Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
28 feb 2022
28 feb 2022

Guerra in Ucraina, il tempo reale della quinta giornata: diretta e sviluppi

Chiusi i negoziati tra Kiev e Mosca a Gomel. Missili su Kharkiv. Zelensky firma richiesta di adesione alla Ue. L'Italia disponibile a ricevere 16mila rifugiati

28 feb 2022

Kiev - Non si fermano, ma sembrano almeno non intensificarsi i combattimenti nel quinto giorno di guerra in Ucraina, quello che ha portato al primo incontro Russia-Ucraina dopo lo scoppio delle ostilità. Un incontro a cui seguirà a breve un secondo, visto che sarebbero stati individuati alcuni punti sui quali potrebbe innestarsi un negoziato vero e proprio. Il condizionale però è d'obbligo visto le pesanti condizioni che la Russia vorrebbe imporre all'Ucraina.

È il mondo intero a risvegliarsi oggi, quinto giorno dell'invasione russa in Ucraina, in un incubo che sembrava relegato ai tempi più foschi della guerra fredda, o dei film catastrofistici. Parliamo ovviamente dell'incubo della guerra totale, evocato ieri dal capo del Cremlino allorché, nel primo pomeriggio italiano, ha ordinato l'allerta del sistema difensivo nucleare. Anche se al momento la mossa di Putin viene analizzata come un tentativo di tenere alta la tensione, il solo fatto di citare le armi atomiche rende tangibile lo stato d'inaudita gravità della situazione.
Gli Usa hanno parlato di una escalation «inaccettabile». Nelle prossime ore il presidente degli Stati Uniti Joe Biden sentirà gli alleati, per coordinare una risposta alla crisi e, ovviamente, alle nuove pesantissime minacce russe. Una speranza viene comunque dal fatto che ieri Kiev abbia accettato i colloqui con Mosca. Nonostante il vertice di oggi, le armi però non tacciono. Già ieri sera il presidente Zelensky aveva manifestato tutti i suoi dubbi e le perplessità sulle reali possibilità di una pace duratura, viste che anche le durissime condizioni che Mosca sembra intenzionata a chiedere. Per  aumentare la pressione, Putin aveva anche annunciato l’allerta del sistema difensivo nucleare russo e non aveva decretato alcuna tregua sul campo. Per tutta la notte erano così risuonate le sirene per i raid aerei. Ma ecco la diretta della giornata.

23.59 - ANNULLATA VISITA LAVROV ALL'UNHCR ONU
 Annullato l'appuntamento diplomatico per il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov previsto a Ginevra per una sessione del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite a causa delle sanzioni che hanno colpito la Russia e che riguardano, tra l'altro, i voli internazionali.  "La visita del ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov a Ginevra per una sessione del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite e della Conferenza sul disarmo è stata annullata a causa del divieto, senza precedenti, al volo del suo aereo nello spazio aereo di alcuni Paesi dell'Ue", ha riferito una fonte diplomatica da Ginevra a Sputnik. La visita del capo del ministero degli Esteri russo era prevista per domani.

23.50 - GAZPROM: ACCORDO PER UN SUPER  GASDOTTO VERSO LA CINA
Gazprom ha fatto un nuovo passo verso il più grande accordo di fornitura di gas naturale con la Cina, mentre le nazioni di tutto il mondo tagliano i legami economici e politici con la Russia per l'invasione dell'Ucraina. Gazprom - riporta Bloomberg - ha infatti firmato un contratto per progettare il gasdotto Soyuz Vostok che, attraverso la Mongolia, arriverà in Cina. Soyuz Vostok potrebbe trasportare fino a 50 miliardi di metri cubi di gas naturale all'anno verso il gigante asiatico nazione asiatica. 

23.42 - HRW, RUSSI HANNO USATO BOMBE A GRAPPOLO A KHARKIV  
I militari russi avrebbero usato bombe a grappolo a Kharkiv, nell'est dell'Ucraina, dove oggi almeno 11 persone hanno perso la vita in un attacco. Lo ha dichiarato al Washington Post Mark Hiznay, vice direttore della divisione sulle armi di Human Rights Watch, riferendo quindi di un attacco indiscriminato e non mirato. ''Questo attacco mostra chiaramente la natura indiscriminata di bombe e grappolo e deve essere condannato in modo inequivocabile'', ha detto dicendo di aver visto fotografie del luogo attaccato.  Human Rights Watch, Amnesty International e il gruppo di Bellingcat hanno individuato l'uso di bombe a grappolo in altri attacchi condotti dai russi in Ucraina negli ultimi due giorni.

23.35 -  IN MONTENEGRO MANIFESTAZIONE A SOSTEGNO RUSSIA  Una manifestazione a sostegno della Russia (e della Serbia) e del suo intervento militare in Ucraina si è svolta in serata a Niksic, città del Montenegro centrale. 'I serbi in Montenegro - i russi in Ucraina" la scritta su uno striscione mostrato dai dimostranti, che hanno risposto a un appello dell'organizzazione locale Cittadini liberi di Niksic.

23.29 - KIEV: 56 ATTACCHI MISSILISTICI
La Russia ha condotto 56 attacchi missilistici contro l'Ucraina negli ultimi 5 giorni. Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky spiegando che la Russia ha lanciato 113 missili da crociera dall'inizio del conflitto. Per rispondere ai "bombardamenti", Zelensky ha affermato che è giunto il momento di considerare una no-fly zone per missili, aerei ed elicotteri russi.

23.19 -  MANIFESTAZIONE SAN PIETROBURGO, 60 ARRESTI E 310 MULTE
 Oltre 60 arresti (per un massimo di 15 giorni), 310 multe (fino a 20.000 rubli) e due condanne a prestare servizio alla comunità (fino a 40 ore). E' l'esito dei processi riguardanti i 650 fermati per la manifestazione non autorizzata svoltasi ieri a San Pietroburgo. Al momento sono state pronunciate 430 sentenze. Lo riporta Interfax.

23.09 -  ONU, DOMANI POSSIBILE VOTO SU RISOLUZIONE UMANITARIA 
Dopo la nuova riunione di emergenza del Consiglio di Sicurezza Onu sulla situazione umanitaria in Ucraina, la bozza di risoluzione elaborata da Francia e Messico potrebbe essere adottata domani se la Russia non porrà il veto. Il testo chiede "la fine delle ostilità, la protezione dei civili e un accesso umanitario sicuro e senza ostacoli per soddisfare i bisogni urgenti della popolazione»

23.01 - KIEV, NIENTE VISTO PER GLI STRANIERI CHE VENGONO A COMBATTERE
l presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha firmato l'ordine esecutivo che introduce un sistema temporaneo di esenzione dai visti per gli stranieri che desiderano entrare a far parte della Legione internazionale di difesa territoriale dell'Ucraina a partire dal 1 marzo 2022. L'ordinanza del 28 febbraio 2022 è stata pubblicata sul sito presidenziale. L'ordine sarà in vigore "durante il periodo della legge marziale". 

22.53 - IL CANADA BLOCCA IL PETROLIO RUSSO
l primo ministro canadese, Justin Trudeau, ha annunciato che il Canada vieterà  "tutte le importazioni di greggio russo", "un'industria da cui il presidente Putin e i suoi oligarchi hanno grandemente beneficiato". "Questo settore rappresenta più di un terzo delle entrate del bilancio federale russo. Anche se il Canada ne ha importato solo quantità molto limitate negli ultimi anni, questa misura invia un messaggio potente",

22.44  - CAMPIONE PUGILATO SI UNISCE A FORZE DI DIFESA DI KIEV
Il campione ucraino di pugilato dei pesi massimi Oleksandr Usyk combatterà nella Forza di difesa territoriale a Kiev. Lo scrive il quotidiano Kiev Independent spiegando che il pugile Usyk si unisce alle forze di difesa territoriale.

22.36 - SOLDATI NATO IN SLOVACCHIA  
La Slovacchia, un vicino dell'Ucraina, si prepara a indire presto un voto in parlamento sull'autorizzazione ad accogliere circa 1.200 soldati della Nato sul suo territorio

22.29 - ONU,  ESPULSI 12 DIPLOMATICI RUSSI 
Gli Stati Uniti hanno accusato di "spionaggio" dodici membri della missione diplomatica russa presso le Nazioni Unite che hanno deciso di espellere.  "Gli Stati Uniti hanno informato le Nazioni Unite e la missione permanente della Russia che stanno avviando il processo di espulsione di dodici agenti dell'intelligence dalla missione russa che hanno abusato del loro status diplomatico negli Stati Uniti impegnandosi in attività di spionaggio contrarie alla nostra sicurezza nazionale", ha affermato in una nota la portavoce della missione statunitense all'Onu.

22.24  - LA RUSSIA: MORTI DI CIVILI? FAKE NEWS
 Il rappresentante permanente russo alle Nazioni Unite Vasily Nebenzya ha affermato di non avere informazioni attendibili sulle vittime civili nei combattimenti in Ucraina. "Ci sono molte notizie false e molte fabbriche di false notizie. Non abbiamo rapporti credibili sulle vittime civili", ha detto in una conferenza stampa.  "Certo, la guerra è una brutta cosa e tutto può succedere, ma considerare credibili quei rapporti è molto difficile, dal momento che stiamo assistendo e stiamo affrontando una massiccia campagna di propaganda che utilizza, come ho detto, fabbriche di troll che producono quelle notizie".

22.16 - WALL STREEET CHIUDE IN CALO
Wall Street ha chiuso in calo. La Borsa americana ha contenuto le perdite, in linea con i listini europei, sulla sensazione che qualcosa si stia muovendo sul versante diplomatico. Il bilancio finale ha visto il Dow Jones arretrare dello 0,50% a quota 33.886 punti, lontano dai minimi intraday; l'S&P 500 ha terminato a -0,30% e 4.371 punti, mentre il Nasdaq ha archiviato la sessione con un +0,41% a 13.751 punti.

22.08 -  FACEBOOK E INSTAGRAM VIETANO ACCESSO A MEDIA RUSSI NELLA UE
Meta, che gestisce Facebook e Instagram, ha annunciato che limiterà l'accesso alle testate giornalistiche russe RT e Sputnik News in tutta l'Unione Europea. Lo ha detto Nick Clegg, presidente per gli affari globali di Meta Platforms, spiegando che la società ha ricevuto richieste da diversi governi e dall'Ue di adottare ulteriori misure contro la disinformazione.

21.59 - IL PUNTO MILITARE SECONDO IL PENTAGONO 
 Il 75 per cento delle truppe che la Russia aveva ammassato ai confini dell'Ucraina sono ora entrate nel Paese. Lo ha reso noto il Pentagono spiegando che le truppe russe sono ora a 25 chilometri da Kiev.

21.50 - ONU: NEI PROSSIMI GIORNI FINO 4 MILIONI RIFUGIATI 
Per l'Alto Commissario dell'Onu per i rifugiati, Filippo Grandi,  "centinaia di migliaia di ucraini stanno cercando rifugio nei paesi vicini. Stiamo attualmente pianificando di avere fino a 4 milioni di rifugiati nei prossimi giorni e settimane"

21.41 HOCKEY GHIACCIO: SOSPESE RUSSIA E BIELORUSSIA 
La Russia e la Bielorussia sono state sospese con effetto immediato dalla federazione mondiale di hockey su ghiaccio (Iihf) . Le due Nazioni non potranno schierare le loro squadre nei Campionati mondiali siano essi senior che junior e femminili. Nessuna squadra di club bielorussa potrà prendere parte alla Champions Hockey League (Coppa Campioni) e alla Continental Cup.

21.33 - ATTACCO MISSILISTICO: DISTRUTTO DORMITORIO
Un attacco missilistico condotto dai russi su Vasylkiv, Bila Tserkva e Kalinovka nella regione di Kiev ha distrutto un dormitorio di cinque piani e due edifici residenziali di cinque piani. Lo ha affermato il ministero dell'Interno ucraino spiegando che tre squadre dei servizi di emergenza stanno andando a fornire assistenza al dormitorio che è stato colpito a Bila Tserkva.

21.25 - AVVERTITE DIVERSE ESPLOSIONI A KIEV Diverse esplosioni sono state avvertite a Kiev. Secondo un giornalista del posto, è stato dato l'ordine di cercare riparo.  Diverse immagini satellitari della società Maxar mostrano l'avanzata delle truppe russe dalla Bielorussia per rafforzare e circondare Kiev. Secondo il Kyiv Independent, le esplosioni si sono concentrate a Brovary, alla periferia di Kiev, ma secondo alcune fonti sono in corso raid aerei

21.19 - MOSCA: UE RESPONSABILE DI USO ARMI CONSEGNATE A KIEV 
"I cittadini e le entità dell'Ue coinvolti nella consegna di armi letali" all'Ucraina "saranno ritenuti responsabili per qualsiasi conseguenza di queste azioni". Lo afferma in una nota il ministero degli Esteri di Mosca, secondo cui coloro che hanno preso queste iniziative "non riescono a capire quanto siano pericolose le conseguenze". Lo riporta Interfax.

