Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
4 mar 2022
4 mar 2022

Guerra Ucraina in tempo reale: nona giornata in diretta e notizie live

L'offensiva di Mosca non dà tregua: conquistata la centrale nucleare di Zaporizhazhia, Kiev e Mariupol accerchiate. Truppe russe entrano a Mykolayiv, poi vengono respinte

4 mar 2022

Kiev - E' la nona giornata di guerra in Ucraina.  L'offensiva di Mosca non dà tregua: battaglia nella notte per il controllo della centrale nucleare di Zaporizhzhia, la più grande d'Europa, la quinta al mondo, Nel corso degli scontri tra le forze russe e ucraine è scoppiato un incendio fuori dal perimetro della centrale poi messa in sicurezza: non sono stati segnalati cambiamenti nei livelli di radiazioni. Inevitabili le reazioni dell'Occidente. Il presidente ucraino ha accusato Mosca di ricorrere al "terrore nucleare" e di voler "ripetere" il disastro di Chernobyl. Il presidente Usa Joe Biden ha esortato la Russia a cessare il fuoco sulla centrale. E il primo ministro britannico ha accusato Vladimir Putin di mettere in pericolo l'intera Europa. Boris Johnson ha poi chiesto una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Anche i mercati hanno subito questa nottata di combattimenti e panico: tonfo dei future sui listini di Wall Street e delle borse europee ed apertura in forte calo per le Borse asiatiche. Ieri, nel secondo round negoziale, le delegazioni di Mosca e Kiev hanno solo trovato un'intesa di massima sui corridoi umanitari. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha chiesto di parlare con il capo del Cremlino, ma Vladimir Putin ha solo voluto ribadire i suoi obiettivi: "Non ritornerò mai indietro rispetto alla mia dichiarazione che Russia e Ucraina sono un unico popolo". Oggi sono in programma riunioni d'emergenza dei ministri degli Esteri di Nato, G7 e Ue sull'Ucraina. Triplicato intanto il flusso di profughi in arrivo in Italia: una circolare del ministero della Salute allerta le Regioni perché predispongano risorse per garantire tamponi e vaccini anti-Covid ai rifugiati.

Le centrali nucleari ucraine
Le centrali nucleari ucraine

23.19 ASSASSINIO PUTIN, CASA BIANCA: NON è LA NOSTRA POSIZIONE
La Casa Bianca ha preso le distanze dalle affermazioni del senatore repubblicano Lindsey Graham, che ha invocato l'assassinio del presidente russo da Vladimir Putin da parte di un connazionale. "Questa non e' la posizione del governo americano e certamente non e' una dichiarazione uscita dalla bocca di qualcuno che lavora per questa amministrazione", ha sottolineato la portavoce Jen Psaki. Graham ha sostenuto la necessita' che "qualcuno elimini questo tizio con qualsiasi mezzo possibile": "Se Putin continua a essere il vostro leader, allora vi rendera' complice di crimini di guerra. Siete brava gente, non avrete mai un futuro, sarete isolati dal mondo e vivrete in condizioni di estrema poverta'". "Quindi - ha affermato il senatore repubblicano - spero che qualcuno in Russia capisca che sta distruggendo la Russia, e che deve eliminare questo tizio con ogni mezzo possibile". 

23.02 ZELENSKY CONDANNA ONU SU RIFIUTO "NO FLY ZONE"
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha condannato il rifiuto «deliberato» della Nato a creare una no-fly zone in Ucraina.

22.34 KAMALA HARRIS VOLA IN POLONIA E ROMANIA
Anche la vicepresidente Kamala Harris - dopo il segretario di stato Usa Antony Blinken - vola in Europa, dove visiterà Varsavia e Bucarest dal 9 all'11 marzo, «per dimostrare la forza e l'unità della Nato e il sostegno degli Usa agli alleati del fianco orientale di fronte all'aggressione russa», nonchè per «evidenziare lo sforzo collettivo per supportare il popolo ucraino»: lo rende noto la Casa Bianca. Blinken, oggi a Bruxelles, visiterà sino al 9 marzo Polonia, Moldavia e paesi Baltici.

21.58 SEQUESTRATO A IMPERIA YACHT DI MILIARDARIO RUSSO
Le autorita' italiane hanno dato esecuzione al provvedimento a carico di Alexey Alexandrovits Mordaschov sull'imbarcazione "Lady M Yacht" localizzata nel porto di Imperia, dal valore stimato di circa 65 milioni di euro, in ottemperanza delle recenti sanzioni UE. La notizia e' confermata in ambienti di palazzo Chigi.

20.22 BOMBE VICINO A KIEV: 5 MORTI FRA CUI 3 BAMBINI
Cinque persone sono rimaste uccise, di cui tre bambini, in un bombardamento avvenuto nel pomeriggio sul villaggio di Markhalivka, nella regione di Kiev. Ne dà notizia il Servizio statale per le emergenze ucraino, aggiungendo che una donna potrebbe essere ancora sotto le macerie. Secondo il Servizio, citato dalla Interfax Ucraina, otto case private hanno preso fuoco a causa del bombardamento. Due bambini sono stati estratti vivi da sotto le macerie.

20.12 SIRENE ANTIBOMBE SUONANO A KIEV
Sirene antiaereo stanno risuonando in questo momento a Kiev. Lo annuncia sul proprio profilo Telegram la municipalità della stessa capitale ucraina invitando i cittadini ad andare nei rifugi. 

19.59 RUSSIA. "ATTACCO A CENTRALE NUCLEARE OPERA DI SABOTATORI UCRAINI"
L'attacco all'impianto nucleare di Zaporizhzhia e' stato opera di "gruppi di sabotaggio ucraini". Lo ha detto l'ambasciatore russo all'Onu, Vazily Nebenzya, intervenendo alla riunione d'emergenza alle Nazioni Unite chiesta da sei Paesi. Il rappresentante diplomatico di Mosca ha denunciato "un'altra serie di bugie", e puntato il dito sul ruolo del "terrorismo interno" e del "nazionalismo ucraino" che starebbe usando i civili come scudi umani per far ricadere la colpa sui soldati russi.

19.23 "SANZIONI 'SOLO' PER COLPIRE L'ECONOMIA"
"Le sanzioni non sono pensate per provocare un cambio di regime in Russia, le sanzioni sono state provocate dalla guerra e l'obiettivo è quello di indebolire l'economia russa, farle sentire le conseguenze" dell'azione bellica "e rafforzare la posizione degli ucraini nei negoziati". Lo ha dichiarato l'Alto rappresentante Ue per la Politica estera, Josep Borrell, al termine del Consiglio Affari esteri straordinario sulla guerra in Ucraina. 

19.19 I TENNISTI AZZURRI
La nazionale italiana di Coppa Davis ha fatto sentire il suo supporto all'Ucraina dopo l'invasione da parte della Russia. A Bratislava, in occasione dello spareggio contro la Slovacchia per la qualificazione alla fase a gironi del prossimo settembre, l'Italia ha fatto stampare delle magliette con la scritta 'Stop the war' e si è presentata con uno striscione con le parole "no war". 

19.13 LA CINA: "CAMBIAMENTI COMPLESSI"
 "Incoraggiamo la Russia e l'Ucraina a rimanere concentrate sul raggiungimento di un accordo di pace", ha detto l'ambasciatore cinese alle Nazioni unite Zhang Jun sottolineando che "la crisi ucraina sta attraversando dei cambiamenti complessi" che Pechino segue da vicino e si dice preoccupata in merito all'incidente alla centrale nucleare di Zaporizhzha.  L'ambasciatore ha invitato, però, a restare "con la mente fredda", "razionali" e ad "adottare un approccio imparziale e oggettivo per creare le condizioni per colloqui diretti tra le parti".

19.10 LA RUSSIA BLOCCA FACEBOOK
L'Autorità russa per le comunicazioni ha annunciato il blocco di Facebook in Russia. Lo riporta l'agenzia russa Interfax. 

19.01 L'ESERCITAZIONE SPAZIALE
Ha preso il via Aster X, l'esercitazione spaziale militare tattica e operativa europea guidata dalla Francia per addestrare le unità del comando spaziale ad affrontare le minacce spaziali emergenti. "Ci sarà un prima e dopo il 24 febbraio 2022 (data dell'invasione dell'Ucraina da parte di Mosca, ndr) anche nello spazio. Dobbiamo aumentare la nostra autonomia strategia europea, inclusa la connettività sicura e sovrana", ha sottolineato il commissario europeo per il Mercato interno, Thierry Breton, nel corso di una conferenza dedicata al test. 

19.00 BORRELL: "I RUSSI BOMBARDANO QUALSIASI COSA"
 "I russi stanno bombardando e prendendo di mira qualsiasi cosa: ospedali, case, scuole con molte vittime civili. Questo è un modo barbaro di fare la guerra. Il Consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani manderà presto una missione per esaminare le violazioni che stanno avvenendo in Ucraina". Lo ha detto l'Alto Rappresentante Ue per la Politica estera e di sicurezza comune, Josep Borrell, oggi a Bruxelles, a margine del Consiglio esteri straordinario sulla guerra in Ucraina, parlando ai giornalisti insieme al segretario di Stato Usa, Antony Blinken.

18.54 PROFUGHI: LA RISPOSTA DELL'ITALIA
"Stiamo strutturando un modello di risposta, ci auguriamo e immaginiamo che i profughi non arrivino in ore. Siamo organizzati per dare una risposta modulata". Lo ha detto Fabrizio Curcio, capo dipartimento della Protezione Civile, rispondendo a una domanda dei cronisti nel corso della conferenza stampa alla sede della Protezione Civile in via Vitorchiano, a Roma, convocata per condividere i contenuti dell'ordinanza che disciplina l'accoglienza della popolazione ucraina.

18.47 I RUSSI: "CORRIDOI UMANITARI BLOCCATI DAI NAZIONALISTI"
L'esercito russo nelle aree che controlla in Ucraina ha creato corridoi per l'uscita della popolazione civile, ma "i nazionalisti, sotto la minaccia delle armi, non consentono loro di farlo". Lo ha affermato il ministero della Difesa russo, Serghei Shoigu, in un colloquio con il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres, come riferito da Mosca

18.44 LA RICHIESTA SUI MEDIATORI
L'Ucraina chiede la partecipazione di mediatori internazionali ai negoziati con la Russia, quando riprenderanno per un terzo round, già questo fine settimana, presumibilmente in una località della Bielorussia dato che Mosca ha escluso che si possano svolgere in altri Paesi.  "Non abbiamo alcuna fiducia nella Federazione russa, quindi abbiamo bisogno di un mediatore internazionale responsabile", ha affermato il consigliere del Presidente ucraino, Mykhailo Podolyak, citato dall'agenzia Unian. 

18.43 CORPI SOTTO LE MACERIE
Circa 100 persone potrebbero trovarsi sotto le macerie delle case a Borodyanka, nella regione di Kiev. Lo rivela l'emittente statunitense Radio Liberty/Radio Free Europe. 

