

Guerra in Ucraina, il dilemma di Mariupol: tregua o ultimatum russo? Ore decisive

I timori maggiori di escalation ora riguardano il possibile ingresso in guerra della Bielorussia al fianco di Putin

20 mar 2022
A pregnant woman is carried on a stretcher bed as she is evacuated from a children hospital in Mariupol, southeastern Ukraine, following Russia army bombardment on Wednesday March 9, 2022. The Ukraine Armed Forces who releases this photo does not indicate casualties of the strikes. Ukraine President Volodymyr Zelensky confirms the strike of the maternity hospital in Mariupol, saying in his online post: People, children are under the wreckage. Atrocity! How much longer will the world be an accomplice ignoring terror? Close the sky right now! Stop the killings! You have power but you seem to be losing humanity. The Red Cross say the humanitarian crisis in Mariupol is apocalyptic and worsening by the hour as Russia continues to bombard the besieged Ukrainian city. Mariupol is a city of regional significance in south eastern Ukraine, situated on the north coast of the Sea of Azov at the mouth of the Kalmius river, in the Pryazovia region. It is the tenth-largest city in Ukraine, and the second largest in Donetsk Oblast with a population of 431,859. (Ukraine Armed Forces/EYEPRESS) (Photo by EyePress News / EyePress via AFP)
Mariupol, donna incinta evacuata dall'ospedale
A pregnant woman is carried on a stretcher bed as she is evacuated from a children hospital in Mariupol, southeastern Ukraine, following Russia army bombardment on Wednesday March 9, 2022. The Ukraine Armed Forces who releases this photo does not indicate casualties of the strikes. Ukraine President Volodymyr Zelensky confirms the strike of the maternity hospital in Mariupol, saying in his online post: People, children are under the wreckage. Atrocity! How much longer will the world be an accomplice ignoring terror? Close the sky right now! Stop the killings! You have power but you seem to be losing humanity. The Red Cross say the humanitarian crisis in Mariupol is apocalyptic and worsening by the hour as Russia continues to bombard the besieged Ukrainian city. Mariupol is a city of regional significance in south eastern Ukraine, situated on the north coast of the Sea of Azov at the mouth of the Kalmius river, in the Pryazovia region. It is the tenth-largest city in Ukraine, and the second largest in Donetsk Oblast with a population of 431,859. (Ukraine Armed Forces/EYEPRESS) (Photo by EyePress News / EyePress via AFP)
Mariupol, donna incinta evacuata dall'ospedale

Tregua o Ultimatum? E' il dilemma che riguarda la città di Mariupol. I russi infatti sostengono di aver prosto un cessate il fuoco per evacuare i civili mentre per glu ucraini questa proposta suona come un ultimatum per la resa.

Scade alle 3 del mattino italiane, le 5 in Ucraina, l'ultimatum russo ai difensori di Mariupol perche' sventolino bandiera bianca e, una volta arresi, lascino la citta'. "Gettate le armi", e' l'appello del presidente del Centro di Controllo di Difesa Nazionale Russo, Mikhail Mizintsev, "si e' sviluppata una terribile catastrofe umanitaria". "Le autorita' di Mariupol ora hanno l'opportunita' di fare una scelta e mettersi dalla parte della popolazione, in caso contrario il tribunale militare che li attende e' solo il minimo di quel che meritano per i loro terribili crimini, che la Russia sta documentando con molta cura", ha aggiunto Mizintsev.

L'assalto russo a Mariupol è sempre più violento. L'Armata ha iniziato a colpire anche dal mare la città martire del sud dell'Ucraina, dopo aver portato i carri armati per le strade del centro. E si teme una nuova strage, a causa di un bombardamento che ha colpito una scuola trasformata in un rifugio per almeno quattrocento sfollati. Ennesimo dramma di vittime innocenti in una guerra che, a dispetto di alcuni segnali di ottimismo sul fronte diplomatico, rischia di un'ulteriore escalation.

Perché secondo l'intelligence di Kiev l'ingresso nel conflitto della Bielorussia al fianco di Putin appare imminente. Nella città portuale del sud ridotta ormai ad uno scheletro, la popolazione sotto assedio ha vissuto una nuova giornata da incubo. Questa volta sotto il fuoco russo è finita una scuola, diventata un rifugio per circa 400 sfollati, hanno denunciato le autorità municipali. E come per il teatro, è iniziata la corsa a cercare sotto le macerie donne, bambini e anziani.

I soccorsi sono resi ancora più difficili per via dei combattimenti strada per strada. E la morsa dei russi si è stretta ulteriormente con proiettili lanciati da quattro navi della Marina. «La città continua a essere bombardata sia dal cielo che dal mare», ha reso noto il consigliere del sindaco Pet Andrushenko, affermando che gli occupanti sembra siano ansiosi di spazzarci via«. Questo caos ha un effetto anche sulle evacuazioni, che continuano a procedere ad estremo rilento.

Per i civili in trappola c'è anche un altro spettro, quello della deportazione. Secondo il Municipio in migliaia sono stati obbligati a trasferirsi in Russia. La guerra non ha risparmiato i civili neanche nell'est del Paese. Dove si è avuta notizia di una strage in una casa di riposo. Cinquantasei anziani nella città di Kreminna sono stati uccisi sotto il fuoco di un carro armato russo, ha reso noto il capo della regione di Lugansk, Serhii Haidai. L'attacco è avvenuto nei giorni scorsi, ha precisato Haidai, denunciando che altri 15 residenti della casa di cura sono stati portati a Svatove, centro urbano occupato dalla Russia. Sugli altri fronti l'Armata di Putin ha continuato ad attaccare dal cielo e con l'artiglieria, prendendo di mira soprattutto depositi di armi, munizioni, centri di comando e basi.

A Zhytomyr nel nord del Paese, Mosca ha riferito di aver colpito un centro di addestramento, uccidendo oltre 100 tra mercenari stranieri e forze speciali ucraine. Secondo il ministero della Difesa britannico, gli invasori insisteranno su questa strada per supportare gli assalti di terra, che procedono con grandi difficoltà - e numerose perdite - a causa dell'efficace resistenza degli ucraini. Basta citare i numerosi alti comandanti russi uccisi, per ultimo il vicecomandante della flotta del Mar Nero.

Nell'ambito di questa strategia la Russia ha lanciato un altro missile ipersonico Kinzhal, per la seconda volta in due giorni. L'arma di ultima generazione ha colpito un deposito di carburante vicino alla città meridionale di Mykolaiv. L'utilizzo di un dispositivo così potente, per gli Stati Uniti, suona come un avvertimento di Putin all'Occidente ma anche come un tentativo di »riprendere slancio" in un conflitto in cui il suo esercito si è impantanato, ha affermato il capo del Pentagono Lloyd Austin. Rilevando che le truppe »non sono efficaci nei loro movimenti a terra e sono bloccate" dagli ucraini, "che stanno combattendo valorosamente". In questo quadro, Kiev teme che la Russia provi a forzare ulteriormente la mano aprendo un altro fronte. Secondo fonti di intelligence, c'è una "minaccia alta" di un'offensiva della Bielorussia in direzione Volyn (nord-ovest), che potrebbe iniziare nelle prossime 48 ore. Proprio nei giorni scorsi il presidente Alexander Lukashenko, fedele alleato di Putin, aveva avvertito gli ucraini che avrebbe risposto ad una non meglio precisata »escalation di Kiev contro Minsk"

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?