21.11 - LA CORTE PENALE INTERNAZIONALE INDAGA SU  CRIMINI DI GUERRA E CONTRO L'UMANITA'
La Corte penale internazionale (Cpi) ha annunciato che aprirà un'indagine su presunti crimini di guerra condotti dalla Russia in Ucraina. Lo ha detto il procuratore della Cpi Karim AA Khan affermando che "c'è una base ragionevole per ritenere che siano stati commessi in Ucraina sia presunti crimini di guerra, sia crimini contro l'umanità''.

21.04 OTTO PAESI: SUBITO UCRAINA NELLA UE
L'Ucraina deve essere ammessa immediatamente nell'Unione europea. E' la posizione espressa dai leader di otto Paesi, che hanno diffuso un comunicato congiunto a sostegno della richiesta ufficiale firmata dal presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Si tratta di Bulgaria, Repubblica Ceca, Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Slovacchia e Slovenia.

20.56 NIENTE CENA VIRTUALE ALL'ELISEO PER DRAGHI
l Presidente del Consiglio Mario Draghi non parteciperà al dinner all'Eliseo, previsto per questa sera  e al quale prendono parte il presidente francese Emmanuel Macron, la Presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen e il Cancelliere tedesco Olaf Scholz. Lo rende noto un comunicato di palazzo Chigi. All'ultimo momento  iinfatti il collegamento con il premier italiano, impegnato a Roma, è saltato per motivi tecnici. In ogni caso , si spiega a Palazzo Chigi, il presidente del Consiglio ha avuto modo di parlare con tutti i leader nel corso del vertice Nato tenutosi nel pomeriggio sempre in modalità videoconferenza.

20.51 - DRAGHI CON G7-UE-NATO: AVANTI STRETTO COORDINAMENTO  
Il vertice in videocollegamento tra i Paesi del G7, i leader di Ue, Nato, Polonia e Romania ha concordato di mantenere uno stretto coordinamento per agire insieme sulla crisi ucraina. Secondo quanto trapela dal vertice, a cui ha partecipato per l'Italia il premier Mario Draghi, resta imprescindibile "la ferma condanna per l'aggressione russa". E' stata anche fatta una ricognizione sulle iniziative a sostegno del popolo ucraino.

20.45 - CLEARNING HOUSE EUROPEA PER GLI AIUTI MILITARI
"Abbiamo creato una clearing house che tenga conto delle richieste e delle esigenze dell'Ucraina da una parte e le offerte degli Stati membri, dall'altra per garantire la massima efficacia e il massimo coordinamento dei nostri aiuti militar"i. Lo ha annuncia l'Alto rappresentante per la politica estera, Josep Borrell, al termine del consiglio Difesa straordinario, specificando che «questa cellula lavorerà in coordinamento con la Nato». 

20.40 - GLI ARTISTI RINUNCIANO ALLA BIENNALE DI VENEZIA
Il curatore e gli artisti selezionati per il Padiglione russo alla Biennale d'arte di Venezia si sono ritirati dalla partecipazione. Lo hanno reso noto gli organizzatori, elogiando il loro "atto di coraggio". Il Padiglione russo alla 59a edizione della Biennale d'Arte di Venezia, che si inaugura il 23 aprile, rimarrà quindi chiuso. "La Biennale di Venezia  è stata informata della decisione del curatore e degli artisti del Padiglione della Federazione russa di dimettersi, annullando cosi' la partecipazione del Paese alla 59a edizione della Biennale d'Arte", si spiega in una nota.

20.31 - TURCHIA, BLOCCATO ACCESSO DI NAVI MILITARI AL MAR NERO
La Turchia ha bloccato a tutte le navi militari l'accesso agli stretti del Bosforo e dei Dardanelli. Come ha annunciato il ministro degli Esteri turco, Mehmet Cavusoglu, Ankara ha "avvertito tutti i Paesi litoranei e non litoranei di non attraversare lo stretto con le navi da guerra"

20.26 - JOHNSON A G7, OGNI VIA PER FAR FALLIRE PUTIN
La resistenza valorosa» degli ucraini "di fronte all'invasione russa è davvero una fonte d'ispirazione". Lo sottolinea una nota di Downing Street diffusa dopo il vertice virtuale di oggi dei leader del G7 sull'Ucraina. Vertice al quale il premier britannico Boris Johnson è intervenuto per sollecitare l'incremento degli aiuti a Kiev, "anche con forniture di armamenti difensivi", oltre che sul fronte "umanitario".

20.21 DI MAIO: RICHIESTA UCRAINA DI ADESIONE UE E' LEGITTIMA
"Abbiamo sempre sostenuto l'integrità' e la sovranità dell'Ucraina. Credo che la richiesta di adesione all'Ue sia legittima" Lo ha affermato il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio al Tg1, dicendosi "convinto che in questo momento in Ucraina stiano morendo cittadini europei sotto le bombe russe e noi dobbiamo essere dalla loro parte". 

20.16 UNICEF: BAMBINI UCCISI E FERITI
 "Stiamo ricevendo notizie di ospedali, scuole, servizi idrici e igienico-sanitari e orfanotrofi colpiti. Armi esplosive in aree popolate e residuati bellici esplosivi sono pericoli reali e presenti per i bambini dell'Ucraina. Sono stati uccisi bambini. Sono stati feriti bambini. Sono stati profondamente traumatizzati bambini dalle violenze attorno a loro". Lo dichiara il direttore generale dell'Unicef Catherine Russell. 

20.10 - RITIRO COMPLETO
Ai colloqui con la Russia, l'Ucraina ha chiesto il ritiro completo delle truppe russe dal suo territorio. Lo riferisce Anton Herashchenko, consigliere del ministro degli Interni di Kiev, citato dai media locali. "Abbiamo di fronte una battaglia decisiva, l'esercito è pronto" ha aggiunto.

20.05 - "RUSSIA DISCRIMINATA DALLA FIFA"
Mosca ha bollato come "discriminatoria" la decisione della Fifa di escludere la Russia dai Mondiali e della Uefa di escludere i club russi da tutte le Coppe europee a causa dell'invasione dell' Ucraina. La mossa "ha un evidente carattere discriminatorio e danneggia un numero enorme di atleti, allenatori, dipendenti di club e squadre nazionali e, soprattutto, milioni di tifosi russi e stranieri, i cui interessi devono in primo luogo proteggere le organizzazioni sportive internazionali" si legge nella nota dell'Unione calcistica russa.

20.00 - SPERANZA NEL SECONDO ROUND DI NEGOZIATI
 "Speriamo che il secondo round di negoziati tra Russia e Ucraina portino verso passi concreti per un'uscita graduale dall'attuale situazione" ha sottolineato uno dei membri della delegazione russa inviata nella regione di Gomel a trattare, il capo della Commissione per gli affari internazionali della Duma di Stato, Leonid Slutsky.

19.56 - "COLPITI SCUOLE, OSPEDALI E ORFANOTROFI"
L'allarme di Unicef: la situazione dei bambini peggiora di minuto in minuto, sono stati colpiti scuole, ospedali e orfanotrofi. "Facciamo appello per una sospensione delle azioni militari in corso in Ucraina. Tale sospensione permetterebbe agli aiuti umanitari di raggiungere le persone rimaste isolate dopo cinque giorni di intensi attacchi aerei e feroci combattimenti a terra in tutta la nazione" afferma il direttore generale dell'Unicef Catherine Russell.

19.51 - SIRENE SU KIEV
Ci sono segnali di un imminente nuovo attacco a Kiev con le sirene che hanno ripreso a suonare e i residenti tornati nei rifugi sotterranei. Lo riferisce la Bbc in un aggiornamento online, citando un suo corrispondente che parla di combattimenti apparentemente sempre più vicini al cuore della capitale ucraina.

19.46 - IL MINISTRO RUSSO: "AMNISTIA E SOLDI AI SOLDATI CHE NON VOGLIONO ESSERE ASSASSINI"
 Amnistia totale e risarcimento in denaro, se depongono le armi volontariamente. E' quanto il ministro della Difesa di Kiev Oleksii Reznikov ha promesso ai soldati russi impegnati in Ucraina, ai quali si è rivolto direttamente. ''Chi di voi non vuole diventare un assassino e vuole salvarsi, lo può fare'' ha scritto il ministro su Twitter in russo.

19.41 - LA CINA PLAUDE AI NEGOZIATI
La Cina accoglie con favore l'inizio del dialogo diretto tra Russia e Ucraina, dopo i colloqui al confine tra Ucraina e Bielorussia di oggi, e chiede la creazione di "clima e condizioni favorevoli per negoziati diretti tra le parti". Lo rende noto, in un messaggio su Twitter, la rappresentanza diplomatica cinese alle Nazioni Unite, aggiungendo che "continueremo a svolgere un ruolo costruttivo nella ricerca e nel raggiungimento della pace". La Cina, inoltre, dichiara il proprio sostegno a Unione europea,

19.36 - IL REGNO UNITO SUPPORTA L'UCRAINA
Il primo ministro britannico Boris Johnson si è impegnato a inviare più supporto militare "nelle prossime ore o giorni".

19.32 - AMBASCIATA TRASFERITA DA KIEV A LEOPOLI
L'ambasciata francese stata trasferita da Kiev e Leopoli, a ovest, a causa "dei rischi e delle minacce" nella capitale. Lo ha annunciato il ministro degli Esteri di Parigi Jean Yves Le Drian.

19.28 - SALVINI: 'FARE DI TUTTO PER FERMARE ARMI, ACCELERARE CIO' CHE AVVICINA PACE 
''In questo momento l'urgenza e' fermare le armi, fermare la guerra. Perché poi ci vuole poco: se alle armi rispondi con le armi, il rischio che l'incendio si espanda e' notevole''. Lo ha detto il segretario della Lega Matteo Salvini al termine dell'incontro con l'ambasciatore ucraino in Italia, Yaroslav Melnyk.

19.22 -  CONCLUSA TELEFONATA TRA BIDEN E ALLEATI, DURATA UN'ORA
Si è conclusa la telefonata tra il presidente Usa Joe Biden e gli alleati sull'invasione dell'Ucraina da parte della Russia. Lo riferisce la Casa Bianca. Il colloquio è durato un'ora.

19.17 -UCCISO CITTADINO ISRAELIANO
 Un cittadino israeliano è stato ucciso in Ucraina, a circa 50 chilometri da Kiev. Lo ha annunciato il ministero degli esteri a Gerusalemme. Secondo la ricostruzione del Jerusalem Post l'uomo di circa 40 anni è stato ucciso da colpi di arma da fuoco mentre cercava di raggiungere un convoglio di autobus diretto verso il confine dell'Ucraina. '. La moglie e i figli della vittima sono ancora in 
Ucraina mentre i genitori in Israele sono stati informati.

19.11 - TWITTER SEGNALA POST CHE RILANCIANO MEDIA RUSSI
Twitter ha annunciato che da oggi inizierà a segnalare i tweet che rilanciano link a media statali russi o collegati al Cremlino. Lo riporta il Washington Post. Le etichette arancioni, già utilizzate in passato per segnalare fake news sulla pandemia di Covid, compariranno d'ora in avanti su qualsiasi tweet che includa un link a siti di media statali. Twitter smetterà inoltre di consigliare tweet con questi collegamenti e ne impedirà la visualizzazione nella ricerca principale.

19.09 - CINA ALL'ONU: NIENTE DA GUADAGNARE DA NUOVA GUERRA FREDDA
 Il mondo "non ha niente da guadagnare" da una nuova Guerra Fredda, ha detto l'ambasciatore cinese all'Onu, Zhang Ju, parlando all'Assemblea generale delle Nazioni unite, convocata sull'
Ucraina.  "La Guerra fredda è finita da tempo. La mentalità della Guerra fredda fondata sul confronto tra blocchi deve essere abbandonata", ha concluso.