18.38 GLI USA: EVITATA CATASTROFE NUCLEARE
 "Grazie a Dio abbiamo evitato una catastrofe nucleare". Lo ha detto l'ambasciatore americano all'Onu Linda Thomas-Greenfield intervenendo in Consiglio di sicurezza sull'attacco russo alla centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhya. "L'attacco russo della scorsa notte ha messo in grave rischio la più grande centrale nucleare europea. E' stato incredibilmente sconsiderato e pericoloso, ha minacciato la sicurezza dei civili in Russia, Ucraina ed Europa", ha sottolineato.

18.36 L'APPELLO DI ZELENSKY
Torna a farsi sentire il presidente ucraino Zelensky. "Non restare in silenzio, esci per le strade, sostieni l'Ucraina. È la vittoria del bene contro il male, della libertà contro ciò che sta accadendo oggi in Ucraina. Se cade l'Ucraina, cadrà tutta l'Europa", ha detto Zelensky in un video in live streaming sui social.

18.34 L'AMBASCIATORE RUSSO ALL'ONU
L'ambasciatore russo all'Onu, Vasily Nebenzya, ha definito "una bugia" l'accusa a Mosca di aver attaccato una centrale nucleare in Ucraina. 

18.31 IL ROGO VICINO ALLA CENTRALE
Nuovi dettagli sugli scontri vicino alla centrale nucleare più grossa d'Europa. L'incendio scatenato dai combattimenti vicino a Zaporizhzhia ha causato danni all'impianto di addestramento a circa 1.500 piedi (450 metri circa) dal più vicino dei sei reattori dell'impianto. Lo scrive il New York Times in base all'analisi delle immagini del rogo.

18.27 LA VOCE DEL METROPOLITA DI KIEV
il metropolita di Kiev Onufryi, capo della Chiesa ortodossa ucraina, pur ancora canonicamente sottoposta al Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello diretto a Vladimir Putin: "Vladimir Vladimirovich, fai di tutto per porre fine alla guerra sul suolo ucraino! La guerra non porta bene al popolo. La guerra sparge sangue e il sangue divide le persone. Puoi farlo, e noi crediamo e vogliamo che tu lo faccia", afferma il metropolita ortodosso. 

18.26 LA "PUNZIONE" PER I SOLDATI RUSSI
Sono in quattro, seduti uno accanto all'altro con le mani e le ginocchia tenuti legati con del nastro adesivo. Indossano divise stracciate, sudicie. Con gli occhi bendati e la voce flebile intonano l'inno nazionale ucraino al "regista" che li immortala con la videocamera del cellulare e li guida anticipando la performance con un "Uno, due, via".  E' la "punizione" riservata a un gruppo di soldati russi catturati dai militari ucraini, immortalata e messa online su un canale Telegram con il titolo "Jazz band in concerto".

18.25 G7: NUOVE SANZIONI
 I Paesi del G7 imporranno delle nuove "severe sanzioni" alla Russia: lo ha annunciato la stessa organizzazione in un comunicato. 

18.19 DUE BIMBI UCCISI DALLE BOMBE
Si aggrava il bilancio delle vittime civili del conflitto. Sette persone sono state uccise, inclusi due bambini, in un raid aereo russo sulla zona rurale attorno a Kiev,. Lo ha reso noto la polizia ucraina. Il raid ha colpito il villaggio di Markhalivka, a sud della capitale ucraina. 

18.13 UNA GUERRA CHE PUO' DURARE
Il conflitto in Ucraina rischia di diventare uno sgradevole nostro compagno di viaggio. "Sfortunatamente e tragicamente, questa guerra potrebbe non finire presto. Per questo dobbiamo continuare a sostenere gli sforzi che tutti stiamo facendo insieme, Stati Uniti ed Europa". Così il segretario di Stato statunitense Antony Blinken.

18.09 KIEV E L'UNIONE EUROPEA
"C'è un processo per divenire membro dell'Ue, ma la richiesta di adesione da parte di Kiev merita la nostra attenzione strategica". Lo ha detto il vice presidente della Commissione europea, Maroš Šefcovic, al termine del consiglio informale Affari generali. Dai ministri dei 27 è arrivata una "forte indicazione" per dare a Kiev "un chiaro segnale che l'Ucraina appartiene a noi, il suo popolo è parte di noi e la vogliamo dentro il prima possibile", ha spiegaTO Šefcovic. 

18.05 L'INVITO DELLA TURCHIA
Mevlut Cavusoglu, ministro degli Esteri turco, vorrebbe organizzare un incontro tra Sergei Lavrov e Dmytro Kuleba in Turchia. L'esponente del governo Erdogan vorrebbe riunire gli omologhi di Russia e 
Ucraina a margine del Forum della diplomazia di Antalya, che si terrà dall'11 al 13 marzo prossimi, "se le condizioni lo permetteranno", riporta l'agenzia Anadolu riferendo dichiarazioni di Cavusoglu da Bruxelles.

18.02 CONDANNA AI COMBATTIMENTI INTORNO AI SITI NUCLEARI
"Le operazioni militari intorno ai siti nucleari e ad altre infrastrutture civili critiche non solo sono inaccettabili, ma altamente irresponsabili". A dichiararlo è stata Rosemary DiCarlo, sottosegretario generale per gli affari politici e il peacebuilding intervenendo alla seduta straordinaria del Consiglio di sicurezza che si sta svolgimento all'Onu, a proposito dell'assalto alla centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia.

18.00 STAMPA CENSURATA
E dopo lo stop alla Bbc arrivano altre cattive notizie sul fronte della libertà di stampa in Russia.  Il quotidiano russo Novaya Gazeta ha annunciato sui social di essere costretto a rimuovere dal suo sito il materiale sull'invasione russa in Ucraina a causa della censura del Cremlino. Il quotidiano, che è diretto dal co-vincitore del premio Nobel per la pace 2021, Dmitry Muratov, ha aggiunto che continuerà a scrivere delle conseguenze, anche economiche, cui va incontro la Russia, e della persecuzione dei dissidenti.

17.53 SINTONIA UE-USA
"Abbiamo applicato le sanzioni in tempo record, che dimostrano la nostra determinazione a fare pagare un prezzo a Putin per la sua invasione dell'Ucraina". Lo ha dichiarato la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, in un punto stampa con il segretario di Stato americano, Antony Blinken. Von der Leyen ha poi aggiunto che l'Europa è pronta a nuove sanzioni in caso non arrivi il cessate il fuoco.

17.49 ALLARME MEDICINE
In molti ospedali dell'Ucraina cominciano a scarseggiare forniture mediche, in particolare per cure e interventi chirurgici d'emergenza. L'approvvigionamento di nuove forniture è molto difficile per l'elevato numero dei pazienti e perché il conflitto su larga scala rende gli spostamenti difficili, pericolosi e talvolta impossibili. Lo rende noto Medici Senza Frontiere (Msf) che è in contatto con gli ospedali che hanno in cura i feriti di guerra ed è pronta ad inviare nuovi kit di assistenza nelle prossime ore e nei prossimi giorni. 

17.46 IL RITORNO DI GIORDANO
Una piccola buona notizia nel cupo bollettino quotidiano sul conflitto. Alle 17.15 in punto, il 19enne ballerino barese Giordano Signorile, per una settimana bloccato a Kiev, è arrivato alla stazione ferroviaria di Bari. Ad accoglierlo i genitori e gli amici. Il ragazzo, appena sceso dal treno proveniente da Roma, è stato travolto dagli abbracci dei genitori.

17.42 AFFONDANO LE BORSE
Pesanti gli effetti del conflitto sull'economia, anche in seguito agli ultimi eventi con il rischio nucleare. Chiusura in profondo rosso per Piazza Affari e le Borse europee, con gli investitori sempre più preoccupati per l'escalation del conflitto in Ucraina dopo l'attacco russo alla centrale nucleare di Zaporizhzhia. Maglia nera a Milano, che ha lasciato sul terreno il 6,24% scivolando a

17.37 RUSSI RESPINTI DA MYKOLAYIV
Le forze russe sono state respinte dalla città ucraina di Mykolayiv dopo avervi sferrato un attacco. Lo riferiscono le autorità locali citate dal Guardian. Il governatore regionale, Vitaliy Kim, ha fatto sapere che si combatte ancora ma fuori dalla città portuale sul Mar Nero. 

17.34 LE DIFFICOLTA' RUSSE
L'avanzata della colonna lunga decine di chilometri di mezzi russi verso Kiev è stata bloccata da "attacchi diretti" della forze di resistenza russe ma anche dal fatto che queste hanno fatto saltare un ponte. Lo dicono fonti del Pentagono.

17.22 - PUTIN: "INTESA SOLO SE KIEV ACCETTA TUTTE LE RICHIESTE"
Vladimir Putin ha detto nel colloquio telefonico con il cancelliere tedesco Olaf Scholz che un'intesa con Kiev è possibile solo "se tutte le richieste russe" vengono soddisfatte. 

17.20 - LA BBC RITIRA I GIORNALISTI DALLA RUSSIA
La Bbc ha deciso di ritirare i suoi giornalisti dalla Russia. Lo annuncia in un comunicato.

17.17 - IL VIMINALE: 9.058 UCRAINI IN ITALIA DA INIZIO GUERRA
Sono 9.058 i cittadini ucraini entrati in Italia dall'inizio del conflitto: 4.484 donne, 1.041 uomini e 3.533 minori. Lo rende noto il Viminale, spiegando che le principali destinazioni sono Roma, Milano, Bologna e Napoli.

17.14 - PUTIN: "CON KIEV MERCENARI DA EX JUGOSLAVIA E SIRIA"
In Ucraina, "stiamo assistendo sempre più alla comparsa di mercenari da Paesi terzi, tra cui Albania e Croazia, militanti del Kosovo e persino jihadisti con esperienza di operazioni militari in Siria". Lo ha denunciato il presidente russo, Vladimir Putin, nel suo colloquio con il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, secondo quanto riferisce il Cremlino in una nota.

17.07 - SINDACO MARIUPOL: SIAMO SENZA ACQUA E STA FINENDO CIBO
Mariupol è rimasta senz'acqua, riscaldamento, elettricità e sta finendo anche il cibo dopo cinque giorni di attacchi russi. Lo denuncia il sindaco della città portuale nel sud-est dell'Ucraina in televisione, facendo un appello all'apertura di un corridoio umanitario per evacuare i civili. "Siamo semplicemente distrutti", ha detto Vadym Boychenko, secondo quanto riporta il Guardian. Oggi un alto funzionario statunitense ha riferito ai giornalisti che Mariupol rimane sotto il controllo ucraino, anche se le truppe russe continuano ad avanzare e bombardare la città, causando interruzioni dei servizi essenziali.

17.03 - FORZE RUSSE ANCORA A 25 CHILOMETRI DAL CENTRO DI KIEV
Le forze russe sono ancora a circa 25 chilometri dal centro di Kiev e rimangono a 10 chilometri fuori dai centri delle città di Chernihiv e Kharkiv. Lo rende noto un alto funzionario della difesa Usa, stando alla Cnn. A Kharkiv e Chernihiv, essere a 10 chilometri dal centro "equivale a trovarsi davvero alla periferia della città", ha affermato il funzionario. I russi non hanno ancora preso la città meridionale di Mariupol, secondo quanto osservato dagli Stati Uniti, ma lì si continua a combattere, ha detto il funzionario.

17.00 - APPELLO DI NAVALNY A MARCIARE CONTRO LA GUERRA IL 6 MARZO
Il principale oppositore di Putin, Alexei Navalny, ha lanciato un appello ai russi, dalla prigione in cui è rinchiuso, a scendere in piazza per manifestare nel suo Paese e nel mondo il 6 marzo contro l'invasione russa dell'Ucraina. Lo scrive l'agenzia Anp.

16.56 - SINDACO KIEV: "AIUTI STANNO ARRIVANDO, SIETE GRANDI"
"Tutto questo supporto sta arrivando da voi gente, amici e partner. Stiamo ricevendo cibo, pacchi, medicinali. Siete grandi". Lo dichiara in un video postato su Twitter il sindaco di Kiev, Vitali Klitschko, riprendendo qualcosa come 15 bancali di merce: "Amici di tutto il mondo, vediamo voi e il vostro supporto. Siete meravigliosi. Continuate ad aiutarci". 

16.52 - MOSCA: USA E GB INVIANO COMBATTENTI STRANIERI
Gli 007 di diversi Paesi Nato, tra cui Usa e Regno Unito, stanno utilizzando da settimane come "base logistica la Polonia" per "trasferire" in Ucraina "armi e combattenti terroristi stranieri, compresi alcuni dal Medio Oriente". A lanciare l'accusa sono i servizi di intelligence internazionali russi (Svr), citati dalle agenzie di Mosca, affermando inoltre che molti di questi presunti combattenti sono stati uccisi.

16.42 - RAZZO IN GIARDINO CASA ZELENSKY, "COLPO MANCATO"
Il portavoce del presidente ucraino, Serhiy Nykyforov, ha pubblicato su Facebook le immagini di quelli che sembrano essere resti di un razzo nel giardino di una delle abitazioni di Volodymyr Zelensky, a Koncha-Zaspa a Sud di Kiev. "Colpo mancato", avrebbe commentato il presidente secondo il suo portavoce.

16.32 - ZELENSKY: DIALOGO CON MICHEL PER PROTEZIONE CENTRALI NUCLEARI
"Continua il dialogo con il presidente del Consiglio Europeo Charles Michel, il nostro compito comune è proteggere le centrali nucleari, produzioni e infrastrutture critiche. Abbiamo discusso i modi per implementare la sicurezza nonché l'aumento delle sanzioni contro la Russia. Ho sollevato la questione dell'appartenenza dell'Ucraina all'Unione Europea". Così su twitter il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

16.22 - UCRAINA: TRIBUNALE STILE NORIMBERGA PER GIUDICARE PUTIN
I paesi occidentali devono approvare la creazione di un tribunale speciale per punire Vladimir Putin per la sua invasione dell'Ucraina. Lo ha affermato il ministro degli Esteri ucraino, stando a Politico.eu. Parlando a un evento online, il ministro Dmytro Kuleba ha affermato che la Russia ha commesso un "crimine di aggressione" contro l'Ucraina e alla fine sarà "ritenuta responsabile delle sue azioni".

16.12 - KIEV: FAKE NEWS DALLA RUSSIA, ZELENSKY È QUI 
"Gli occupanti hanno diffuso un altro falso dicendo che il presidente Volodymyr Zelensky ha lasciato il Paese. Non è vero, il presidente è Kiev con la sua gente". Lo scrive sul proprio canale Telegram la 'Radà, il canale televisivo ufficiale del parlamento ucraino.

16.09 - BORSA: EUROPA CONFERMA ROSSO CON WALL STREET, MILANO -4,7%
Prosegue in forte calo la seduta delle principali borse europee dopo l'avvio negativo di Wall Street nel giorno dell'attacco alla centrale ucraina di Zaporizhzhia da parte dei russi e a 8 giorni dallo scoppio della guerra. Milano è la peggiore con un calo del 4,7%, mentre Parigi lascia sul campo il 3,7%, Francoforte il 3,3%, Londra il 2,5% e Madrid il 2,4%, mentre l'euro viaggia ormai sotto la soglia degli 1,1 dollari.

16.02 - BLINKEN: LE AZIONI DELL'UNIONE EUROPEA SONO STATE STORICHE 
"Quello che l'Ue ha fatto in queste ultime settimane", dopo l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia, "è storico". Lo ha detto il segretario di Stato americano Antony Blinken al suo arrivo a Bruxelles.

15.59 - KIEV: ABBATTUTO UN ALTRO JET RUSSO NELL'EST
"Il nostro esercito sta difendendo i cieli dell'Ucraina. Un altro Su-25 nemico è stato abbattuto insieme al pilota". Lo riferisce il comandante in capo delle forze armate ucraine Valery Zaluzhny, secondo quanto riporta il ministero della Difesa di Kiev su Twitter. "Finora sono stati abbattuti 34 aerei e 37 elicotteri" delle forze russe, ha aggiunto. L'aereo russo sarebbe stato abbattuto vicino alla città di Volnovakha, nel sudest del Paese, tra Donetsk e Mariupol.

15.52 - CONTINUA LA CORSA DEL GAS, OLTRE 191 EURO (+19,237%)
Continua la corsa dei prezzi del gas. All'hub olandese Ttf il gas si attesta a 191,76 euro a megawattora, in crescita del 19,237%.

15.45 - PUTIN A SCHOLZ: TERZO ROUND DI COLLOQUI NEL WEEKEND
Vladimir Putin ha informato il cancelliere Olaf Scholz che Russia e Ucraina terrebbero il terzo round di colloqui nel weekend. Lo riferisce il portavoce del governo tedesco in una nota, dopo la telefonata fra il cancelliere e il presidente russo.

15.39 - LA GERMANIA A PUTIN: SOSPENDERE OSTILITÀ E CONSENTIRE AIUTI
Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha chiesto al presidente russo, Vladimir Putin, di sospendere le ostilità in Ucraina e consentire gli aiuti. Lo si apprende da un comunicato.

15.36 - IN ARRIVO NUOVO PACCHETTO SANZIONI UE
"Un nuovo pacchetto di sanzioni è in arrivo e credo che sarà accordato all'inizio della prossima settimana»". Lo ha detto il ministro degli Esteri irlandese Simon Convey al suo arrivo al Consiglio Esteri Ue. Una nuova riunione dei titolari delle diplomazie dovrebbe svolgersi, secondo Convey, "nei prossimi giorni".

15.32 - ONU: FINORA UCCISI ALMENO 331 CIVILI
L'ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani ha affermato che almeno 331 civili sono stati uccisi e 675 sono rimasti feriti dall'inizio dell'invasione russa dell'Ucraina. Lo riporta Sky News.

15.22 - KIEV, IPOTESI COLLOQUI CON MOSCA GIÀ NEL WEEKEND
Il terzo round dei colloqui tra Russia e Ucraina, annunciato per l'inizio della prossima settimana, potrebbe essere anticipato a domani o dopodomani. Lo ha detto Mikhaylo Podoliak, consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, citato dalla Tass.

15.20 - KULEBA: "MILITARI RUSSI VIOLENTANO LE DONNE"
Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha accusato i militari russi di "violentare le donne nelle città ucraine occupate", chiedendo la creazione di un tribunale penale speciale per giudicare "i crimini di aggressione" commessi dalla Russia nel Paese.  "Quando le bombe piovono sulle vostre città, i soldati violentano le donne - e purtroppo vi sono numerosi casi di soldati russi - è evidentemente difficile parlare dell'efficacia del diritto internazionale", ha concluso Kuleba.

15.17 - SENATORE USA: "L'UNICA SOLUZIONE È UCCIDERE PUTIN"
Per l'influente senatore repubblicano Lindsey Graham l'unica via d'uscita alla guerra in Ucraina è "l'assassinio di Putin da parte del suo popolo"». "C'è in Bruto in Russia? C'è un colonnello Stauggenberg nell'esercito russo?", ha detto alla Fox News facendo riferimento all'assassinio di Giulio Cesare e al complotto del 1944 contro Adolf Hitler. "Le uniche persone che possono risolvere questo problema sono i russi. Facile a dirsi, difficile a farsi", ha continuato il senatore su Twitter. "A meno che tu non voglia vivere nell'oscurità per il resto della tua vita ed essere isolato dal resto del mondo nella povertà più assoluta è necessario che il popolo russo si faccia avanti". 

15.05 - COPRIFUOCO IMPOSTO IN TUTTA LA REGIONE DI KIEV
Il coprifuoco è imposto in tutta la regione di Kiev dal 4 al 5 marzo dalle 20.00 (le 19 in Italia)alle 7.00 (le 6 italiane). Lo rendono noto i media ucraini.

15.00 - SANZIONI USA A 11 MEDIA CONTROLLATI DA 007 RUSSI
Nuove sanzioni Usa: il tesoro americano mette nella blacklist 11 media controllati dall'intelligence russa e i loro dirigenti per la diffusione di disinformazione volta a giustificare l'invasione dell' Ucraina. La mossa segue le restrizioni varate dalle società social come Meta, Google e Twitter contro gli account di Rt e Sputnik (finanziati dal governo russo) in Europa e in Ucraina. Oggi però il tesoro Usa non ha incluso questi ultimi due media nella sua lista.

14.50 - DIPENDENTE ZAPORIZHZHIA, 'I RUSSI NON FANNO USCIRE DALLA CENTRALE
I dipendenti della centrale di Zaporizhzhia, la più grande dell'Ucraina nel sud del Paese, non possono uscire dalla struttura. I soldati russi, infatti, non permettono a nessuno di entrare o di uscire dalle strutture, in una delle quali si è sviluppato un incendio dopo essere stata colpita. Lo racconta a El Paìs una dipendente di Zaporizhzhia, Alexandra.

14.41 - BIDEN RICEVE PRESIDENTE FINLANDIA ALLA CASA BIANCA
Il presidente Joe Biden riceve oggi nello studio Ovale il presidente finlandese Sauli Niinistö sullo sfondo della guerra in Ucraina e della minaccia di Vladimir Putin contro un eventuale ingresso nella Nato di Finlandia e Svezia. 

14.37 - RUSSIA, PERQUISIZIONE MEMORIAL A MOSCA
E' iniziata questa mattina alle 10 (ora di Mosca) un'operazione delle forze di sicurezza nelle sedi di Memorial a Mosca (Memorial Internazionale e del Centro per i Diritti Umani Memorial) e anche del Comitato di assistenza civica. L'operazione, che segue di pochi giorni la conferma della chiusura del Memorial Internazionale imposta dalle autorità, sembra che sia collegata al caso dell'attivista e avvocato del Centro per i diritti umani del Centro, Bakhrom Khamroev, perseguito da molti anni e ora accusato di terrorismo, fanno sapere gli attivisti.

14.32 - MOSCA: "ZELENSKY HA LASCIATO L'UCRAINA, ORA È IN POLONIA"
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky «ha lasciato l'Ucraina ed è andato in Polonia». Lo sostiene il presidente della Duma russa Vyacheslav Volodin sul suo canale Telegram, secondo quanto riferisce la Tass. Non c'è nessuna conferma da parte ucraina.