19.05 - SPADISTE AZZURRE RIENTRATE IN ITALIA DALLA RUSSIA
Dopo la decisione, d'accordo con la Federazione Italiana Scherma, di non partecipare alla prova a squadre nella tappa di Coppa del Mondo a Sochi, la Nazionale italiana di spada femminile è rientrata in Italia dalla Russia, via Doha. Dopo la chiusura dello spazio aereo russo è stato un rientro non semplice, durato due giorni. La compagine ha dovuto dapprima raggiungere Mosca da Sochi: da lì, causa cancellazione voli, il trasferimento in un altro scalo della capitale russa. Quindi una volta già a bordo dell'aereo per l'Italia, le spadiste sono state raggiunte dalla notizia della cancellazione del volo per la chiusura degli spazi aerei. Recuperati i bagagli e dopo una lunga attesa, sono riuscite a far rotta su Doha e da lì raggiungere Roma

19.00 - USA: ROMNEY CONTRO REPUBBLICANI FILO PUTIN
Il senatore repubblicano dello Utah Mitt Romney si è scagliato contro i colleghi del suo partito che hanno partecipato a un evento di nazionalisti bianchi e coloro che sostengono il presidente russo Vladimir Putin. "Non c'è posto in nessuno dei partiti politici per questo nazionalismo o razzismo bianco. È semplicemente sbagliato e malvagio".

18.55 -  ZELENSKY: RILASCERO' DETENUTI CON ESPERIENZA GUERRA PER COMBATTERE RUSSI
I
l presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha annunciato il rilascio di prigionieri che hanno "una vera esperienza di combattimento" per utilizzarli nella guerra contro i russi. In un video messaggio, Zelensky si è rivolto al popolo ucraino per dire che chiunque "possa unirsi alla lotta contro gli invasori deve farlo". Quindi coloro i quali hanno esperienza di guerra e sono detenuti saranno rilasciati per contribuire "alla lotta per il nostro Stato".

18.50 - LOMBARDIA, PIANO SANITARIO PER I PROFUGHI
Attivare vaccinazioni, verificare scorte, fornire assistenza sanitaria. La direzione generale Welfare della Lombardia, in attesa di indicazioni nazionali, scrive alle Ats e alle Asst per prepararsi all'arrivo dei profughi ucraini. Alle aziende sanitarie del territorio viene richiesto di preparare scorte e organizzare raccordi per garantire a chi scappa dalla guerra "le vaccinazioni contro il Covid, il morbillo, la parotite, la rosolia, l'anti-difterite, il tetano e la pertosse".

 18.45 - KIEV, COLLOQUI DIFICILI. RUSSI PREVENUTI 
"I russi, purtroppo, hanno ancora un punto di vista molto prevenuto del processo distruttivo che hanno lanciato": lo ha detto Mykhailo Podolyak, consigliere del presidente ucraino Zelensky, commentando le difficolta' emerse nella prima tornata di colloqui fra Russia e 
Ucraina a Gomel, in Bielorussia, secondo quanto riferisce l'agenzia Reuters.

18.39 - VESCOVI POLACCHI, ARRIVATI 281MILA PROFUGHI
Sono oltre 281.000 i rifugiati dall'Ucraina che hanno attraversato il confine con la Polonia dall'inizio del conflitto, ovvero in 5 giorni. Lo riferisce all'ANSA il portavoce della Conferenza episcopale della Polonia, don Pawel Rytel-Andrianik, citando gli ultimi dati della Guardia di Frontiera.

18.34- CIO: ATLETI RUSSI E BIELORUSSI ESCLUSI DA COMPETIZIONI SPORTIVE 
Secondo la comunicazione inviata dal Comitato olimpico internazionale a tutte le federazioni sportive, gli atleti e i funzionari russi e bielorussi vanno esclusi dalle competizioni internazionali.

18.30 - CALCIO, RUSSIA ESCLUSA DA QUATAR 2022
La  Fifa ha deciso di escludere la Russia dai Mondiali e la Uefa di escludere i club russi da tutte le Coppe europee.  La nazionale russa avrebbe dovuto giocare il 24 marzo contro la Polonia a Mosca, nella semifinale degli spareggi: una partita che i giocatori polacchi hanno già annunciato che si rifiuteranno di giocare per solidarietà al vicino ucraino.

18.24 - RETE ELETTRICA UCRAINA  A BREVE COLLEGATA A UE
"I test" per sganciare la rete elettrica ucraina da quella russa e collegarla a quella europea "sono stati di successo, l'Ucraina ha visto che può sganciarsi, a questo punto gli operatori stanno cercando di rendere questo sganciamento effettivo, è tutto in divenire in queste ore". Lo ha detto il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, al termine del Consiglio Energia a Bruxelles.

18.18 - CROLLA IL VALORE DEL RUBLO 
Chiusura in calo per l'euro sul dollaro e crollo del rublo. La moneta russa e' affondata mentre l'Occidente ha intensificato le sanzioni contro la Russia, spingendo gli investitori a evitare le valute piu' rischiose e puntando sui beni rifugio come lo yen.

18.12 - FINLANDIA, DECISIONE STORICA DI FORNIRE ARMI A UCRAINA
La Finlandia ha preso la decisione "storica" di fornire armi all' Ucraina. Verranno inviati 2.500 fucili d'assalto, 150 mila munizioni, 1.500 lanciarazzi e 70 mila razioni da campo.

18.06 - CALCIO, MISTER DE  ZERBI IN ITALIA
"Siamo quasi tornati a casa, siamo contenti, perché torniamo nel nostro Paese ad abbracciare le nostre famiglie, ma non saremo mai felici finché i nostri calciatori ucraini, i nostri amici ucraini, e tutto il popolo ucraino, che è un popolo orgoglioso, sarà libero come noi. Stop alla guerra, subito". È il videomessaggio pubblicato su Instragram da Roberto De Zerbi, circondato dai componenti del proprio staff tecnico dello Shakhtar Donetsk. De Zerbi e lo staff hanno lasciato l'Ucraina ieri e sono rientrati in Italia oggi

18.00 - POTENTI ESPLOSIONI A EST DI CENTRO KIEV
Diverse forti esplosioni sono state udite a est del centro di Kiev. Sono le piu' forti esplosioni avvertite oggi, riferisce la Cnn, aggiungendo che le sirene di allarme risuonano in tutta la citta'. 

17.54 -  SECONDA TORNATA COLLOQUI A CONFINE TRA POLONIA E BIELORUSSIA Il nuovo round di colloqui tra Ucraina e Russia, si terrà al confine polacco-bielorusso, ha affermato l'inviato del Cremlino, Vladimir Medinsky. Lo riporta Ria Novosti.

17.49 - BASKET:  SQUADRE RUSSE SOSPESE DA EUROLEGA ED EUROCUP
Le squadre della Federazione Russa sono state sospese dall'EuroLeague Turkish Airlines e dall'EuroCup 7DAYS. Il provvedimento riguarda CSKA Mosca, UNICS Kazan e Zenit San Pietroburgo per la EuroLega e il Lokomotiv Kuban Krasnodar per l'EuroCup. Lo ha deciso il comitato esecutivo degli azionisti dell'ECA,

17.44 - CDM, Sì ALLA CESSIONE D'ARMI ALL'UCRAINA
Il decreto, approvato oggi in consiglio dei ministri, contiene "una norma abilitante che, dopo una preventiva risoluzione delle Camere, consente al Ministro della difesa di adottare un decreto interministeriale per la cessione alle autorità governative dell'Ucraina di mezzi, materiali ed equipaggiamenti militari". È quanto si legge nel comunicato diffuso al termine del consiglio dei ministri nel quale si afferma che «è prevista peraltro una deroga specifica ad alcune disposizioni vigenti».

17.41 - PENTAGONO: NESSUN SEGNALE SUL FRONTE DELLE ATOMICHE
l Pentagono getta acqua sul fuoco sull'allarme per le minacce del leader del Cremlino Vladimir Putin di ricorso al deterrente nucleare. "Stiamo monitorando e seguendo il più vicino possibile, dato l'annuncio di Putin ieri. Non credo che abbiamo visto nulla di specifico come risultato della direzione che ha indicato"

17.36 - RUSSIA: POSSIBILI PUNTI DI ACCORDO
Abbiamo individuato alcun punti su cui è possibile trovare terreno comune": lo ha detto, al termine dei colloqui con la delegazione ucraina in una località segreta in Bielorussia, Vladimir Medinsky, capo negoziatore russo, consigliere presidenziale al Cremlino.

17.32 - , PREVISTO SECONDO ROUND DI NEGOZIATI
Russia e Ucraina prevedono un secondo round dei colloqui. Lo riferiscono fonti di Kiev ai negoziati, che si sono tenuti oggi al confine bielorusso. Le delegazioni stanno ritornando nelle rispettive capitali per consultazioni.

17.25 -  ITALIA, ,POSSIBILE USO CARBONE E OLIO IN CENTRALI SE MANCA GAS
Via libera preventivo alla riattivazione delle centrali a carbone e olio combustibile in caso di problemi nelle forniture di gas e massimizzazione delle importazioni di metano. Sono alcune delle misure contenute nel decreto con le nuove misure sulla crisi  ucraina approvato dal Consiglio dei ministri.

17.20 -  ITALIA,  16MILA NUOVI POSTI PER ACCOGLIERE RIFUGIATI
"Un incremento di 13.000 posti dei centri straordinari che potranno essere attivati dai Prefetti (CAS) e un potenziamento di ulteriori 3.000 posti del sistema di accoglienza e integrazione (SAI)!: sono alcune delle misure previste dal dl approvato dal Consiglio dei ministri all'unanimità  per quanto riguarda i rifugiati in arrivo dall' Ucraina, secondo quanto si legge in una nota di Palazzo Chigi. 

17.13 - CONCLUSI I NEGOZIATI
L'agezia russa Tass cita fonti interne ai colloqui a Gomel per riportare che i negoziati in Bielorussia tra Ucraina e Russia si sono conclusi. 

 17.05 - "UCRAINA E GEORGIA NELLA NATO? PENSATECI BENE"
"I membri della Nato dovrebbero pensare due o tre volte prima di dire con orgoglio che la Georgia e l'Ucraina devono entrare nella Nato, perché ci vogliono più discussioni". Così l'ambasciatore russo presso l'Onu Vassily Nebenzia nel suo intervento all'Assemblea generale delle Nazioni Unite.

17.03 -  LE CONTRO-SANZIONI RUSSE
Il presidente Vladimir Putin ha firmato un decreto "per applicare misure economiche speciali contro gli Stati Uniti ed i Paesi che li hanno seguiti" nelle sanzioni imposte alla Russia per l'invasione dell' Ucraina. Lo rende noto il Cremlino, secondo quanto riporta il sito Sputnik.

16.58 - UE, ZELENSKY FIRMA RICHIESTA ADESIONE
Fonti ucraine: Zelensky firma la richiesta di adesione alla Ue. Ma intanto la Germania fren: "Tutti siamo consapevoli che un'adesione all'Ue non è qualcosa che si possa fare in alcuni mesi", ha detto a Berlino la ministra degli Esteri tedesca, Annalena Baerbock, dopo un incontro con il suo omologo sloveno Anze Logar.

16.55 - L'ACCERCHIAMENTO DI KIEV 
La Russia potrebbe cercare di circondare Kiev nei prossimi giorni: le forze russe sono a 24 chilometri dalla capitale ucraina e l'avanzata "resta lenta". Lo afferma un funzionario del Pentagono citato dai media americani.

16.51 - PUTIN: "RICONOSCETE CRIMEA RUSSA"
'è un'altra condizione che è stata posta da Vladimir Putin nella telefonata a Emmanuel Macron per arrivare a un accordo. Si tratta del riconoscimento internazionale della Crimea come territorio russo. Lo riferisce  sempre il Cremlino.

16.42 - CDM APPROVA DL UCRAINA 
Il Consiglio dei Ministri ha approvato all'unanimità il decreto legge con ulteriori misure per la crisi ucraina. Lo si apprende da alcuni ministri al termine della riunione. La norma stanzia mezzi e tecnologie militari per sostenere la difesa ucraina e apre la possibilità di procedure semplificate per il ricorso a una pluralitù di fonti energetiche. 

16.39 - LE PAROLE DEL SOLDATO RUSSO 
Parlando in russo davanti all'Assemblea generale Onu, Sergiy Kyslytsya, ambasciatore ucraino, ha letto un messaggio che - ha detto - è stato preso dal telefono di un soldato russo ucciso nei giorni scorsi in Ucraina, la cui famiglia non sapeva che fosse in Ucraina. "Mamma sono in Ucraina. Questa è  una vera guerra,  è così duro", ha scritto il soldato, secondo Kyslytsya.

16.36 PUTIN: ACCORDO, SE UCRAINA SARA' PAESE NEUTRALE 
Un accordo con l'Ucraina sarà possibile solo dopo la "smilitarizzazione e de-nazificazione" di Kiev, "quando avrà assunto uno status neutrale". E' quanto ha detto il presidente russo Vladimir Putin nella telefonata con Macron. secondo quanto riferitodal Cremlino, citato dalla Tass.

16.34 - SATELLITI UE IN SUPPORTO A KIEV 
"L'Ucraina ha chiesto supporto per l'intelligence geospaziale e stiamo mobilitando il nostro centro satellitare che opera a Madrid per lavorare su questo", ha assicurato l'Alto rappresentante dell'Ue per la politica
estera Josep Borrella. "Dal punto di vista della mobilitazione delle risorse, è tutto in corso. Va completato velocemente perché la guerra continua e non aspetta le procedure burocratiche".

16.30 - GUTERRES: PEGGIORE CRISI EUROPEA DA DECENNI
 "Siamo di fronte a quella che potrebbe facilmente diventare la peggiore crisi umanitaria e dei rifugiati in Europa in decenni". Lo ha detto il segretario generale dell'Onu, Antonio Gueterres, in apertura dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite. "La strada del dialogo deve sempre rimanere aperta. Non è mai troppo tardi per la pace", ha detto.

16.23 - MACRON A PUTIN: CESSATE IL FUOCO IMMEDIATO
Il presidente francese Emmanuel Macron ha ribadito a Vladimir Putin "la richiesta della comunità internazionale di cessare l'offensiva russa contro l' Ucraina e ha riaffermato la necessità di attuare un cessate il fuoco immediato". Lo comunica una nota dell'Eliseoche dà conto della telefonata tra i presidenti. Putini "ha confermato la volontà di impegnarsi", su tr epunti chiesti dalla Francia: "La fine di tutti gli attacchi contro i civili e le loro abitazioni, la preservazione di tutte le infrastrutture civili e la sicurezza di tutti gli assi stradali, in particolare della strada a sud di Kiev".  

16.21 - I RUSSI: CONTROLLIAMO MARIUPOL 
Nel briefing pomeridiano del portavoce del ministero della Difesa russo, il maggiore generale Igor Konashenkov, è stato comunicato che le truppe della Repubblica popolare di Lugansk, con il supporto del fuoco delle forze armate della Federazione Russa, sta conducendo operazioni offensive di successo, avanzando di 23 chilometri. Novaya Astrakhan e Borovenki sono ora in mano russa. Le unità delle forze armate della Repubblica popolare di Donetsk, continuando l'offensiva, e dopo giorni di combattimenti hanno bloccato Mariupol, porto sul mare d'Azov.

16.16 - SINDACO UCRAINO ACCUSATO DI TRADIMENTO 
Hennadiy Mazehora, sindaco della città di Kupyansk, nella provincia di Kharkiv, è accusato di tradimento. Lo riporta il Kiev Independent spiegando che il procuratore generale Iryna Venediktova ha accusato Mazehora di aver collaborato con le forze russe. Viene accusato di aver offerto sostegno alle truppe inviate da Mosca in città e di aver ceduto loro il controllo.

16.14 - VIA ALL'ASSEMBLEA GENERALE ONU 
È iniziata la riunione speciale di emergenza dell'Assemblea Generale Onu sull'invasione russa dell' Ucraina. Il presidente dell'Assemblea ha chiesto un momento di silenzio e preghiera o meditazione prima dell'inizio degli interventi. Al termine della maratona di discorsi l'Assemblea dovrebbe votare una risoluzione contro l'aggressione di Mosca dell'Ucraina, che potrebbe però slittare anche a domani.

16.06 - BORRELL: VOLI DIPLOMATICI CONCESSI 
"Le sanzioni permettono perfettamente al ministro Lavrov di andare a Ginevra. Ci sono eccezioni diplomatiche alle sazioni. Non glielo impediamo. Non potrà andare in vacanza ma potrà viaggiare per motivi
diplomatici". Lo ha dichiarato l'Alto rappresentante dell'Ue per la Politica estera, Josep Borrell. In giornata era saltato l'arrivo di Lavrov a Ginevra per partecipare a riunioni su disarmo e diritti umani. 

16.02 - TELEFONATA PUTIN-MACRON
 In una telefonata con il presidente francese Emmanuel Macron, il presidente russo Vladimir Putin si è impegnato oggi a "sospendere tutti gli attacchi contro i civili e le abitazioni": lo ha reso noto una fonte dell'Eliseo. Nella telefonata, Putin ha dato "il suo accordo a restare in contatto nei prossimi giorni per prevenire l'aggravamento della situazione", come proposto da Macron.  

15.57 - BORRELL: PIU' SANZIONI CONTRO BIELORUSSIA 
"Tutti capiscono l'importanza della decisione della Bielorussia di eliminare dalla Costituzione lo status di Paese non nucleare e far diventare la Bielorussia una base per gli armamenti nucleari della Russia" mentre Mosca "ha dichiarato la massima allerta per il suo sistema missilistico nucleare e per la sua flotta nel Pacifico e nei Baltici". Lo ha dichiarato l'Alto commissario Ue per la Politica estera, Josep Borrell, al temine del Consiglio Ue Difesa sulla situazione in Ucraina. "Per essere coerenti dobbiamo ulteriormente rafforzare la nostre sanzioni al regime bielorusso e contro tutti coloro che cooperano con l'aggressione militare russa dell' Ucraina", ha aggiunto Borrell.Che ha ricordato che le sanzioni, in particolare quelle contro la Russia, hanno un costo: "C'è un prezzo da pagare".

15.52 - KIEV: COLLOQUI RIPRESI 
I negoziati tra Ucraina e Russia riprenderanno tra pochi minuti, dopo essere stati interrotti. Lo ha detto un consigliere della presidenza ucraina, citato dalla Tass. In precedenza, Kiev aveva riferito che i colloqui si erano conclusi. Non è chiaro se si sia trattato solo di una pausa, o se le parti abbiano deciso di tornare al tavolo. Alcune fonti lo definiscono "terzo round", quindi le pause sarebbero state due.

15.45 - VOLVO SOSPENDE VENDITA AUTO IN RUSSIA 
l marchio automobilistico svedese Volvo Cars ha annunciato che sospenderà le spedizioni di veicoli verso il mercato russo fino a nuovo avviso, diventando la prima casa automobilistica internazionale a deciderlo. In una dichiarazione via e-mail, la società ha affermato di aver preso la decisione a causa di "potenziali rischi associati al commercio di materiale con la Russia, comprese le sanzioni imposte dall'Ue e dagli Stati Uniti". 

15.44 - NEGOZIATI RIPRESI MA MANCA CONFERMA UCRAINA
I negoziati tra le delegazioni russa e ucraina sarebbero ancora in corso, ripresi dopo una pausa. L'agenzia di stampa bielorussa BelTA, a sua volta, ha spiegato che "le parti hanno lasciato la stanza per una pausa, ma ora i negoziati stanno proseguendo". Secondo il corrispondente di Rossiya 24 non si conoscono ancora i dettagli dei colloqui. "Non ci sono state anticipazioni". "L'edificio dove si svolgono le trattative è indicato con un nome figurativo, come la 'casa
del pescatore'", ha fatto sapere.

15.36 - KHARKIV BOMBARDATA, PRIMO BILANCIO 
Dopo l'ultimo bombardamento di Kharkiv, 15 militari e 16 civili hanno riportato ferite di vario grado e sono arrivati negli ospedali. Una donna è morta. Questo è il primo bilancio, fornito dal consiglio comunale di Kharkiv. Nelle ultime 24 ore, all'ospedale della seconda città ucraina, sono stati ricoverati 44 feriti, dei quali 20 militari. Due militari e cinque civili sono stati uccisi. Ma secondo il governatore regionale, nell'area il bilancio è più pesante: almeno i 11 civili  uccisi. "Il nemico russo sta bombardando le zone residenziali", ha scritto su Telegram il governatore, Oleg Sinegubov. 

15.30 - AIUTI MILITARI A UCRAINA, ACCORDO UE 
Nel Consiglio Ue Difesa straordinario riunitosi oggi in videoconferenza si è registrato "accordo completo" tra i ministri sulla fornitura di equipaggiamenti militari all'Ucraina tramite la European Peace Facility. Lo dice la vicepresidente della Commissione Europea Margrethe Vestager.

15.27 - GLI USA: "LASCIATE LA RUSSIA SUBITO"
Il dipartimento di Stato Usa ha consigliato agli americani in Russia di lasciare immediatamente la Federazione. "I cittadini statunitensi dovrebbero considerare di lasciare immediatamente la Russia attraverso le opzioni di viaggio commerciali ancora disponibili", ha fatto sapere Washington in una nota.

15.23 - DE ZERBI RIENTRATO IN ITALIA
 Dopo un lungo viaggio, in condizioni molto difficili, Roberto De Zerbi, allenatore dello Shaktar Donetsk, e il suo staff hanno finalmente raggiunto l'Italia con un volo dall'Ungheria. "È la notizia che tutti aspettavamo e che ci riempie di gioia - ha commentato il presidente della Figc, Gabriele Gravina - dallo scoppio della guerra in Ucraina sono stato in costante contatto con De Zerbi e gli altri italiani dello Shakhtar Donetsk per rassicurarli e coordinare la loro evacuazione".  

15.17 - RUSSIA SMENTISCE: NEGOZIATI VANNO AVANTI
I negoziati tra le delegazioni russa e ucraina, nella regione di Gomel in Bielorussia, sono ancora in corso. E' quanto hanno riferito Ria Novosti e la tv Rossiya24, smentendo quanto affermato poco prima da un consigliere del ministero dell'Interno di Kiev, Anton Herashchenko, secondo il quale si erano conclusi.

15.15 - CIO: RUSSI E BIELORUSSI FUORI DA MANIFESTAZIONI SPORTIVE
Le competizioni e manifestazioni internazionali saranno vietate agli atleti russi e bielorussi. E' la decisione presa "con il cuore pesante" dall'Executive Board del Comitato Olimpico Internazionale, dopo l'attacco della Russia all'Ucraina.

15.13 - SOLDATI USA DA AVIANO IN LETTONIA 
I soldati assegnati alla 173a Airborne Brigade hanno viaggiato, nelle scorse ore, dalla Aviano Air Base in Italia, alla Lettonia, per sostenere gli alleati della Nato. Ne dà notizia la Base di Aviano (Pordenone) attraverso i propri canali social.  

15.11 - NUOVO COPRIFUOCO A KIEV
Un nuovo coprifuoco è stato annunciato a Kiev e scatterà dalle 20 di questa sera fino alle 7 di domani. Lo scrive il quotidiano Kyiv Independent. I cittadini potranno camminare per le strade solo per cercare riparo nel caso in cui suonino le sirene d'allarme per i raid aerei mentre lo spostamento con le auto sarà consentito solo con un permesso speciale.

15.08 - CHIUDE AMBASCIATA AMERICANA A MINSK
"Tutto il personale" dell'ambasciata americana a Minsk ha lasciato la Bielorussia. Lo ha annunciato l'inviato speciale americano Julie Fischer, precisando che la rappresentanza diplomatica ha "sospeso le operazioni".

15.05 - CONCLUSO IL NEGOZIATO
 Si sarebbero conclusi colloqui delle delegazioni russe e ucraine a Gomel.

14.59 FIOCCO AZZURRO PER UNA PROFUGA IN ITALIA
Una donna ucraina ha dato alla luce un bimbo nel reparto di Ostetricia e Ginecologia dell'ospedale dell'Annunziata di Cosenza. La donna era reduce da un viaggio di tre giorni, partendo in macchina nella giornata di giovedì 24 febbraio da Leopoli, dove il 26 avrebbe dovuto sottoporsi a taglio cesareo. E' giunta all'ospedale di Cosenza sabato, intorno alle ore 20, e, dopo poche ore, ha dato alla luce il terzo figlio con parto spontaneo. Mamma e neonato sono in ottima salute.  

14.52 - CINA: AVANTI COMMERCIO CON RUSSIA
ià contraria all'utilizzo delle sanzioni contro Mosca "illegali", la Cina continuerà a svolgere la normale cooperazione commerciale con la Russia: "Cina e Russia continueranno a svolgere la normale cooperazione commerciale nello spirito del rispetto reciproco, dell'uguaglianza e del reciproco vantaggio", ha detto il portavoce del ministero degli Esteri, Wang Wenbin.

14.50 - SALTA ARRIVO DI LAVROV A GINEVRA 
La partecipazione del ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov a Ginevra per una sessione del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite e della Conferenza sul disarmo è stata annullata a causa del divieto di passaggio del suo aereo nello spazio aereo dei Paesi Ue.   