14.29 - TURCHIA VUOLE OSPITARE INCONTRO TRA MINISTRI DI MOSCA E KIEV
Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha affermato che vorrebbe organizzare un incontro in Turchia tra l'omologo russo Serghei Lavrov e l'omologo ucraino Dmytro Kuleba "se vengono trovate le condizioni". Lo fa sapere l'agenzia Anadolu, secondo cui l'occasione sarebbe il forum diplomatico in programma nella località turca di Antalya dall'11 al 13 marzo. Ankara aveva tentato di mediare tra Russia e Ucraina già prima dell'invasione da parte di Mosca e il presidente Recep Tayyip Erdogan aveva cercato di organizzare un incontro tra gli omologhi Volodymyr Zelensky e Vladimir Putin in Turchia. Nonostante da parte ucraina l'invito fosse stato accolto, l'incontro non è mai stato formalizzato

14.25 - BORSA: EUROPA PESANTE CON FUTURES USA, PARIGI -3,4%
Situazione pesante sulle principali borse europee dopo il bombardamento russo alla centrale nucleare di Zaporizhzhia in Ucraina. I futures Usa in rosso ampliano il calo Milano (-5%), Parigi (-3,4%), Londra (-3,22%), Francoforte (-3%) e Madrid (-2,31%). Sui massimi il dollaro che viene scambiato per la prima volta dal maggio 2020 sotto quota 1,1 sull'euro, mentre volano le quotazioni del grano (+6,52% a 1.225,25 dollari lo staio), del barile di greggio (Wti +3,16% a 111 dollari e Brent +2,54% a 113,25 dollari), del gas (+17,81% a 190 euro al MWh) e dei metalli a partire dall'alluminio (+4,13% a 3.716,50 dollari la tonnellata).

14.22 - UCCISI ALMENO 28 BAMBINI DURANTE I BOMBARDAMENTI
Almeno 28 bambini sono stati uccisi e 64 feriti durante gli otto giorni di guerra in Ucraina, secondo il sito web del presidente Volodymyr Zelensky, che cita il garante per i diritti dei bambini Daria Herasymchuk.

14.15 - USA: ATTACCO A CENTRALE AUMENTA RISCHI CATASTROFE 
L'attacco della Russia alla centrale nucleare di Zaporizhzhia, in Ucraina, aumenta il rischio di una "catastrofe". Lo ha detto il portavoce del Pentagono, John Kirby, in un'intervista alla Cnn.

14.12 - "OGGI RIUNIONE D'EMERGENZA CONSIGLIO SICUREZZA ONU"
Il Consiglio di sicurezza dell'Onu terrà oggi una riunione d'emergenza sulla guerra in Ucraina. Lo riferiscono fonti diplomatiche. 

14.09 - NATO RAFFORZA COOPERAZIONE CON FINLANDIA E SVEZIA
Il Consiglio Atlantico ha deciso oggi di rafforzare la cooperazione con la Finlandia e la Svezia. Questi due Paesi, ha detto il segretario generale dell'Alleanza Jens Stoltenberg, "saranno associati a tutte le nostre consultazioni"

14.05 - MELITOPOL SFIDA I SOLDATI RUSSI, CORTEO IN CITTÀ
Gli abitanti di Melitopol, città nel sud dell' Ucraina, sono scesi di nuovo in piazza per protestare contro le forze russe che controllano la città. In un video diffuso sui social si vedono decine di persone sfilare per le vie della città sventolando bandiere ucraine. Anche ieri i residenti della città avevano sfidato gli occupanti e si erano uditi spari al corteo. 

13.57 - STOLTENBERG: "PROSSIMI GIORNI SARANNO PEGGIO"
"I giorni che verranno probabilmente saranno peggiori di questi. Ci saranno più morti e più distruzione". Così il segretario generale della Nato Jens Stontenberg al termine del NAC che si è tenuto oggi a Bruxelles. Poi, ha fatto presente che "la responsabilità della Nato è di evitare escalation del conflitto". E ha sottolineato: "Questa è la guerra di Putin, gli chiediamo di ritirarsi immediatamente".

13.53 - PUTIN A LUKASHENKO: "OBIETTIVI SARANNO TUTTI RAGGIUNTI"
I presidenti di Russia e Bielorussia, Vladimir Putin e Alexander Lukashenko, hanno discusso in una conversazione telefonica "l'andamento dell'operazione militare speciale della Russia per proteggere la popolazione civile del Donbass". Lo riferisce il Cremlino in una nota. Putin ha riferito a Lukashenko che gli obiettivi dell'operazione in Ucraina, portata avanti secondo in piani, saranno completati totalmente. 

13.50 - "PRIMO CARICO DI ARMA DALLA SPAGNA"
È partito in mattinata il primo carico di armi che la Spagna fornisce direttamente all'Ucraina per rispondere all'attacco russo: lo riporta l'agenzia di stampa Efe. Si tratta di una parte delle 1.370 lanciagranate anticarro e 700.000 cartucce di fucili e mitragliatrici che il governo iberico ha deciso di inviare a Kiev. Caricate a bordo di un aereo militare, le armi verranno consegnate in Polonia, spiega l'Efe. Tra oggi e domani dovrebbero decollare altri aerei con il resto del carico.

13.46 - ZELENSKY: "MAI TANTA CRUDELTA DA OCCUPAZIONE NAZISTA'"
'Le città ucraine non vedevano una simile crudeltà contro il nostro Paese dall'occupazione nazista''. Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un nuovo videomessaggio diffuso tramite Telegram. Zelensky ha quindi accusato la Russia di aver colpito civili e in particolare ha confermato il bilancio dei 47 morti a Chernihiv, un bombardamento nel quale hanno perso la vita ''civili pacifici''.

13.42 - HERMES CHIUDE TEMPORANEAMENTE I NEGOZI IN RUSSIA
Hermes chiude temporaneamente i negozi in Russia e mette in pausa tutte le attività commerciali da questa sera. Lo scrive Bloomberg citando un post su LinkedIn confermato poi da un portavoce del marchio di lusso. Hermes, viene sottolineato, è "profondamente preoccupato per la situazione in Europa". Non si tratta del primo caso dall'inizio del conflitto in Ucraina. Già Burberry ha sospeso tutte le spedizioni in Russia così come Swatch che ha deciso di interrompere l'export mentre terra aperti in negozi. H&M ha invece rivisto il business nel Paese. 

13.37 - ONU, OLTRE 1,2 MILIONI DI PERSONE GIÙ FUGGITA DALL' UCRAINA
Sono oltre 1,2 milioni le persone fuggite dall' Ucraina dall'inizio dell'invasione russa. Lo rende noto l'Alto commissariato Onu per i rifugiati. Il numero dei profughi è aumentato di 171.000 persone rispetto a ieri, per un totale a oggi di 1.209.976 rifugiati. L'Onu stima che quattro milioni di persone potrebbero voler fuggire dal Paese.

13.35  - PECHINO, UCRAINA SFILA IN TUTA-BANDIERA, STADIO APPLAUDE
Un lungo applauso del pubblico ha accolto e accompagnato la sfilata della delegazione ucraina alla cerimonia di apertura delle Paralimpiadi di Pechino 2022: la delegazione di atleti di Kiev e' entrata sulla pista dello stadio Nido d'Uccello dietro alla bandiera nazionale e indossando una tuta che la riproduceva, con i tradizionali colori giallo e blu. Il numero uno del Comitato internazionale paraolimpico Andrew Parsons si è alzato in piedi ad applaudire in segno di rispetto e solidarietà per l'aggressione russa. 

13.33 - CREMLINO: "NO PIANI PER TELEFONATA PUTIN-BIDEN"
"Non ci sono piani" per un nuovo colloquio telefonico tra Putin e Biden sul tema dell' Ucraina. Lo ha detto il portavoce del presidente russo, Dmitry Peskov.

13.31 - SINDACO KIEV: "DA INIZIO ATTACCO NATI 390 BAMBINI"
"Negli ultimi otto giorni a Kiev sono nati 390 bambini - 199 maschi e 191 femmine". Lo riferisce il sindaco della capitale ucraina, Vitali Klitschko, su Telegram. "Gli ospedali della città hanno il necessario, stanno lavorando", aggiunge. Le strutture sanitarie del Paese stanno spostando i loro pazienti sottoterra, in rifugi e bunker che garantiscono la sicurezza dei malati dagli attacchi aerei russi.

13.27 - UNHCR: "VERSO PIÙ GRANDE CRISI RIFUGIATI IN EUROPA IN QUESTO SECOLO"
Sale a oltre 1,2 milioni il numero di rifugiati ucraini che sono scappati dal paese dopo l'invasione della Russia lo scorso 24 febbraio. Lo rende noto l'Unhcr che spiega che la decisione senza precedenti dell'Ue di offrire protezione temporanea ai rifugiati in fuga dall'Ucraina "fornirà protezione immediata nell'Ue agli ucraini e ai cittadini di paesi terzi con status di rifugiato o di soggiorno permanente in Ucraina".  Ed esorta gli Stati della Ue ad attuare rapidamente la direttiva poiché "questa sta rapidamente diventando la più grande crisi di rifugiati in Europa di questo secolo".

13.23 - PARROCO LEOPOLI: "COMBATTEREMO FINO ALLA FINE"

"Non abbiamo paura, siamo molto determinati, tutti, combatteremo fino alla fine, siamo molto arrabbiati. I russi, ci chiedono di trovare un accordo, ma i nostri politici dicono che devono andare via e ripagare per tutti gli orfani, vedove, poi la pace. Combatteremo fino alla fine per liberare l’Ucraina dai russi". Lo sottolinea padre Michola Orach, francescano, parroco della Chiesa di Sant’Antonio da Padova a Leopoli.

13.19 - BANCA MONDIALE, 'CATASTROFE' PESERÀ SU CRESCITA GLOBALE
La guerra in Ucraina è "una catastrofe" per il mondo che taglierà la crescita economica globale. Lo ha detto il presidente della Banca Mondiale, David Malpass, alla Bbc. "La guerra in Ucraina arriva in un brutto momento per il mondo perché l'inflazione era già in aumento», ha spiegato Malpass sottolineando che l'impatto economico della guerra si estende oltre i confini dell' Ucraina e che, in particolare, l'aumento dei prezzi globali dell'energia «ha colpito maggiormente i poveri, così come l'inflazione". Anche i prezzi
dei generi alimentari sono stati spinti verso l'alto e "sono un problema molto reale", ha aggiunto. 

13.12 - "COLLOQUI SCHOLZ- PUTIN SUI CORRIDOI UMANITARI"
"In questo momento, il cancelliere tedesco Olaf Scholz sta parlando con il presidente russo Vladimir Putin dei corridoi umanitari". Lo ha scritto su Twitter il consigliere di Zelensky Mykhailo Podoliak. "Il mondo ha finalmente realizzato l'intera catastrofe organizzata dai russi", ha aggiunto il consigliere.