14.47 - SVIZZERA ALLINEATA ALL'OCCIDENTE 
La Svizzera si allinea "integralmente" alle sanzioni imposte dallA Ue alla Russia. Lo annuncia il presidente Ignazio Tassis. Un annuncio storico che rompe di fatto la tradizionale neutralità del Paese elvetico.

14.44 - UE CONTRO PROPAGANDA RUSSA SUI SOCIAL 
"L'Ue - scrive in un tweet la vice presidente della Commissione europea, Vera Jourova - è unita contro la propaganda di guerra del Cremlino". I primi ministri di Estonia, Lettonia, Lituania hanno scritto una lettera a Meta/Facebook, Twitter, Google e YouTube per chiedere loro di fermare la diffusione di fake news di provenienza russa sulla guerra in Ucraina e di sospendere gli account coinvolti nella diffusione di fake news, tra cui gli account ufficiali delle istituzioni governative russe e bielorusse, quelli dei media controllati dallo Stato, nonché gli account personali della leadership di questi Paesi.

14.41 - "QUELLO RUSSO E' ATTACCO A ORDINE MONDIALE"
Il ministro degli Esteri ucraino Kuleba, in diretta da Kiev, ha detto che quello sferrrato da Putin è una "catastrofe" e un "attacco all'ordine mondiale2, in cui rientra la minaccia nucleare. "Noi riusciremo a proteggere il nostro Paese e a ricostruirlo".

14.38 - ISRAELE: SI' A CONDANNA ONU DELLA RUSSIA
Israele voterà la risoluzione Onu di condanna della Russia per l'invasione dell' Ucraina. Lo ha annunciato il ministero degli Esteri, Yair Lapid, sottolineando che lo Stato ebraico ha il dovere morale di condannare Mosca e dare assistenza umanitaria. "Israele era ed è dalla parte giusta della storia", ha affermato, dopo che la settimana scorsa aveva respinto la richiesta americana di co-presentare la risoluzione di condanna.  Lo Stato ebraico si trova in una posizione delicata perché ha folte comunità ebraiche che vivono in entrambi i Paesi e con Mosca c'è un coordinamento in Siria.

14.34 - VIVI I 13 UCRAINI SULL'ISOLA DEI SERPENTI Sarebbero vivi i 13 soldati ucraini che erano rimasti sull'isoletta del mar Nero detta "dei Serpenti" e che avevano fronteggiato una nava russa dicendo agli invasori di "andare a farsi f...ere"  ediventando eroi social. Secondo la Marina ucraina sono stati fatti prigionieri dai russi.

14.32 - GAZPROM: NESSUNO STOP AL GAS 
Nonostante le ostilità, elevati volumi di gas naturale dalla Russia continuano a essere inviati in Europa attraverso i gasdotti che attraversano l'Ucraina. Lo conferma ancora una volta all'agenzia Interfax la società statale Gazprom, secondo cui oggi dovrebbero essere consegnati in Europa 105,8 milioni di metri cubi di gas.

14.27 - AMERICANI CONTRARI AD AZIONE MILITARE USA 
Un nuovo sondaggio della CNN ha rilevato che l'83% degli americani è favorevole all'aumento delle sanzioni economiche contro la Russia in risposta all'invasione, con solo il 17% contrario.Ma il 58% degli statunitensi è contrario ad un intervento militare americano nel conflitto, anche se il 62% chiede di fare di più per fermare l'assalto russo. Infine il 42% si dichiara favorevole ad una risposta militare solo se le sanzioni non dovessero funzionare. Emerge anche che solo il 42% degli americani si fida della capacità del presidente Biden di prendere decisioni giuste sulla questione ucraina.

14.25 - IL "QUINT" ALLARGATO
Si terrà alle 17.15 l'annunciata riunione in video conferenza del Quint allargato a livello di leader "per continuare lo stretto coordinamento tra alleati e partner sulla situazione in Ucraina". Lo comunica l'Eliseo. Il Quint, composto da Stati Uniti, Francia, Germania, Italia e Regno Unito, è stato esteso all'Ue.

14.18 - USA: SANZIONI CONTRO FONDO SOVRANO RUSSO
Le sanzioni americane oltre che la Banca centrale russe colpiranno anche il fondo sovrano russo Rdif, "simbolo della cleptocrazia russa" a cui Mosca si appoggiava "per raccogliere capitali all'estero, inclusi gli Stati Uniti", e al suo ceo Kirill Dmitriev "noto alleato di Putin", si legge in una nota del Dipartimento del Tesoro americano.

14.16 - FERMATO ASSALTO A CHIESA 
Sabotatori russi hanno cercato di infiltrarsi nel monastero dorato di San Michele a Kiev, ma sono stati neutralizzati dalle guardie. Lo ha raccontato su Facebook un alto prelato della Chiesa Ortodossa dell'Ucraina, Yevstratiy Zorya, allegando foto dei russi catturati. Il metropolita della chiesa ortodossa ucraina, Epifanio I, ha ringraziato le guardie per la loro vigilanza.

14.09 - DI MAIO: "UE COMPATTA"
"In questo momento l'Italia e' al fianco del popolo ucraino e l'Unione europea sta agendo in maniera compatta, anche perche' a rischio e' la sicurezza dell'intero continente". Lo ha detto il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, parlando ad Algeri, dove si e' recato per una visita bilaterale.

14.05 - RUSSIA CHIUDE SPAZIO AEREO A 36 PAESI
Russia chiude lo spazio aereo a 36 Paesi, tra cui molti europei. Lo ha reso noto l'agenzia federale russa per il trasporto aereo. Si tratta di Austria, Albania, Anguilla, Belgio, Bulgaria, Isole Vergini Britanniche, Gran Bretagna, Ungheria, Germania, Gibilterra, Grecia, Danimarca (con Groenlandia, Isole Faroe, Mare Territoriale ), Jersey, Irlanda, Islanda, Spagna, Italia, Canada, Cipro, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Slovenia, Finlandia, Francia, Croazia, Repubblica Ceca, Svezia, Estonia

14.01 - HACKERATI DIVERSI MEDIA RUSSI
Diversi siti web dei media russi, tra cui l'agenzia Tass, sono stati hackerati e almeno tre stanno attualmente visualizzando un messaggio contro la guerra. Lo riporta la stessa Tass. Tra gli hacker anche Anonymous.

13.55 - STOP CIELI UE A VOLI RUSSI, TRANNE EMERGENZA E UMANITARI
Il divieto di decollo, atterraggio e sorvolo sul territorio dell'Ue vale per "qualsiasi aeromobile operato da vettori russi", compresi vettori commerciali, velivoli immatricolati in Russia o posseduti, noleggiati o controllati da russi; mentre non si applica "in caso di atterraggio di emergenza o di sorvolo di emergenza". Lo prevede il Regolamento Ue con le misure restrittive pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Ue, che verrà applicato anche per l'Italia. In deroga, è possibile autorizzare atterraggio, decollo o sorvolo se "necessario per scopi umanitari o per qualsiasi altra finalità coerente con gli obiettivi del regolamento".

13.53 - PAPA FRANCESCO: "RAGIONI PACE PIÙ FORTI DI FIDUCIA NELLE ARMI"
"Le ragioni della pace sono più forti di ogni calcolo, di interessi particolari e di ogni fiducia posta nell'uso delle armi". Con questa frase della sua enciclica Fratelli Tutti, Papa Francesco torna a chiedere, con un tweet, preghiere per la pace in Ucraina. Il messaggio, come ormai avvien da alcuni giorni, è twittato, oltre che nelle nove lingue dell'account del Papa, anche in russo e in ucraino.  

13.47 - GIAPPONE: "SANZIONI CONTRO LUKASHENKO E BANCA CENTRALE RUSSA"
Il Giappone adotterà sanzioni contro il presidente della Bielorussia e la banca centrale russa. Lo ha annunciato oggi il primo ministro giapponese Fumio Kishida, in risposta all'invasione russa dell'Ucraina.

13.45 - "DECINE DI CIVILI MORTI SOTTO LE BOMBE A KHARKIV"
"Decine di civili sono stati uccisi e centinaia di altri feriti durante i pesanti bombardamenti russi della città di Kharkiv, nell' Ucraina orientale". Lo rende noto su Facebook Anton Herashchenko, consigliere del ministro degli Interni di Kiev. Le truppe di Mosca, aggiunge, hanno bombardato le aree residenziali con missili Grad. 

13.38 PUTIN CONTRO L'OCCIDENTE
La comunità occidentale è "un impero delle bugie": lo dice il presidente russo Vladimir Putin, secondo quanto riporta Interfax.

13.36 - USA: STOP TRANSAZIONI CON BANCA CENTRALE RUSSA
Gli Stati Uniti vietano con effetto immediato tutte le transazioni con la Banca centrale russa. Lo annunciano le autorità Usa. Il Giappone ha annunciato provvedimenti analoghi.Si tratta di una nuova dura sanzione coordinata con gli alleati di Washington. "La decisione congela tutti i beni detenuti dalla banca centrale russa negli Stati Uniti, o detenuti ovunque da persone statunitensi", si legge in una nota. 

13.32 - UCRAINA IN UE: NESSUNA ACCELERAZIONE
Nel pronunciarsi a favore dell'ingresso dell' Ucraina nell'Unione europea, "la presidente" Ursula von der Leyen "ha espresso una prospettiva largamente condivisa", ma "ha anche ricordato il processo" di adesione degli Stati terzi all'Ue "e non ha accennato a deviazioni da tale processo, nonostante le richieste di una 'corsia prioritaria'" dedicata a Kiev. Lo ha dichiarato Eric Mamer. "Le richieste di adesione non vengono mandate alla Commissione, ma al Consiglio" e "al momento non ci risulta che sia arrivata alcuna richiesta formale dall'Ucraina", ha aggiunto Ana Pisonero, portavoce Ue in materia di allargamento.

13.28 - VOLONTARIO ITALIANO VA A COMBATTERE
"Né soldi, né gloria: non sono Rambo, anche se ho esperienze militari e di antiterrorismo, parto per difendere gli ideali e soprattutto i bambini". A dirlo è Francesco - nome di fantasia - 35enne originario della Campania, che ha deciso di arruolarsi tra i volontari della Brigata Internazionale. Francesco è in attesa dei documenti per partire. Lo riporta l'Ansa.

13.27 - "ALLERTA NUCLEARE? COLPA INGLESE"
Il Cremlino sostiene che il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato di porre in allerta le forze di deterrenza a causa delle parole del ministro degli Esteri britannico Liz Truss. "Dichiarazioni sono state fatte da diversi rappresentanti a vari livelli su possibili alterchi, o anche collisioni o scontri fra la Nato e la Russia. Riteniamo queste dichiarazioni assolutamente inaccettabili. Non voglio chiamare per nome gli autori di queste dichiarazioni, ma è stato il ministro degli Esteri britannico", ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, citato dall'agenzia Interfax, secondo quanto riferisce l'agenzia stampa britannica Pa.

13.15 - ITALIA, NUOVE MISURE IN CDM 
Consiglio dei ministri in programma alle 15,30 a Palazzo Chigi. Riunione indetta "per adottare nuove disposizioni relative alla crisi ucraina. In particolare, si interverrà per garantire sostegno e assistenza al popolo ucraino attraverso la cessione di mezzi, materiali ed equipaggiamenti militari alle autorità governative dell'Ucraina". Una seconda norma introdurrà una procedura che consenta maggiore flessibilità nell'uso delle diverse sorgenti di energia elettrica.

13.07 - AMMUTINAMENTO DEI SOLDATI RUSSI?
Secondo testimonianze ucraine alcuni soldati russi dell'esercito di invasione si starebbero ammutinando, svuotando il carburante dei carri armati. Ma mancano conferme. Oggi Zelensky si era rivolto ai soldati russi chiedendo loro di deporre le armi.

13.04 - MINISTRO BIELORUSSO AL TAVOLO 
C'è anche il ministro degli Esteri bielorusso, Vladimir Makei, ai colloqui in corso tra Russia e Ucraina nella regione di Gomel. Lo rende noto la Tass. La sicurezza delle delegazioni ai colloqui è stata garantita personalmente dal presidente Lukashenko

13.03 - NAVI RUSSE IN ALLERTA
"Le squadre russe di allerta dei posti di comando della Forza missilistica strategica e le flotte del Nord e del Pacifico sono passate all'allerta di combattimento rafforzata". Lo ha comunicato il ministro della Difesa Serghei Shoigu al presidente Vladimir Putin, come riferisce la Tass.

12.56 - ABRAMOVICH IN CAMPO: LA CONFERMA 
Roman Abramovich sta attivamente tentando di svolgere un ruolo per aiutare i negoziati fra Russia e Ucraina e favorire la pace. Lo ha confermato un portavoce della squadra londinese di calcio del Chelsea, di cui l'uomo d'affari ha ceduto la gestione ma resta titolare della proprietà, precisando che è stata "la parte ucraina a contattarlo per dare sostegno alla ricerca di una soluzione pacifica" e che lui "ci sta provando fin da quel momento".   

12.51 - MINISTRO BULGARO NEI GUAI 
Il premier bulgaro, Kiril Petkov, ha annunciato che intende chiedere le dimissioni del suo ministro della Difesa, Stefan Yanev, accusandolo di avere usato più volte - in dichiarazioni pubbliche - il termine "operazione militare" e non "guerra" per definire l'intervento della Russia in Ucraina. "Nessun ministro ha diritto a una propria politica estera".

12.46 - DRAGHI AL QUADRILATERO 
Il presidente del Consiglio Mario Draghi, secondo quanto si apprende, parteciperà in videocollegamento all'incontro previsto per questa sera a cena dal presidente francese Emmanuel Macron con il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, e la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen per parlare di Ucraina. Nel pomeriggio sempre in videocall parteciperà anche all'incontro con gli alleati e la Nato.

12.43 - PACIFISTI ARRESTATI IN RUSSIA 
Quasi 6.000 persone sono state arrestate in Russia per la loro partecipazione alle manifestazioni di protesta contro la guerra di Mosca in Ucraina. Secondo quanto riferito dal sito di monitoraggio indipendente OVD-Info, 5.942 manifestati sono stati fermati dalle forze di sicurezza russe per aver partecipato alle proteste. 

12.35 - CYBERATTACCO DI ANONYMOUS 
Le agenzie di stampa russe Tass, Fontanka e Rbk, i quotidiani Kommersant e Izvestia, il sito di notizie Znak.ru, sono stati colpiti da un cyberattacco firmato da Anonymous. Per alcuni istanti, sulla homepage della Tass e degli altri media colpiti è comparso un messaggio in cui si sollecitano i russi a "porre fine a questa follia, a non inviare i propri figli e mariti a una mortecerta". "Putin ci costringe a mentire".

12.28 - SANZIONI, PUTIN INCONTRA I SUOI MINISTRI 
Il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, ha detto che "oggi Putin lavorerà sulle questioni economiche" e incontrerà i ministri chiave tra cui quello delle Finanze e il governatore della banca centrale. Regno Unito, Stati Uniti e Unione Europea hanno escluso le
banche russe dai mercati finanziari occidentali, interrompendo i rapporti con la banca centrale, i fondi di investimento statali e il ministero delle finanze. Di conseguenza, la Banca centrale russa ha alzato il tasso di riferimento al 20%.

12.23 - MISSILI SU KHARKIV 
C'è stato un intenso bombardamento a Kharkiv: lo ha riferito Anton Gerashchenko, consigliere del capo del ministero degli Affari interni in Ucraina, secondo il quale l'esercito russo ha anche utilizzato missili Grad e decine di persone sono morte, centinaia ferite. 

12.21 - ABRAMOVICH IN BIELORUSSIA
Secondo il Jerusalem Post l'oligarca russo Roman Abramovich, che ha anche passaporto israeliano, su richiesta dell'Ucraina, sarebbe in Bielorussia per assistere nei negoziati tra Russia e Ucraina. Abramovhich dopo lo scoppio della guerra ah lasciato la presidenza del club clacistico inglese Chelsea.

12.18 - ITALIANI EVACUATI DA KIEV
 L'ambasciata italiana a Kiev avrebbe organizzato un convoglio di auto civili per evacuare i nostri connazionali dalla capitale ucraina. Lo riferiscono fonti italiane in Ucraina ad Adnkronos, spiegando che ''nelle prossime ore'' dovrebbe partire ''una colonna di auto civili dalla sede dell'ambasciata di Roma a Kiev''. L'organizzazione dell'evacuazione segue ''il via libera concesso dai russi a uscire da Kiev''.

12.16 - BORSA DI MOSCA CHIUSA 
La Banca centrale della Russia ha annunciato che oggi la Borsa di Mosca resterà chiusa. Lo riporta l'agenzia Bloomberg. In mattinata la banca centrale ha ritardato di tre ore le contrattazioni del rublo e si era riservata di
decidere sull'apertura dei mercati.

12.13 - AUMENTA NUMERO DEI RIFUGIATI 
Più di 500.000 sono i rifugiati fuggiti dall'Ucraina nei Paesi vicini. Lo comunica via twitter l'UNHCR, l'Agenzia Onu per i rifugiati.

12.10 - LA CONDANNA DI AMNESTY 
Amnesty International ha condannato l'uso riferito da parte della Russia di munizioni a grappolo in Ucraina, affermando che un attacco a una scuola materna "potrebbe costituire un crimine di guerra". L'organizzazione per i diritti umani ha dichiarato venerdì che "un razzo Uragan da 220 mm ha lanciato munizioni a grappolo sull'asilo nido e sull'asilo Sonechko nella città di Okhtyrka nell'Oblast di Sumy". Amnesty ha detto che tre persone sono state uccise nel raid, incluso un bambino, mentre un altro bambino è stato ferito. 

12.00 - BIELORUSSIA IN CAMPO
 Se necessario, la Bielorussia è pronta a partecipare ai negoziati russo-ucraini: lo ha fatto sapere l'ufficio del presidente bielorusso, Alexander Lukashenko. 

11.50 - MOSCA: IL CREMLINO NON VUOLE SCOPRIRE LE SUE CARTE 
Il Cremlino non vuole scoprire le carte, prima dei negoziati appena cominciati, con l'Ucraina: lo ha detto il portavoce del Cremlino, parlando a Mosca. "Non annuncerò le posizioni che abbiamo: i negoziati devono essere condotti in silenzio", ha spiegato Dmitry Peskov.

11.38 - LITUANIA: INCHIESTA SUI CRIMINI DI GUERRA 
Il governo lituano ha annunciato che chiederà alla Corte penale internazionale (Cpi) di indagare su "crimini di guerra e crimini contro l'umanità in Ucraina". "C'è nuovo materiale in arrivo ogni giorno, ma ormai ne abbiamo abbastanza per presentare la richiesta", ha detto il primo ministro lituano Ingrida Simonyte.

11.28 - PARTITO IL NEGOZIATO 
Sono iniziati i colloqui alla ricerca di una soluzione negoziale per la guerra in Ucraina. Le delegazioni russa e ucraina si sono incontrate sulle rive del fiume Pripyat, in territorio bielorusso. A guidare la delegazione russa c'è l'assistente presidenziale russo Vladimir Medinsky, molto vicino alle posizioni di Vladimir Putin. La delegazione ucraina è guidata dal ministro della Difesa Oleksii Reznikov e dal leader del partito del presidente Zelensky, David Arakhamia.

11.27-  L'AVVERTIMENTO RUSSO ALL'EUROPA
La consegna di armi e munizioni all' Ucraina da parte della Ue diventerà un fattore estremamente pericoloso, che può avere conseguenze pericolose a lungo termine: lo ha detto il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov.

11.21 - NUOVI INVII DALLA SPAGNA
La Spagna "continuerà a inviare aiuti umanitari e militari" all'Ucraina: è quanto affermato in un tweet dal ministro degli Esteri, José Manuel Albares, che stamattina ha accolto a Madrid 106 cittadini spagnoli evacuati nei giorni scorsi dal Paese dopo l'invasione della Russia. Ieri il governo aveva reso noto di aver inviato all'Ucraina un primo carico da 20 tonnellate con materiale sanitario e di "protezione individuale" come caschi e giubbotti anti-proiettilE.

11.16 LA STRATEGIA DI MOSCA 
Il Cremlino non vuole svelare "la sua posizione" mentre sono in corso i negoziati con l'Ucraina. 

11.12 - UCRAINA IN UE, RICHIESTA UFFICIALE
"Il governo ucraino sta preparando la richiesta ufficiale per aderire all'Ue. Ciò vuol dire che la Commissione dovrà prendere una posizione ufficiale" e "significa che anche il Consiglio Ue dovrà prendere posizione. Io penso che il dibattito ci sarà molto presto". Lo ha detto il presidente del Consiglio UeCharles Michel in un'intervista ad alcuni media europei, tra i quali l'Ansa.  

11.09 - SANZIONI, LA RUSSIA REAGISCE
 "Sapremo rispondere a danni provocati dalle sanzioni" decise dal G7 e dagli alleati, lo dice il Cremlino. Il presidente Vladimir Putin "si sta concentrando sulla risposta economica alle sanzioni".

11.05 - IL LUOGO DEL NEGOZIATO 
Stando a diversi media internazionali, i colloqui di pace avranno luogo al Rumyantsev-Paskevich Residence di Gomel in Bielorussia. La residenza Rumyantsev-Paskevich è il principale luogo di importanza storica della città, lungo sponda destra del fiume Sozh. Un'immagine della residenza è riportata sulla banconota da 20 rubli bielorussi.

10.57 - "LA RUSSIA USA SCUDI UMANI"
L'arcivescovo maggiore di Kiev e capo della Chiesa greco-cattolica ucraina, monsignor Sviatoslav Shevchuk, condanna in un videomessaggio "quelli che mettono bambini e donne sui carri armati per farne lo scudo umano, per portare morte e distruzione nel cuore, all'interno dell'Ucraina", facendo riferimento "alle azioni dell'esercito russo" e sottolineando "le atrocità e il volto disumano di coloro che ci uccidono".

10.54 - ARMI DAL LUSSEMBURGO
Anche il granducato del Lussemburgo si unisce agli altri Paesi Ue per l'invio di armi all'Ucraina. Invieremo "Armi anticarro, jeep, tende da campo e altri armamenti". Lo ha annunciato in un tweet il primo ministro Xavier Bettel.  

10.50 - PECHINO CONTRARIA ALLE SANZIONI 
Il portavoce del ministero degli Esteri cinese ha ribadito la propria opposizione alle sanzioni, che definisce "unilaterali" e "illegali", inflitte alla Russia per l'invasione. Le sanzioni "non risolvono i problemi", ha aggiunto Wang Wenbin, e la Cina "si oppone ancora di più alle sanzioni unilaterali che sono al di sopra del diritto internazionale".

10.48 - USA AI RUSSI: VARIAMO COMUNICAZIONE SPECIALE 
Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha proposto ai russi di creare una linea di comunicazione speciale per la crisi in Ucraina. Lo ha riferito 'Politico' citando fonti del Pentagono, secondo le quali da Mosca non è ancora giunta risposta. "Abbiamo detto ai russi che riteniamo necessario un canale a livello operativo in modo da evitare errori di calcolo", ha detto a 'Politico' un funzionario militare.  

10.47 -  LETTONIA: SI' A COMBATTENTI VOLONTARI 
Il parlamento lettone ha votato all'unanimità questa mattina per autorizzare i suoi cittadini a combattere in Ucraina se lo desiderano. Lo ha affermato il parlamento in una dichiarazione. "I nostri cittadini che vogliono sostenere l'Ucraina e prestarvi servizio volontario per difendere l'indipendenza dell' Ucraina e la nostra sicurezza comune devono essere in grado di farlo", ha commentato Juris Rancanis, presidente della commissione parlamentare Difesa.

10.46 - IL DIBATTITO ALL'ONU 
Il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha chiesto la convocazione di un dibattito urgente sulla guerra in Ucraina. Con 29 voti favorevoli e quelli contrari di Russia, Cuba, Eritrea, Venezuela e Cina il Consiglio ha approvato il dibattito.

10.43 - ANONYMOUS CONTRO LA BIELORUSSIA 
Anonymous, il gruppo hacker che ha preso posizione fortissima contro l'invasione russa, ha bloccato i siti web delle banche in Bielorussia. Lo rende noto su Twitter.

10.42 - DE ZERBI IN ROMANIA 
L'allenatore italiano dello Shakhtar Donetsk Roberto De Zerbi e i componenti italiani dello staff della squadra ucraina sono arrivati nella notte in Romania, in zona sicura. De Zerbi era stato evacuato ieri dalla capitale ucraina sotto assedio. Ora per il gruppo, in tutto otto persone, si attende il rientro in Italia

10.38 - L'ALLEANZA OCCIDENTALE
Una videoconferenza si terrà nel pomeriggio tra i leader di Francia, Usa, Canada, Germania, Italia, Giappone, Polonia e Romania - insieme con i rappresentanti dell'Unione europea e della Nato - per "proseguire lo stretto coordinamento tra alleati e partner europei" rispetto al conflitto in Ucraina. Lo rende noto l'Eliseo.