13.19 - CREMLINO: "UNIRSI ATTORNO A PUTINI"
"Non e' il momento di dividersi", ha detto il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov durante un briefing con la stampa rispondendo a una domanda sugli appelli contro la guerra da parte delle personalita' del mondo della cultura. "E' il momento di unirsi, e di unirsi attorno al nostro presidente". 

13.05 - DI MAIO: "LINEA ROSSA CON MOSCA SU EVACUAZIONE CIVILI"
Sul tema dei corridoi umanitari "abbiamo aperto una linea rossa con la Russia per l'evacuazione dei civili dall'Ucraina. È un lavoro che faremo dal punto di vista umanitario con l'Unità di Crisi e l'intelligence, voglio ringraziare tutti gli apparati dello Stato italiano che coinvolgeremo per evacuare bambini dalle bombe, famiglie che non hanno più una casa. Perché l'esercito russo ha colpito anche obiettivi civili". Lo dice il ministro degli Esteri Luigi Di Maio al termine del summit dei ministri degli Esteri Nato.

12.58 - "IN ITALIA 4MILA PROFUGHI IN 6 GIORNI"
Donne, bambini, alcuni molto piccoli e disabili. I loro volti segnati da oltre 20 ore di viaggio e, soprattutto, dagli ultimi 5 giorni passati nei bunker per evitare le bombe. Sono queste le caratteristiche delle circa 4 mila persone arrivate in Italia dell' Ucraina negli ultimi 6 giorni. "Sono nostre stime, poi dovranno essere confermate dai dati del ministero dell'Interno, ma dovrebbero essere circa 4 mila le persone arrivate nel nostro Paese", spiega all'Agi Barbara Molinario dell'ufficio comunicazione dell'Unhcr, l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati.

12.51 - PUTIN: "NON INASPRITE SANZIONI"
“Non abbiamo cattive intenzioni verso i Paesi confinanti. E io consiglierei di non esacerbare la situazione, non introdurre nessuna restrizione, noi continueremo a rispettare i nostri obblighi”. E’ quanto ha detto Vladimir Putin, in un suo discorso trasmesso dalla televisione russa, tornando a difendere l’attacco all’Ucraina come un’azione difensiva, una risposta “ad azioni negative di altri Paesi verso la Russia”. “Credo che ognuno debba pensare a come normalizzare la situazione - ha concluso il presidente russo- e cooperare normalmente”. 

12.49 -  I RUSSI NON FANNO "ENTRARE NÉ USCIRE DALLA CENTRALE NUCLEARE COLPITA"
"Alcuni lavoratori stanno dentro da 24 ore ma non possono andare via". Lo racconta Alexandra, dipendente che lavora nell'impianto attaccato stanotte, al telefono col giornale spagnolo El Pais.   "Ieri i responsabili della centrale ci hanno detto che avremmo potuto lavorare con normalità perché era sotto controllo dell'esercito ucraino. E' arrivato il turno del mattino e dopo 24 ore loro sono ancora lì, non li fanno uscire", ha aggiunto.

12.43 - GRAN BRETAGNA CHIEDE CONSIGLIO SICUREZZA ONU DOPO ATTACCO A CENTRALE
La ministra degli Esteri britannica Liz Truss ha chiesto la convocazione d'urgenza del Consiglio di sicurezza dell'Onu dopo l'attacco russo alla centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia, come aveva preannunciato nella notte il premier Boris Johnson dopo una telefonata col presidente Volodymyr Zelensky. 

12.40 - PRIMO CITTADINO KIEV A SINDACI EUROPA: "CI SERVE VOSTRO AIUTO"
Vitali Klimtschko, sindaco di Kiev ha rivolto un appello "ai sindaci delle città d'Europa" con una richiesta di aiuto in un videomessaggio inviato al Summit delle regioni e delle città a Marsiglia: "Come sapete la Russia ha iniziato ha iniziato la guerra e l'invasione dell' Ucraina - ha affermato Klimtschko -. Noi stiamo resistendo con forza e contro attaccando per difendere il nostro Paese. Abbiamo bisogno del vostro supporto e per difendere il territorio, per fermare questa guerra senza senso e le uccisioni, dei miei concittadini, uomini, donne e bambini. Insieme possiamo proteggere i nostri valori democratici europei, Insieme siamo forti e fermeremo l'aggressione russa. Slava Ucraina!".

12.36 - MINISTRO CULTURA UCRAINO: "MOSCA DISTRUGGE SITI CULTURA"
Il ministro della Cultura ucraino, Oleksandr Tkachenko, ha lanciato un appello stamani "per chiudere i cieli sull' Ucraina in quanto gli aggressori russi stanno distruggendo i nostri siti culturali". "La maggior parte dei crimini di guerra di Putin in Ucraina sono stati commessi dall'aria", ha detto Tkachenko, riferisce la Cnn online. "I missili e gli aerei russi stanno deliberatamente distruggendo i centri storici delle grandi città. Putin vuole cancellare il patrimonio e la cultura dell'Europa dalla faccia della terra. Un dittatore pazzo minaccia di distruggere la Cattedrale di Santa Sofia a Kiev, una chiesa dell'Unesco costruita nell'XI secolo", ha avvertito il ministero.

12.30 - UE SOSPENDE PROGETTI RICERCA E INNOVAZIONE CON MOSCA 
A seguito dell'invasione russa contro l' Ucraina e in solidarieta' con il popolo ucraino, la Commissione europea ha deciso di sospendere la cooperazione con enti russi nel campo della ricerca, della scienza e dell'innovazione. "La Commissione - si legge in una nota - non concludera' nuovi contratti ne' nuovi accordi con organizzazioni russe nell'ambito del programma Horizon Europe". Inoltre, la Commissione ha sospeso i pagamenti a entita' russe nell'ambito di contratti esistenti. 

12.23 - MOSCA: "C'È PIANO OVEST PER DISTRUGGERE LA RUSSIA"
I paesi occidentali stanno "usando" gli eventi in Ucraina come parte del loro "piano su larga scala per distruggere la Russia" sia sul fronte politico che economico. Questa opinione è stata espressa dalla rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova al canale televisivo Zvezda.

12.18 - VON DER LEYEN INCONTRA IL SEGRETARIO DI STATO USA BLINKEN
La presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen riceverà oggi a Bruxelles il segretario di Stato Usa Antony Blinken, alla luce degli sviluppi della guerra in Ucraina. Lo annuncia il portavoce capo Eric Mamer, durante il briefing con la stampa a Bruxelles. Domani si recherà in Spagna, dove incontrerà il premier spagnolo Pedro Sanchez. Lunedì riceverà a Bruxelles il presidente del Consiglio italiano Mario Draghi. Gli incontri preludono al Consiglio Europeo informale del 10 e 11 marzo a Versailles.

12.13 - ZELENSKY: "OGGI VEDREMO SE CORRIDOI UMANITARI FUNZIONANO"
"Oggi vedremo se l'accordo sui corridoi umanitari funziona". Lo ha detto il presidente Volodymyr Zelensky riferendosi all'intesa raggiunta ieri nei colloqui tra le delegazioni russe ed ucraini per creare corridoi umanitari che permettano ai civili di lasciare le zone di combattimento. "La capitale Kiev rimane l'obiettivo principale degli occupanti, ma non ci faremo piegare", ha poi aggiunto.

12.11 - "A KHARKIV 2000 MORTI, OLTRE 100 BAMBINI"
"Ieri abbiamo contato più di 2.000 morti, oltre 100 bambini. Possiamo calcolare morti e feriti a centinaia ogni ora". Lo ha detto Serhiy Chernov, presidente del consiglio regionale di Kharkiv, in videocollegamento con il Summit delle regioni in corso a Marsiglia. "Il villaggio di Iakevo nella ragione di Kharkiv è stato distrutto, ci sono molti morti in quest'area", ha spiegato.

12.03 - ZELENSKY CHIEDE SANZIONI PIÙ PESANTI DOPO ATTACCO CENTRALE
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky chiede sanzioni più severe contro Mosca dopo l'attacco delle forze russe contro la centrale nucleare di Zaporizhzhia. "È necessario - ha detto in un messaggio video - un inasprimento immediato delle sanzioni contro lo stato terrorista nucleare". Zelenksy ha anche invitato i cittadini russi a «scendere in piazza» per fermare gli attacchi russi ai siti nucleari in Ucraina.

11.57 - CONSIGLIO DIRITTI ONU APPROVA RISOLUZIONE SU INCHIESTA VIOLAZIONI
Il Consiglio dei Diritti umani delle Nazioni Unite ha approvato con 31 voti a favore, 13 astensioni e due contrari (Russia ed Eritrea) la risoluzione a favore di una commissione di inchiesta internazionale sulle violazioni dei diritti umani in Ucraina dopo l'invasione russa. La decisione segue il voto dell'Assemblea generale della settimana scorsa, in cui era stata approvata una risoluzione che chiedeva la fine del conflitto.

11.50 - ZELENSKY: " A ZAPORIZHZHIA SFIORATA LA FINE DELL'EUROPA"
"Un disastro alla centrale nucleare di Zaporizhzhia sarebbe 6 volte peggiore di Chernobyl". Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e lo riporta il Kyiv Independent.  "Sarebbe potuta essere la fine della storia dell'Ucraina e dell'Europa", ha detto, aggiungendo che i russi "sapevano cosa stavano colpendo, hanno mirato al sito". Si è poi appellato ai russi: "Come è possibile. Abbiamo combattuto insieme le conseguenze del disastro di Chernobyl del 1986. Ve lo siete dimenticato? Se ve lo ricordate non potete stare in silenzio. Dite ai vostri leader che volete vivere".

11.44 - AUTORITA' KIEV, 3 MORTI IN ATTACCO RUSSO A CENTRALE NUCLEARE
Tre soldati ucraini sono morti e due sono rimasti feriti - uno dei quali è in condizioni critiche - nell'attacco lanciato stanotte dalla Russia contro la centrale nucleare di Zaporizhzhia. Lo ha riferito la Società nazionale ucraina per la produzione di energia nucleare sul suo canale Telegram, secondo quanto riferito dall'emittente Nbc.

11.41 - "SPENTO TELESCOPIO TEDESCO A BORDO SATELLITE RUSSO"
La Germania ha spento il suo telescopio installato a bordo di un satellite russo, in segno di protesta contro l'invasione dell'Ucraina: lo rende noto l'Istituto Max Planck per la fisica extraterrestre. 

11.36 - LUKASHENKO: "MILITARI MINSK NON COINVOLTI IN INVASIONE"
Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha riferito di un ''colloquio con il presidente russo Vladimir Putin'' durante il quale sarebbe stato confermato che ''i militari bielorussi non parteciperanno all'invasione dell'Ucraina''. ''L'esercito bielorusso non è entrato in Ucraina e non vi entrerà'', ha dichiarato Lukashenko. La Russia ha utilizzato il territorio bielorusso per attaccare l'Ucraina.

11.31 - CINA: "PREOCCUPATI PER IMPIANTI NUCLEARI"
La Cina si dice "molto preoccupata per la sicurezza degli impianti nucleari in Ucraina" e fa appello "a tutte le parti" alla "moderazione", ribandendo l'invito alla calma. Il ministero degli Esteri di Pechino, riporta il Global Times, chiede di "evitare un'ulteriore escalation della situazione" dopo le condanne arrivate a seguito dell'attacco alla centrale nucleare di Zaporizhzhia.

11.27 - "FORZE RUSSE CONCENTRATE SU ACCERCHIAMENTO CAPITALE"
Le forze russe sono concentrare ad accerchiare Kiev. Lo afferma il ministero della Difesa ucraina, riferisce la Cnn online. Il ministero precisa che le truppe russe sono state «"loccate e fermate nell'area di Makarov", che
si trova a circa 60 km dalla capitale ucraina.

11.23 - SINDACO MYKOLAIV: "TRUPPE RUSSE STANNO ENTRANDO IN CITTA'"
Le truppe russe stanno entrando a Mykolaiv sul Mar Nero. Lo ha annunciato il sindaco, Oleksandr Senkevych, secondo quanto riferisce Sky News. Mykolaiv, città dell' Ucraina meridionale non distante da Kherson (il cui controllo è rivendicato dai russi), ospita circa mezzo milione di abitanti.

11.19 - MOSCA: "DISTRUTTI 1.800 OBIETTIVI MILITARI"
Dall'inizio dell'attacco, le forze armate russe hanno distrutto 1.812 obiettivi militari ucraini. Lo ha detto il portavoce del ministero della Difesa russo, Igor Konashenkov, aggiungendo che i soldati russi "continuano a colpire infrastrutture dell'esercito ucraino". Fra i siti colpiti, vi sono 65 postazioni di comando e comunicazione e 59 stazioni radar. "Sono anche stati distrutti 49 aerei a terra e 13 in volo, 635 carri armati e altri tipi di veicoli e 67 lanciarazzi". 

11.13 - NATO CONDANNA RUSSIA "IRRESPONSABILE"
Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha condannato i bombardamenti "irresponsabili" delle forze russe che hanno colpito la centrale nucleare di Zaporozhye nell' Ucraina meridionale e ha chiesto la fine della guerra.

11.10 - ZELENSKY: "DISASTRO ZAPORIZHZHIA SAREBBE 6 VOLTE PEGGIORE DI CHERNOBYL"
"Un disastro nella centrale nucleare di Zaporizhzhia sarebbe 6 volte peggiore di quello avvenuto a Chernobyl". Lo ha detto il presidente Zelensky affermando che "questa notte sarebbe potuta essere la fine della storia dell'Ucraina e l'Europa". "I tank russi sapevano contro che cosa stavano sparando, ed hanno mirato direttamente all'impianto", ha aggiunto.

11.07 - AIEA: "PROBLEMI TECNICI IN MONITORAGGIO CHERNOBYL"
Ci sono al momento "problemi tecnici" nel monitoraggio dei livelli di radiazioni dell'ex centrale nucleare di Chernobyl, in Ucraina, ma non si tratta di "problemi enormi" e dai dati disponibili la situazione appare "nella normalita'". Lo ha dichiarato in conferenza stampa il direttore generale dell'Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica (Aiea), Rafael

11.00 - AIEA CONFERMA: "COLPO A ZAPORIZHZHIA DA FORZE RUSSE"
"Da quel che comprendiamo, il colpo è partito dalle forze russe. Non abbiamo dettagli su che tipo di proiettile". Così il direttore generale dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica, Rafael Grossi, in una conferenza stampa a proposito dell'incendio questa notte all'impianto nucleare di Zaporizhzhia, in Ucraina.

10.57 - AIEA: "DA KIEV RICHIESTA DI ASSISTENZA IMMEDIATA"
"L'Ucraina ha inviato alla nostra agenzia una richiesta di assistenza immediata. Non la lasceremo cadere nel vuoto". Lo ha detto il direttore  generale dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea) Rafael Grossi, riferendo sugli scontri avvenuti nella notte presso la centrale nucleare di Zaporizhzhia. "La situazione è fragile e molto insabile".

10.50 - ZELENSKY A ABITANTI KHERSON: "FATEVI SENTIRE"
Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, ha chiesto in un video rivolto agli abitanti di Kherson di "far capire agli occupanti che possono stare a Kherson solo temporaneamente". Secondo Zelensky, in questa citta' ucraina potrebbe presto andare in scena una manifestazione a favore della Russia "alla quale parteciperanno stranieri, con lo scopo di cercare traditori locali". "Abitanti di Kherson, dimostrate che e' la vostra citta'. Potete fermare qualsiasi piano dell'invasore", ha aggiunto Zelensky. 

10.42 - AIEA: "NESSUNO DEI REATTORI DI ZAPORIZHZHIA È STATO COLPITO MA DUE FERITI"
Nessun reattore della centrale nucleare di Zaporizhzhia "è stato coinvolto o colpito". Lo ha detto il direttore generale dell'Agenzia Internazionale per l'Energia Nucleare, Rafael Mariano Grossi, dopo l'incendio alla centrale nucleare nella città ucraina di Energodar.  E ha fatto sapere che "due persone sono rimaste ferite". "Non sono operatori o tecnici della centrale ma fanno parte del personale di sicurezza che lavora nella centrale", ha precisato. 

10.35 - VICESINDACO DI MARIUPOL: "MANDATE TRUPPE NATO"
"Non c'è modo di fermare Putin finché la Nato non si sveglia e capisce che questo non è un conflitto regionale ma una guerra contro la democrazia, la libertà e una delle più grandi nazioni europee", ha detto Sergei Orlov alla Bbc. "Sembra che i leader della Nato non capiscano che Putin non si fermerà".

10.31 - FORZE KIEV, "ABBATTUTO AEREO RUSSO A ZATOKA"
Le forze armate ucraine hanno abbattuto un jet russo a Zatoka, nella regione di Odessa. Lo ha riferito la Marina ucraina in un post su Facebook, secondo quanto riporta l'agenzia di stampa Interfax- Ucraina. Stando alle forze di Kiev, il caccia aveva attaccato un'infrastruttura militare.

10.27 - UCRAINA: MARINA KIEV AFFONDA NAVE PER NON FARLA PRENDERE A RUSSI
La Marina ucraina ha affondato la sua nave ammiraglia per non farla prendere ai russi. Lo scrive il Kyiv Independent.    La fregata Hetman Sahaidachny era in riparazione nella città di Mykolaiv. Al comandante è stato ordinato di affondarla, secondo quanto ha riferito il ministro della Difesa, Oleksiy Reznikov.

10.20 - MOSCA: "PROVOCAZIONE SU CENTRALE ZAPORIZHZHYA"
"La notte scorsa nel territorio intorno all'impianto nucleare, i nazionalisti del regime di Kiev hanno tentato di condurre una mostruosa provocazione". Così il portavoce del ministero della Difesa russo, Igor Konashenkov, ha cercato di sostenere che sarebbero stati gli ucraini ad aver condotto l'attacco alla centrale per poi provocare la condanna internazionale nei confronti di Mosca. "Il proposito della provocazione è di cercare di accusare la Russia di creare una fonte di contaminazione radioattiva" ha detto il portavoce che ha puntato il diro contro "gruppi di sabotatori ucraini con la partecipazione di mercenari stranieri". Il portavoce russo ha anche affermato che le forze russe avrebbero il controllo dell'area dell'impianto nucleare dallo scorso 28 febbraio.

10.18 - BORRELL: "TUTTE LE MISURE SUL TAVOLO"
"Questo è il momento di far sentire la nostra voce e di alzarsi. Questo è il momento in cui l'unità transatlantica è più importante che mai". Così l'Alto rappresentante Ue per la politica estera, Josep Borrell, al suo arrivo alla ministeriale Esteri della Nato a Bruxelles. "Prenderemo in considerazione tutto. Una settimana fa vi dissi che tutto era sul tavolo e avete potuto vedere che tutto era sul tavolo perché abbiamo preso misure che nessuno poteva aspettarsi. Quindi tutto rimane sul tavolo", ha aggiunto.

10.14 - BLOCCATI ALL'ESTERO CIRCA 20MILA TURISTI RUSSI
Circa 20 mila turisti russi bloccati all'estero stanno avendo difficoltà a tornare a casa. La maggior parte di loro si trova in Paesi dell'America latina. "I media hanno riportato la cifra di 160 mila turisti che sono all'estero, e questo è vero, ma la stragrande maggioranza di questi turisti continua la vacanza senza problemi", ha rivelato il capo dell'Agenzia federale del turismo (Rostourism), Zarina Doguzova, secondo la quale il numero di turisti russi attualmente all'estero che sta incontrando difficoltà "non supera i 20 mila". 

10.09 - ZHYTOMYR, BOMBARDATA SCUOLA VICINA A SEDE COMUNE
Una scuola pubblica nel centro di Zhytomyr, a circa 150 chilometri a ovest di Kiev, è stata colpita questa mattina durante un bombardamento: lo riferisce all'agenzia Dire padre Michail Wocial, un salesiano che si trova in città, aggiungendo che per ora non è chiaro se ci siano state vittime. Secondo le informazioni disponibili, l'istituto, identificato con il numero "25", disponeva di un rifugio sotterraneo dove si sarebbero potute trovare persone. Secondo il salesiano, l'istituto si trova nei pressi della sede del Comune.

10.00 - BOMBE SU CHERNIHIV, SALE A 47 MORTI BILANCIO VITTIME
E' salito a 47 morti il bilancio del bombardamento russo sulle zone residenziali di Chernihiv, in Ucraina. Lo riferiscono i servizi di emergenza ucraini, che hanno sospeso le ricerche dei superstiti per gli attacchi in corso.

9.58 - SIRENE D'ALLARME A LEOPOLI 
A Leopoli hanno risuonato poco fa le sirene di allarme anti bombardamento. La popolazione è stata invitata a raggiungere un rifugio. Lo ha constatato l'ANSA su posto. La città è protetta da almeno tre anelli di check point delle forze ucraine e cavalli di frisia dove vengono controllati i documenti sia all'ingresso che all'uscita. 

9.55 - DRAGHI: "ATTACCO SCELLERATO, UE RISPONDA UNITA"
Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, condanna l'attacco scellerato da parte della Russia alla centrale nucleare di Zaporizhzhia. Un attacco, si legge in una nota di Palazzo Chigi, contro la sicurezza di tutti. L'Unione Europea, dice ancora il premier, deve continuare a reagire unita e con la massima fermezza, insieme agli alleati, per sostenere l' Ucraina e proteggere i cittadini europei. 

9.51 - SOSPESI LANCI SOYUZ OPERATI DA ARIANESPACE E STARSEM
Sospesi i lanci spaziali con il vettore russo Soyuz operati da Arianespace e Starsem. "Arianespace - si legge in una nota ufficiale- si attiene rigorosamente alle sanzioni decise dalla comunità internazionale (Unione Europea, Stati Uniti d'America e Regno Unito) in seguito all'invasione dell' Ucraina da parte della Russia. Nell'ambito del mandato conferito dagli Stati membri dell'Esa ad Arianespace, le operazioni del lanciatore Soyuz dallo spazioporto europeo (Csg, Guyana francese) e da Baikonur (Kazakistan) attraverso Starsem sono regolate dall'accordo intergovernativo Francia/Russia e dall'accordo delle agenzie spaziali Esa - Roscosmos"..