10.31 - RUSSIA: IL CIELO E' NOSTRO  
Igor Konashenkov ha anche annunciato che l'aviazione russa ha acquisito la superiorità aerea sull'intero territorio dell'Ucraina. "L'aviazione russa ha acquisito la superiorità aerea sull'insieme del territorio. In totale, dall'inizio dell'operazione, le forze armate della Federazione della Russia, hanno colpito 1.144 obiettivi di infrastrutture militari ucraine".

10.27 - L'AVANZATA RUSSA 
Le truppe russe hanno assunto il controllo delle due città di Berdyansk e Enerhodar, nella parte sudorientale dell'Ucraina. A rivendicarlo il portavoce del ministero della Difesa Igor Konashenkov. La cattura di Berdyansk, sul mar d'Azov, era stata già annunciata ieri dalla parte ucraina. Enerhodar si trova a nordovest di Mariupol e la notizia della conquista non è stata confermata da Kiev.

10.25 - L'AIUTO NATO
Il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg ha detto di avere appena avuto una conversazione telefonica con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, a cui ha assicurato l'impegno degli alleati a rafforzare il supporto a Kiev con missili per la difesa aerea e armi anti-carro.

10.23 - DONETSK SMOBILITA 
"Sospesa" la "mobilitazione generale" nella regione di Donetsk. L'annuncio è arrivato da Denis Pushilin, leader dell'autoproclamata repubblica riconosciuta dalla Russia.Secondo Pushilin, ha riportato la tv russa, i separatisti hanno preso il controllo di territori in precedenza in mano alle forze ucraine. "La mobilitazione è sospesa perché il numero necessario di forze è stato completato", ha detto a Rossiya24.  

10.19 - VITTIME CIVILI, I NUMERI ONU
Sul numero di civili uccisi in Ucraina per il comflitto, l'Onu fornisce numeri un po' di versi da quelli di Zelensky. Sarebbero 102 i civili uccisi, di cui 7 bambini, e i feriti sono 304: è il dato fornito dalla Commissaria Onu per i diritti umani, Michelle Bachelet. Che però precisa: "Temo che le cifre reali siano considerevolmente più alte".

10.18 - MIGLIAIA DI SOLDATI RUSSI A TERRA  
Sarebbero 4.500 i soldati russi uccisi negli scontri tra i due eserciti dall'inizio dell'invasione russa, almeno secondo il leader ucraino Zelensky che ha anche esortato i militari russi a deporre le armi. "Abbandonate i vostri equipaggiamenti. Andate via da qui. Non credete ai vostri comandanti. Non credete ai vostri propagandisti. Salvatevi".

10.14 - "I CIVILI POSSONO LASCIARE KIEV" 
I civili "possono lasciare liberamente la capitale ucraina percorrendo la strada Kyiv-Vasylkiv. Questa strada è aperta e sicura",  ha affermato il portavoce del ministero della Difesa russo, Igor Konashenkov.  

10.13 - "UCCISI 16 BAMBINI" Il presidente ucraino  Zelensky ha dichiarato che negli ultimi quattro giorni sono stati uccisi 16 bambini e altri 45 sono stati feriti nell'ambito dell'offensiva russa in Ucraina.

10.10 - FRIZIONI USA-CINA La Cina non si è impegnata per convincere la Russia a non invadere l'Ucraina nonostante gli appelli Usa? L'ipotesi rilanciata in un articolo del New York Times fa infuriare Pechino per cui gli Stati Uniti "diffondono informazioni false", come ha dichiarato il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Wang Wenbin, e "ci diffamano".  

10.08 - ZELENSKY: SUBITO IN UE 
L'Ucraina chiede l'adesione "immediata" nell'Ue. È quanto afferma il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Per Zelensky è possibile avviando una "procedura speciale".

10.05 - LA CENTRALE NUCLEARE
L'Ucraina torna a confermare che è "un falso" la dichiarazione di Mosca di aver conquistato la centrale nucleare di Zaporizhzhia,  la più grande d'Europa. Energoatom, la compagnia nucleare ucraina, ha dichiarato
all'agenzia di stampa Interfax che tali affermazioni di Mosca sono "una bugia assoluta".

9.59 - NUCLEARE, LA CINA: "CALMA"  Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin ha chiesto a "tutte le parti" della crisi Ucraina-Russia "di mantenere la calma e di esercitare moderazione". L'obiettivo è "evitare una ulteriore escalation" dopo che il presidente Vladimir Putin ha messo in allerta il deterrente nucleare della Russia.

9.55 - "ASSASSINATE ZELENSKY" 
Secondo quanto riporta il Times, oltre 400 mercenari russi stanno operando a Kiev con l'ordine del Cremlino di assassinare il presidente Vladimir Zelensky. Il gruppo Wagner, una milizia privata gestita da uno dei più stretti alleati del presidente Putin, è arrivato a Kiev con un gruppo di mercenari in arrivo dall'Africa cinque settimane fa. Le informazioni sulla loro missione sono arrivate al governo ucraino sabato mattina, e poche ore dopo Kiev ha dichiarato un coprifuoco "duro" di 36 ore per spazzare la città dai sabotatori russi, avvertendo i civili che sarebbero stati visti come agenti del Cremlino e avrebbero rischiato di essere "liquidati" se fosseero usciti fuori casa.

9.53- DOVE SI TROVANO I RUSSI 
La maggior parte delle forze d'invasione russe si troverebbe ancora a più di 30 chilometri a Nord di Kiev. Lo ha affermato questa mattina il ministero della Difesa britannico in un tweet secondo cui l'avanzata russa è stata "rallentata dalle forze ucraine che difendevano l'aeroporto di Hostomel, un obiettivo chiave della Russia per il primo giorno del conflitto". "I pesanti combattimenti continuano intorno a Chernihiv e Kharkiv, tuttavia entrambe le città rimangono sotto il controllo ucraino. I fallimenti logistici e la tenace resistenza ucraina continuano a vanificare l'avanzata russa".

9.51 - OMS: "MANCA OSSIGENO" 
 "L'approvvigionamento di ossigeno medico in Ucraina è pericolosamente basso a causa della crisi". L'allarme è stato lanciato dai vertici dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e di Oms Europa, che chiedono forniture mediche cruciali e spiegano di essere al lavoro con i partner per stabilire un "transito sicuro" delle spedizioni attraverso la Polonia.

9.48 HACKER PRO RUSSIA
La gang di hacker Conti, una delle più note e potenti al mondo, ha preso ufficialmente le difese della Russia nel conflitto in corso. Lo apprende l'AGI. Questo dopo gli attacchi condotti nelle ultime ore ai danni delle infrastrutture digitali russe dal gruppo Anonymous. "Il team Conti annuncia pieno sostegno al governo russo. Se qualsiasi ente dovesse lanciare un attacco informatico o un'altra qualsiasi attività bellica contro la Russia, noi ricorreremo a tutte le nostre risorse per colpire le infrastrutture critiche del nemico".

9.45 - LE RICHIESTE UCRAINE 
I due punti chiave delle richieste dell'Ucraina nel corso dei negoziati  a Gomel sono un immediato cessate il fuoco e il ritiro delle truppe russe dal territorio ucraino, secondo l'ufficio del presidente Zelensky.

9.41 - JOHNSON: RUSSIA ISOLATA
"Stamattina abbiamo ulteriormente isolato la Russia dal sistema finanziario internazionale. Lavorando con i nostri partner e il G7, siamo determinati a imporre le misure economiche più severe possibili contro il presidente Putin per lasua ripugnante campagna contro l'Ucraina. Putin deve fallire". Così, su Twitter, il premier britannico Boris Johnson, commentando i primi effetti delle misure economiche contro la Russia, varatedal G7.

9.40 - ARRIVATA LA DELEGAZIONE UCRAINA
 La delegazione ucraina che parteciperà ai colloqui con la controparte russa in Bielorussia è arrivata in elicottero sul luogo dei colloqui: lo riferiscono corrispondenti di Ria Novosti.

9.35 - L'ITALIA CHIUDE LO SPAZIO AEREO
l'Italia chiude lo spazio aereo a Mosca. È quanto si legge in un tweet di Palazzo Chigi. "L'Italia ha deciso di chiudere lo spazio aereo alla Russia. Al Consiglio Affari Esteri straordinario sosterrò un'azione comune di tutti i Paesi Ue: tutta l'Ue chiuda lo spazio aereo alla Russia", scrive ieri sul social il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, che ha annunciato anche una erogazione "immediata" di 110 milioni a Kiev.  Stessa decisione per la Germania, 

9.30 - FACEBOOK BLOCCA L'ACCESSO A DIVERSI ACCOUNT
"In contatto con il governo ucraino, su loro richiesta abbiamo limitato l'accesso a diversi account in Ucraina, inclusi quelli appartenenti ad alcune organizzazioni di media statali russi. A scriverlo su Twitter è stato Nick Clegg, vicepresidente Global Affairs di Meta, ex Facebook.  "Stiamo anche esaminando altre richieste del governo per limitare i media controllati dallo stato russo. Nel frattempo, continueremo a etichettare e controllare questi media, nonché a vietare la pubblicità e a demonetizzare i loro account a livello globale", si legge in un altro tweet.

9.25 - LA FARNESINA: ITALIANI VIA DALLA RUSSIA
"I connazionali presenti nel Paese e in procinto di rientrare in Italia devono contattare tempestivamente la compagnia aerea di riferimento per informazioni su itinerari alternativi. Risultano tuttora attivi voli con scalo a Istanbul, Doha, Abu Dhabi e Dubai", si spiega sul sito Viaggiare Sicuri.  "Per raggiungere lo spazio Schengen via terra, sono disponibili bus da San Pietroburgo (Obvodnoy kanal 36, stazione pullman centrale) per Tallin, Estonia", si aggiunge.

9.20 - LA RUSSIA VUOLE L'ACCORDO
«La delegazione russa è pronta a negoziare con l'Ucraina tutto il tempo necessario per raggiungere un accordo». Lo afferma il capo negoziatore russo, Vladimir Medinsky, citato da Interfax, in attesa dell'inizio dei colloqui tra Mosca e Kiev a Gomel. 

9.15 - ECCO LA SALA DOVE SI SVOLGERANNO I COLLOQUI UCRAINA-RUSSIA
L'immagine è stata diffusa su Twitter dalle autorità bielorusse che ospitano le due delegazioni 

La sala dei colloqui Russia Ucraina in Bielorussia
La sala dei colloqui Russia Ucraina in Bielorussia

9.10 - BORSE APRONO IN RIBASSO
Le borse europee hanno aperto in forte ribasso dopo le sanzioni occidentali che escludono alcune banche russe dal sistema di pagamenti internazionale Swift e impediscono alla banca centrale di usare le riserve a sostegno degli asset russi a seguito dell'invasione dell'Ucraina. Il petrolio è in netto rialzo così come il gas sul mercati europei. La banca centrale russa ha più che raddoppiato il tasso di riferimento al 20%. A Francoforte l'indice Dax perde l'1,91% a 14.289,27 punti, a Londra l'Ftse cede 1,13% a 7.404,97, a Parigi il Cac cala dell'1,95% a 6.620,48. 

10.02 - LA FRANCIA ACCOGLIE I RIFUGIATI 
La Francia è pronta ad accogliere "tutti gli ucraini che arriverano in Europa". Lo ha affermato il ministro dell'Interno Darmanin ai microfoni di France 2.  

9.05 - KIEV SMENTISCE LA PRESA DELLA CENTRALE
Le autorità militari ucraine hanno fermamente smentito la notizia diffusa dal ministero della Difesa russo in merito alla conquista della centrale nucleare di Zaporozhye nell'area sud-orientale dell'Ucraina.

9.00 - PRESA SECONDA CENTRALE NUCLEARE
 Il ministero della Difesa russo ha riferito che l'esercito russo ha preso il controllo della centrale nucleare di Zaporozhye nell'area sud-orientale dell'Ucraina. La notizia al momento non è però confermata da fonti indipendenti.

8.55 - LA SOLUZIONE PER MARIUPOL
 Il rappresentante dell'autoproclamatasi repubblica di Donetsk, Eduard Basurin, ne è certo: «la questione di Mariupol» verrà risolta nei negoziati russo-ucraini che dovrebbero cominciare tra circa due ore. Secondo lui, «questo eviterà un gran numero di vittime». 

8.50 - I MILITARI RUSSI MORTI O FATTI PRIGIONIERI
n un aggiornamento appena pubblicato dalla Stato maggiore dell'esercito ucraino, sarebbero già 5.300 i militari russi catturati, feriti o uccisi finora. Il bilancio comprende anche 29 aerei abbattuti, e altrettanti elicotteri, 191 carri armati colpiti, 816 veicoli blindati da combattimento neutralizzati, cui si aggiungono tra gli altri 74 cannoni, 291 veicoli vari, 60 cisterne per il carburante e due navi.