9.48 - NATO: "ATTACCO CENTRALI NUCLEARI E' INCOSCIENZA DI QUESTA GUERRA"
"L'attacco alle centrali nucleari e' la dimostrazione dell'incoscienza di questa guerra". Lo ha dichiarato il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, al punto stampa con il segretario di Stato americano, Antony Blinken, in merito all'attacco alla centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia. 

9.44 - VICEPREMIER GRAN BRETAGNA: "PUTIN RISCHIA LA PRIGIONE"
Vladimir Putin "è a rischio di finire in prigione per i crimini di guerra" che la giustizia internazionale gli potrà contestare per la guerra in Ucraina. Lo ha affermatoa il vicepremier e ministro della Giustizia britannico, Dominic Raab, 'avvertendo' il presidente russo che si tratta di "un rischio reale su cui egli deve ora riflettere" e devono riflettere anche "tutti i comandanti militari" di Mosca disposti a "continuare a eseguire ordini illegali". Quanto alla conquista russa della mega centrale nucleare di Zaporizhzhia, Raab ha parlato come Boris Johnson di "un attacco sconsiderato".

9.40 - ONG MEMORIAL, PERQUISIZIONI NEI NOSTRI UFFICI A MOSCA
L'ong per la difesa dei diritti umani Memorial Internazionale riferisce di perquisizioni nei suoi uffici a Mosca: lo riporta l'agenzia Interfax. Memorial è stata recentemente colpita da una sentenza di scioglimento emanata dalla Corte suprema russa in un momento storico in cui le autorità russe stanno attuando un nuovo duro giro di vite per soffocare il dissenso e la libertà di stampa. 

9.37 - MEDIA: "ZELENSKY SCAMPATO A TRE TENTATI OMICIDI"
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky sarebbe scampato ad almeno tre tentati omicidi negli ultimi giorni. Lo scrive il Times secondo il quale mercenari del gruppo Wagner e forze speciali cecene sarebbe stati incaricati di ''eliminare'' il presidente dell' Ucraina. Il giornale afferma però che i funzionari ucraini sarebbero stati informati dei piani da alcuni membri del Servizio di sicurezza russo che sono contrari alla guerra.

9.32 - "IL KIEV CITY BALLET TROVA RIFUGIO A PARIGI"
Il Kiev City Ballet, che era in tournée in Francia, sarà ospitato in residenza al Theatre du Chatelet di Parigi, a causa dell'invasione russa dell' Ucraina. Lo ha annunciato il sindaco della città Anne Hidalgo. "Attualmente a Parigi, il Kiev City Ballet ha espresso il desiderio di rimanere in Francia per il momento per continuare a lavorare, provare e dare vita alla propria arte", ha twittato Hidalgo.

9.27 - MINISTRO ROMANIA: "ADATTARE PRESENZA NATO A EST"
"Dobbiamo adattare la presenza della Nato a Est a cio' che la Russia sta facendo in Ucraina e in Bielorussia, che e' diventata un distretto militare russo". Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri della Romania, Bogdan Aurescu, al suo arrivo al Consiglio della Nato. 

9.25 - MINISTRO CROAZIA: "IN PERICOLO SICUREZZA EUROPA"
"La sicurezza in Europa è in pericolo". La Croazia ha "rispetto per il coraggio dei militari e dei civili ucraini, che stanno resistendo. La Nato è un'alleanza difensiva, bisogna evitare escalation. Tuttavia siamo uniti: chiediamo alla Russia di fermare immediatamente l'invasione e di tornare al tavolo". Lo  ha dtetoe il ministro degli Esteri croato Gordan Grlic Radman, a margine della ministeriale a Bruxelles.

9.20 - KIEV: "RUSSI HANNO SUBITO PERDITE SU TUTTI I FRONTI"
Nel nono giorno dell'offensiva russa in Ucraina, le forze armate di Mosca "hanno subito perdite su tutti i fronti". Lo riferisce lo Stato maggiore ucraino. "Gli invasori demotivati si stanno arrendendo e abbandonando l'equipaggiamento", si legge nella nota, "questi trofei ci stanno aiutando a battere gli invasori russi. La battaglia continua! La vittoria sara' nostra! Gloria all' Ucraina!".

9.16 - ATTACCO HACKER A PIÙ GRANDE AZIENDA SPAZIALE RUSSA
Un "massiccio attacco" hacker ai server della più grande azienda spaziale russa, Energia, è stato sferrato nella serata di ieri da siti esteri e ora la funzionalità del sito è stata ripristinata. Lo rende noto su Twitter l'agenzia spaziale russa Roscosmos. "Ieri sera - si legge  - gli specialisti di RSC Energia hanno registrato un massiccio attacco DDoS al sito Web della società da vari indirizzi IP dall'estero. Ora il sito funziona stabilmente, l'infrastruttura e tutte le sezioni del sito sono sotto il controllo di specialisti".

9.13 - PORTAEREI CHARLES DE GAULLE SCHIERATA NEL MEDITERRANEO
La portaerei francese Charles de Gaulle e la sua scorta potranno "entrare nel Mediterraneo", per consentire agli aerei imbarcati di effettuare voli "verso nord verso il territorio della Romania dove avranno capacità di osservazione e dissuasione". Lo ha detto la ministro delle Forze Armate francese Florence Parly.  Parly ha spiegato che la "portaerei Charles-de-Gaulle e la sua scorta hanno lasciato Cipro" per adattarsi "alla nuova situazione", in riferimento all'invasione russa dell' Ucraina. 

9.11 - MOSCA CONTRO FAKE NEWS SU ESERCITO, ANCHE CARCERE
La Russia ha approvato una legge che modifica il Codice penale per contenere la diffusione di 'fake news' sulle operazioni dell'esercito russo. Lo scrivono Tass e Interfax, spiegando che questo è quello che prevede la legge appena approvata dalla Duma, all'unanimità, che introduce una responsabilità criminale per la diffusione di false informazioni sulle forze armate russe. In base alla gravità del reato sono previste multe e anche la prigione (si rischiano fino a 15 anni di carcere). 

9.09 - SUONANO DI NUOVO LE SIRENE D'ALLARME A KIEV
Stanno di nuovo suonando le sirene d'allarme a Kiev in questi minuti. Lo riferiscono i media locali.

9.04 - CENTRALE NUCLEARE DI ZAPORIZHZHIA CONTINUA A LAVORARE
Il sito della centrale nucleare di Zaporizhzhia è occupato dalle forze russe ma "il personale continua a lavorare", "monitora lo stato delle unità di potenza e ne garantisce il funzionamento". Lo ha comunicato l'Ispettorato statale per la regolamentazione nucleare dell' Ucraina in una nota. 

9.00 -  INTEL SOSPENDE ATTIVITÀ IN RUSSIA E BIELORUSSIA
Anche Intel sospende le sue attività in Russia e Bielorussia come ritorsione per l'invasione dell'Ucraina. "Intel condanna l'invasione russa dell'Ucraina e abbiamo sospeso tutte le consegne a Russia e Bielorussia. I nostri cuori sono vicini a tutti coloro che sono stati colpiti da questa guerra", ha affermato in una nota la multinazionale Usa che produce dispositivi a semiconduttore e microprocessori.

8.56 - NUOVA TELEFONATA BLINKEN-KULEBA SU AIUTI E SANZIONI
Il segretario di Stato americano, Antony Blinken, e il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, hanno avuto una nuova conversazione telefonica nella quale sono stati discussi "le necessita' aggiuntive dell' Ucraina in termini di sicurezza, economia e sostegno umanitario". Lo riferisce Kuleba su Twitter, paralando  di una "telefonata per coordinare un ulteriore rafforzamento delle capacita' di difesa aerea ucraine e l'imposizione di nuove sanzioni alla Russia". Kuleba si e' detto "grato agli Usa per lavorare a ulteriori aiouti finanziari all' Ucraina". "La Russia deve interrompere le ostilita' per consentire l'apertura di corridoi umanitari", ha aggiunto il ministro. 

8.50 - KIEV TORNA CHIEDERE 'NO-FLY ZONE'
"È tempo che i partner occidentali si assumano la responsabilità di porre fine alla guerra della Russia in Ucraina, e solo una no-fly zone fermerà l'escalation", ha dichiarato questa mattina Mykhailo Podoliak, consigliere del capo dell'Ufficio del presidente ucraino Zelensky, nonché uno dei membri della delegazione di Kiev ai negoziati con la Russia. "La logica di questa guerra è aumentare gli attacchi missilistici e aerei sulle infrastrutture civili, sulle grandi città e sui civili. Solo un cielo chiuso fermerà bruscamente l'escalation. È tempo che i partner occidentali si assumano la responsabilità di porre fine alla guerra", ha twittato Podoliak. 

8.42 - RUSSI DISTRUGGONO CENTRALE TERMOELETTRICA DI OKHTYRKA
E' stata distrutta dai bombardamenti russi la centrale termoelettrica di Okhtyrka, nel Nord Est dell'Ucraina. Lo riferisce il presidente della regione di Sumy, Dmytro Zhyvytsky. "La sala macchine e' stata completamente distrutta, in citta' non c'e' ne' riscaldamento ne' elettricita'", ha riferito Zhyvytsky su Telegram, "stiamo cercando di risolvere il problema dell'evacuazione urgente della popolazione, perche' tra un giorno i palazzi residenziali si trasformeranno in gelide trappole di pietra senza acqua, luce ed elettricita'". Al momento, ha avvertito Zhyvytsky, non ci sono corridoi umanitari che consentano di far uscire i residenti dalla regione. 

8.40 - KIEV: "ELIMINATI 9.166 SOLDATI NEMICI DA INIZIO INVASIONE"
L'esercito russo avrebbe perso 9.166 militari durante l'invasione dell'Ucraina, riferisce il servizio stampa dello Stato maggiore delle forze armate di Kiev in un ultimo aggiornamento sul bilancio dei danni inflitti alle unità d'invasione russe. Si tratta di dati che però non sono confermati da Mosca e che non si possono verificare in maniera indipendente. "Le perdite totali in combattimento del nemico dal 24 febbraio al 3 marzo - si legge nella nota - sono approssimativamente le seguenti: 9.166 militari, 251 carri armati, 939 veicoli corazzati da combattimento, 105 sistemi di artiglieria, 50 batterie missilistiche mobili, 18 postazioni mobili di difesa aerea, 37 elicotteri, 404 autoveicoli e ben 60 autocisterne".

8.38 - MINISTERO SALUTE: "TAMPONE E VACCINI AI RIFUGIATI"
Il Ministero della Salute allerta le Regioni perchè predispongano risorse per garantire tamponi e vaccini anti-Covid ai rifugiati dell' Ucraina: "In relazione alla crisi in corso e in previsione dei conseguenti fenomeni migratori verso il nostro Paese, si prega di voler allertare le Aziende Sanitarie Locali ai fini della individuazione e predisposizione di risorse necessarie all'esecuzione di test diagnostici-tamponi oro/rinofaringei antigenici e molecolari per infezione da SarsCoV2 ed alla somministrazione di vaccini anti-Covid e altre vaccinazioni di routine per tale popolazione a rischio". Lo indica la nuova circolare ministeriale.

8.35 - PREVISTO VERTICE PAESI 'QUOD'
Secondo quanto reso noto dal ministero degli esteri giapponese al termine della riunione online tenutasi ieri tra i paesi dell'alleanza militare nota come 'Quad', che comprende, oltre al Giappone, USA, India e Australia, entro la metà dell'anno si terrà un vertice dei leader dei paesi dell'alleanza ospitato a Tokyo per discutere della situazione in Ucraina e delle possibili ripercussioni sui paesi membri e sulla stabilità della regione indopacifica. Ad oggi, tra i paesi membri è emersa una spaccatura proprio nell'assumere una posizione compatta di condanna a Mosca: mentre Giappone, Stati Uniti e l'Australia, infatti, hanno preso una posizione dura sull'invasione russa dell' Ucraina, l'India si è astenuta dal votare una risoluzione di condanna alla guerra.

8.31 - RUBLO IN LIVE RECUPERO SUL DOLLARO
Il rublo resta debole sul dollaro ma recupera. La moneta russa, che prima della guerra in Ucraina trattava a 75 sul dollaro, viene scambiata a 110 sul biglietto verde, dopo i 117 di ieri. 

8.29 - MARIUPOL RESTA SOTTO CONTROLLO KIEV
La città portuale di Mariupol, nel sud dell' Ucraina, ''resta sotto il controllo ucraino, ma resta accerchiato dalle forze russe'', secondo l'intelligence britannica. Quella trascorsa è stata comunque una notte di continui scontri e di bombardamenti, conferma il ministero della Difesa britannico. I funzionari della città dicono che ''saremo distrutti'' e parlando di bombardamenti ''implacabili''. Il sistema elettrico e idrico è già stato messo fuori uso. Tagliate anche le comunicazioni telefoniche, così come la consegna di cibo.

8.26 - KIEV CHIEDE INTERVENTO NATO: "RISCHIAMO DISASTRO NUCLEARE"
Il ministro dell'Energia ucraino Herman Halushchenko ha chiesto un intervento urgente della Nato dopo l'attacco russo alla centrale nucleare di Zaporizhzhia, nel sud del Paese. "Ecco perché chiediamo non solo una valutazione professionale di ciò che sta accadendo, ma un vero intervento con le misure più dure, anche da parte della Nato e dei paesi che hanno armi nucleari", ha scritto Halushchenko su Facebook. Citato dal Kiev Independent, Halushchenko ha detto che ''rischiamo un disastro nucleare''.

8.20 - ARCELORMITTAL FERMA PRODUZIONE ACCIAIO IN UCRAINA
ArcelorMittal ha fermato la sua produzione nell'impianto siderurgico di Kryvyi Rih per garantire la sicurezza di persone e beni. "ArcelorMittal ha preso la decisione di fermare le sue operazioni di produzione di acciaio a Kryvyi Rih, in Ucraina, al fine di garantire la sicurezza delle nostre persone e dei nostri beni", ha spiegato in una nota.

8.12 - BORSA: MOSCA RESTA ANCORA CHIUSA
La Borsa di Mosca resta chiusa anche oggi per il quinto giorno consecutivo, segnando un record nella storia del Paese. È quanto scrive Bloomberg citando la Banca centrale russa. Dall'ultima volta che la Piazza di Mosca è stata aperta, i i titoli russi quotati a Londra hanno azzerato il proprio valore, prima di essere sospesi. Le aziende europee esposte in Russia hanno perso più di 100 miliardi di dollari di valore. 

8.07 - RUSSIA LIMITA ACCESSO A BBC, DEUTSCHE WELLE, MEDUZA E SVOBODA
Il Roskomnadzor, l'autorita' russa per i media, ha "limitato" l'accesso a diversi siti internet di media indipendenti, tra cui le emittenti statali di Regno Unito e Germania, Bbc e Deutsche Welle, la testata russa Meduza e Svoboda, il portale in lingua russa di Radio Free Europe, finanziata dagli Usa. La stretta e' stata attuata su richiesta della Procura generale. 

8.00 - GENTILONI: "ATTACCO RUSSO A CENTRALE NUCLEARE MINACCIA TUTTI"
"L'attacco russo coinvolge la più grande centrale nucleare d'Europa. Siamo di fronte a una guerra senza limiti che minaccia la sicurezza di tutti". Lo scrive in un tweet il commissario europeo all'Economia, Paolo Gentiloni.

7.52 - KIEV: "RUSSI HANNO PRESO CONTROLLO CENTRALE ZAPORIZHZHIA"
La centrale nucleare di Zaporizhzhia, la più grande dell' Ucraina nel sud del Paese, ''è stata catturata dai militari della Federazione russa''. Lo ha scritto su Twitter l'Ispettorato ucraino per la regolamentazione nucleare (Sinr), precisando che ''i sistemi importanti per la sicurezza della centrale nucleare sono funzionanti". Il Sinr ha aggiunto che "per il momento non sono stati registrati cambiamenti nello stato delle radiazione".

7.49 - AIEA: "NESSUNA FUGA RADIAZIONI NUCLEARI DA ZAPORIZHZHIA"
Le apparecchiature essenziali della centrale nucleare di Zaporizhzhia non sono state danneggiate dall'incendio provocato nella notte da un attacco russo, senza alcun cambiamento nei livelli di radiazioni, ha affermato l'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA), citando le autorità di controllo dell' Ucraina. "L'autorità di regolamentazione ucraina ha affermato che un incendio nel sito non ha colpito le apparecchiature» essenziali «e il personale dell'impianto sta adottando misure di mitigazione del rischio», si legge nella nota. «Non sono stati segnalati cambiamenti nei livelli di radiazioni nell'impianto".

7.47 - TRUDEAU: "PUTIN FERMI GLI ATTACCHI"
Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha chiamato durante la notte il presidente ucraino Volodymyr Zelensky per confrontarso sulla situazione nella centrale di Zaporizhzhia. "Questi attacchi inaccettabili dalla Russia devono cessare immediatamente", ha twittato. 

7.35 - USA CHIEDONO A RUSSIA STOP ATTACCO SITI NUCLEARI
''Il presidente Biden ha parlato con il presidente Zelenskyy per ricevere un aggiornamento sull'incendio nella centrale nucleare di Zaporizhzhia'', scrive la Casa Bianca su Twitter. Biden ''si è unito al presidente Zelensky nell'esortare la Russia a cessare le sue attività militari nell'area'', prosegue il tweet. Biden ha anche avuto un colloquio con il Sottosegretario per la Sicurezza Nucleare del Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti e con il capo dell'Amministrazione Nazionale per la Sicurezza Nucleare per ricevere un aggiornamento sulla situazione nell'impianto. "Il Presidente continuerà ad essere informato regolarmente", conclude la Casa Bianca.

7.31 - AIRBNB SOSPENDE SUE ATTIVITÀ IN RUSSIA E BIELORUSSIA
La piattaforma americana di affitti Airbnb sta sospendendo le sue attività in Russia e Bielorussia in risposta all'invasione dell'Ucraina da parte di Mosca. Lo ha annunciato, in un messaggio su Twitter, il Ceo della società, Brian Chesky. Nei giorni scorsi la sua fondazione, Airbnb.org, ha riferito che avrebbe offerto alloggio gratuito a 100.000 rifugiati in fuga dall'Ucraina verso paesi vicini come Polonia e Romania.

07.28 - LEONI E TIGRI EVACUATI DA ZOO DI KIEV
Sei leoni e sei tigri 'evacuati' da uno zoo vicino a Kiev sono arrivati, ieri, in un altro zoo in Polonia dopo un'odissea di due giorni, costeggiando le linee di battaglia e trovandosi, a bordo di un camion, poco distanti dai carri armati russi. I felini sono stati caricati su un camion e sono stati trasportati per quasi mille chilometri fino al confine polacco. Il tutto evitando la regione di Zhytomyr, che i russi hanno bombardato.

7.25 - TASS. "GOOGLE SOSPENDE PUBBLICITA' IN RUSSIA"
Il motore di ricerca Google e la collegata piattaforma video YouTube hanno sospeso la vendita di spazi pubblicitari sul territorio russo come conseguenza del conflitto in Ucraina. Lo scrive la Tass, citando una nota della compagnia Usa: "Alla luce di queste circostanze straordinarie, abbiamo fermato gli spazi pubblicitari su Google in Russia". Google ha aggiunto di star seguendo la situazione e che gli utenti saranno tenuti informati sul suo evolversi. 

7.20 - ZELENSKY: "SOLO L'EUROPA PUÒ FERMARE LA RUSSIA"
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha chiesto "un'azione immediata da parte dell'Europa" dopo che i militari russi hanno bombardato la centrale nucleare di Zaporizhzhya, nel sud dell'Ucraina, causando un incendio. "Solo un'azione immediata da parte dell'Europa può fermare le truppe russe", ha detto Zelensky su Twitter.

7.16 - JOHNSON CHIEDE RIUNIONE URGENTE DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA ONU
Il primo ministro britannico ha denunciato le "azioni irresponsabili" di Putin che "minacciano direttamente la sicurezza di tutta l'Europa". E dopo una telefonata con Zelensky ha chiesto una riunione urgente del Consiglio di sicurezza dell'Onu.

7.10 - AIEA: "PREOCCUPAZIONE PER CENTRALE NUCLEARE"
Il direttore generale dell'Aiea, l'Agenzia internazionale per l'energia atomica, si è detto ''profondamente preoccupato per la situazione nell'impianto nucleare di Zaporizhzhia'', nel sud dell' Ucraina, bombardato dalle truppe russe. Su Twitter Rafael Grossi ha detto di aver parlato con il primo ministro ucraino Denys Shmygal e che l'Aiea sta monitorando la vicino la situazione nella centrale ed è in contatto con il regolatore nucleare ucraino. ''Chiedo a tutte le parti di evitare azioni che possano mettere in pericolo la sicurezza del programma nucleare'', ha scritto Grossi su Twitter.

7.08 ZELENSKY: "RUSSIA RICORRE A TERRORISMO NUCLEARE"
''Per la prima volta nella storia dell'uomo uno Stato terrorista ha fatto ricorso al terrorismo nucleare''. Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un video messaggio dopo che i militari russi hanno bombardato la centrale nucleare di Zaporizhzhya. ''Nessuno Stato, tranne la Russia, aveva mai colpito una centrale nucleare'', ha aggiunto Zelensky. 

7.05 - DOMATO INCENDIO AL SITO DI  ZAPORIZHZHIA, NESSUNA VITTIMA
Domato l'incendio scoppiato nell'edificio di addestramento della centrale nucleare di Zaporizhzhia a Energodar, nel sud dell' Ucraina. Nessun ferito. 

7.00 - ATTACCO RUSSO AL SITO NUCLEARE DI ZAPORIZHZHIA
Notte di terrore in tutta Europa e nel mondo per l'Ucraina, dove nella notte tiri russi contro la centrale nucelare di Zaporizhzhia, colpita e incendiata, per qualche ora hanno evocato lo spettro di una nuova Chernobyl. 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?