8.45 - L'ANNUNCIO DEL VERTICE
Ora c'è l'annuncio ufficiale. Il capo della delegazione russa in Bielorussia, Vladimir Medinsky, ha affermato che i negoziati con la parte ucraina dovrebbero iniziare alle 12 ora locale, le 11 in Italia.  I componenti della delegazione di Kiev sono in viaggio per raggiungere la localita' dei colloqui a bordo di un elicottero polacco.

8.40 - L'ACCUSA DEGLI SCUDI UMANI
 L'esercito russo ha accusato le autorità ucraine di utilizzare la popolazione come scudo umano. «Tutti i civili della città possono lasciare liberamente la capitale ucraina attraverso l'autostrada Kiev-Vassylkiv», a sud-ovest della capitale, ha detto alla televisione il portavoce del ministero della Difesa russo Igor Konashenkov. Ha inoltre affermato che è stata raggiunta la «supremazia aerea» su tutta l'Ucraina.

8.35 - BIDEN PARLA AGLI ALLEATI
Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden si incontrera' oggi in una teleconferenza con alleati e partner per discutere degli "sviluppi" nell'attacco russo in Ucraina e "coordinare" una "risposta unita". Lo ha annunciato la Casa Bianca. Il comunicato stampa non specifica l'identita' dei partecipanti a queste discussioni, che si terranno alle 16.15. Ieri i Paesi del G7, ovvero Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Gran Bretagna e Stati Uniti, hanno paventato  "ulteriori misure" oltre alle sanzioni gia' annunciate se la Russia non avesse interrotto le sue operazioni militari.

8.30 - L'AVVIO DEI COLLOQUI
L'inizio dei negoziati tra la Russia e l'Ucraina in Bielorussia è previsto per le 11 ora italiana. Lo ha riferito un responsabile della delegazione russa indicando nelle 9, ora di Greenwich, il previsto avvio dei colloqui.

8.25 - IL BILANCIO DELLE VITTIME
Da Kiev arriva anche un nuovo bilancio delle vittime civili: 352 morti, tra i quali 14 bambini.

8.20 -  L'EVACUAZIONE
L'esercito russo alla popolazione di Kiev: i civili possono lasciare la città.

8.15 - L'ESERCITO RALLENTA L'OFFENSIVA
 Al quinto giorno dell'invasione russa, l'esercito ucraino ha affermato che Mosca ha "rallentato il ritmo dell'offensiva". "Gli occupanti russi hanno rallentato il ritmo dell'offensiva, ma tentano ancora di conquistare posizioni in alcune zone", si legge in un comunicato dello stato maggiore ucraino. 

8.09 - SEIMILA ARRESTI IN RUSSIA
Cresce il dissenso contro l'invasione dell'Ucraina in Russia, toccando un'intensità mai raggiunta prima. Secondo il progetto mediatico a difesa dei diritti umani «Ovd-Info» 5.922 sono state arrestata durante le proteste contro l'intervento militare in diverse città della Federazione russa. Ben 16 i tribunali che sono stati resi operativi dall'apparato repressivo russo per occuparsi dei «dissenzienti»

8.02 - LE BANCHE E I TASSI DI INTERESSE
 La Banca centrale della Russia alza il tasso di riferimento al 20%. Lo riporta l'agenzia Bloomberg. La Banca centrale russa ha motivato la decisione con il drastico «cambiamento delle condizioni esterne. L'aumento dei tassi si è reso necessario per rendere più attraenti i depositi». Il governatore della banca russa parlerà alle ore 16 di Mosca. 

7.58 - BORSE VERSO L'AVVIO IN CALO
Le Borse europee si avviano verso l'apertura in forte calo con i future sullo Stoxx 50 che cede il 3,3%. Sui mercati pesano le nuove sanzioni alla Russia dopo l'invasione dell'Ucraina. Si guarda anche alle prossime mosse delle banche centrali mentre si valuta l'ipotesi che sarà rinviata la strada dell'inasprimento della politica monetaria. Andamento negativo per i future dei principali listini del Vecchio Continente e di Wall Street. 

7.52 - NUOVI ALLARMI AEREI
All'alba del quinto giorno dell'invasione dell'Ucraina da parte di Mosca, e in attesa dell'incontro tra le delegazioni ucraina e russa, le sirene d'allarme sono suonate in diverse città del Paese. Lo riferisce la Bbc online. Sirene antiaeree sono state udite anche nella regione di Lugansk e Zhytomyr.

7.45 - KIEV ESCE DAL COPRIFUOCO
 Alle 8 del mattino, ora locale, Kiev è uscita da coprifuoco imposto sabato dalle autorità locali e i residenti della capitale ucraina hanno potuto lasciare i rifugi sotterranei in cui si trovavano a causa deri bombardamenti russi. I negozi di alimentari potranno riaprire e il trasporto pubblico inizierà a circolare, anche se i treni della metropolitana funzioneranno a singhiozzo. Tuttavia, i funzionari di Kiev hanno avvertito che la guerra è tutt'altro che finita, poiché i combattimenti di strada continuano in quasi tutti i distretti della città. Il coprifuoco riprenderà alle 22 e durerà fino alle 7 di domani.

7.40 -  LA FOTO DELLA SEDE DEI COLLOQUI
«In Bielorussia tutto è pronto per ospitare i negoziati Russia-Ucraina. In attesa dell'arrivo delle delegazioni». Lo ha twittatto poco fa il ministero degli Esteri bielorusso accompagnando l'annuncio dei negoziati tra Kiev e Mosca con una foto della sede a Gomel, al confine tra Ucraina e Bielorussia, nell'area del fiume Pripyat. 

7.35 - DONETSK ANNUNCIA: STOP OSTILITA' 
La Repubblica Popolare di Donetsk ha deciso di sospendere la mobilitazione: lo ha annunciato il capo dell'autoproclamata repubblica, riconosciuta la scorsa settimana dalla Russia di Vladimir Putin, Denis Pushilin. "E' sospesa - ha spiegato - perche' il numero necessario di posizioni che la mobilitazione mirava a conquistare e' raggiunto", ha detto Pushilin sul canale televisivo Rossiya 24. Ora, ha aggiunto, le autorita' della RPD hanno intenzione di concentrarsi "sulle questioni umanitarie".

7.30 - LO STOP AI TITOLI STRANIERI
La banca centrale della Russia ha ordinato ai broker del mercato azionario di sospendere l'esecuzione di tutti gli ordini da parte di persone giuridiche e individui stranieri. Lo si legge in un documento interno.

7.25 - IL PETROLO VOLA
 Il petrolio vola con le nuove sanzioni alla Russia per la guerra in Ucraina. Il Wti, dopo aver toccato un +7,5%, cresce del 5,5% a 96,63 dollari al barile. Il Brent guadagna il 4,67% a 102,50 dollari. 

7.16 - RUBLO IN CADUTA LIBERA
 Il rublo è al nuovo record negativo sul dollaro e sull'euro in apertura dopo le sanzioni occidentali decise nel weekend contro l'invasione dell'Ucraina che mettono sotto pressione il sistema finanziario. La valuta russa stamani quota 132 per euro e 117 per dollaro dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha messo le forze nucleari in allerta. A causa delle sanzioni la banca centrale russa non può intervenire a sostegno della divisa. Le contrattazioni ufficiali non partiranno prima delle 8 italiane.

7.10 - IL KAZAKHISTAN. DA NOI NIENTE TRUPPE
 Il ministero della Difesa del Kazakistan ha negato le indiscrezioni sull'invio di truppe kazake in Ucraina e ha assicurato che tale richiesta non è stata ricevuta dal dipartimento. «Le informazioni diffuse sui social network sul presunto invio di truppe kazake in Ucraina non sono vere. La richiesta di inviare truppe kazake in Ucraina o in qualsiasi altro Paese, non è stata ricevuta e non è stata presa in considerazione», ha affermato il ministero della Difesa.

7.05 -  BIELORUSSIA: PIATTAFORMA PER NEGOZIATO PRONTA
La piattaforma per i negoziati tra Russia e Ucraina in Bielorussia è stata preparata ed è pronta, ha affermato oggi il portavoce del ministero degli Esteri bielorusso, Anatoly Glaz, citato dall'agenzia statale Belta.  "La piattaforma per i negoziati tra Russia e Ucraina in Bielorussia è stata preparata, è previsto l'arrivo delle delegazioni", ha affermato Glaz.  La parte bielorussa è pronta ad organizzare il processo di pace in qualsiasi momento, ha affermato il diplomatico

7.00 - IL MINISTRO: STIAMO VINCENDO
"Non rinunceremo alla capitale, l'Ucraina sta già vincendo": è quanto ha detto il ministro della Difesa ucraino Oleksiy Reznikov in risposta al tentativo della Russia di irrompere nella capitale ucraina durante la notte.  Reznikov ha affermato che finora sono state "96 ore di resistenza" e "4 giorni di dedizione, coraggio e fede" per il popolo ucraino, giurando che il suo Paese vincerà la guerra.

6.50 - L'ESTONIA CHIAMA LA NATO
"Non bisogna lasciare che la guerra travolga la democrazia ucraina, ma soprattutto non bisogna lasciare a Putin campo libero. Siamo un Paese Nato dal 2004. Dallo stesso anno membro dell`Unione europea. Se dovessimo venire attaccati, se dovessimo immaginare da Mosca una qualche forma di aggressione anche nei nostri confronti, richiederemmo immediatamente l`attivazione dell`articolo 5 dello statuto dell`alleanza". Così l`ambasciatore dell'Estonia in Italia, Paul Teesalu

6.36 - PIOGGIA DI FUOCO SU CHERNIHIV
Una pioggia di proiettili è caduta tutta la notte a Chernihiv, secondo quanto si legge sulla Bbc  L'assalto dell'artiglieria è iniziato intorno alle 2, ha confermato il servizio di emergenza statale ucraino. Razzi hanno colpito un edificio che ospita un asilo, provocando un incendio.  Colpito anche un negozio in un mercato centrale e un condominio residenziale di cinque piani. Una donna è rimasta leggermente ferita.

6.18 - LA COREA DEL SUD SI UNISCE ALLE SANZIONI
La Corea del Sud si unisce alle sanzioni internazionali contro la Russia dopo l'invasione dell'Ucraina: il ministero degli Esteri ha comunicato agli Usa il proposito sul blocco dell'export di materiale strategico verso Mosca e sulla esclusione delle banche dal sistema dei pagamenti Swift.

5.57 - L'AEREO PIU' GRANDE DEL MONDO
L'aereo più grande del mondo, l'Antonov AN-225, è stato distrutto durante l'invasione russa dell'Ucraina, secondo le autorità ucraine - scrive la Cnn - generando allarme e tristezza nel mondo dell'aviazione che lo considerava quasi un oggetto di culto. L'enorme cargo, chiamato 'Mriyà (sogno in ucraino), era parcheggiato in un aeroporto vicino a Kiev 

5.05 - GLI ATTACCHI UCRAINI AL DONBASS
Le forze armate ucraine hanno bombardato nove insediamenti nella Repubblica popolare di Lugansk 16 volte nelle ultime 24 ore, secondo quanto affermato dalla missione di Lugansk presso il Centro congiunto per il controllo e il coordinamento in una dichiarazione su Telegram. Lo riferisce la Tass.

4.15 - LE CITTA' COLPITE DAI MISSILI
Forti esplosioni sono state udite a e nella citta' di Kharkiv fra le 3 e le 4 del mattino. Lo afferma il Servizio statale per le comunicazioni sul suo canale Telegram. In una dichiarazione separata, ha riferito di un edificio residenziale nella citta' di Chernihiv, nell'Ucraina settentrionale, in fiamme dopo essere stato centrato da un missile. Il comando delle forze di terra ucraine ha riferito su Facebook che un'altra citta' nel nord, Zhytomyr, e' stata colpita da missili durante la notte.

3.30 - NUOVE ESPLOSIONI A KIEV E KHARKIV
Nuove esplosioni si sono udite a Kiev e a Kharkiv poco dopo le 3 del mattino, dopo alcune ore di calma apparente. Lo afferma sul suo canale Telegram il servizio statale per le comunicazioni, secondo quanto riferito dalla Ukrainska Pravda. Secondo le stesse fonti un missile russo ha colpito un edificio residenziale nel centro di Chernihiv. L'edificio è in fiamme ma ancora non si sa se e quante persone siano rimaste coinvolte. 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?