Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
12 mar 2022
12 mar 2022

Maxi-esercitazione Nato in Norvegia: messaggio alla Russia sul fronte artico

Cold Response 2022 si svolgerà dal 14 marzo all'1 aprile, coinvolgendo 30mila soldati, 200 aerei e 50 navi provenienti da 27 Paesi

12 mar 2022
Soldiers of an airborne brigade of the US Army are seen at the Adazi Military Base of the Latvian armed forces in Adazi, Latvia on February 25, 2022, upon arrival for their mission to strengthen the NATO enhanced Forward Presence (eFP) multinational battlegroup in the wake of Russia's military aggression of Ukraine. (Photo by Gints Ivuskans / AFP)
Truppe della Nato
Soldiers of an airborne brigade of the US Army are seen at the Adazi Military Base of the Latvian armed forces in Adazi, Latvia on February 25, 2022, upon arrival for their mission to strengthen the NATO enhanced Forward Presence (eFP) multinational battlegroup in the wake of Russia's military aggression of Ukraine. (Photo by Gints Ivuskans / AFP)
Truppe della Nato

Mentre la guerra devasta l'Ucraina, la Nato si prepara ad avviare in Norvegia la sua più grande esercitazione dell'anno, per dimostrare la sua capacità di venire in soccorso, se necessario, dei Paesi nordici. Cold Response 2022 coinvolgerà circa 30mila soldati, 200 aerei e 50 navi provenienti da 27 Paesi.

I soldati dovranno dimostrare di essere in grado di combattere a terra, in mare e in aria nel gelido clima dell'Artico, anche alle alte latitudini. Le esercitazioni inizieranno lunedì14 marzo e sono pianificate da molto tempo ma l'invasione russa dell'Ucraina attribuisce loro particolare importanza. "L' esercitazione è estremamente importante per la sicurezza della Norvegia e dei suoi alleati: ci alleniamo per rafforzare la Norvegia per i suoi alleati", ha dichiarato a France Presse il ministro della Difesa norvegese, Odd Roger Enoksen, aggiungendo che "non si svolge a causa dell'attacco lanciato dalle autorità russe all'Ucraina, tuttavia il contesto la rende più significativa". 

All'operazione Cold Response, che durerà fino al 1 aprile, partecipano anche due partner esterni ma vicini alla Nato: Svezia e Finlandia. "E' un incontro del tutto naturale, forse ora piu' che mai: allenarci insieme per mostrare la nostra capacità e la nostra volonta' di difendere i nostri valori e il nostro modo di vivere", afferma il capo delle operazioni del comando norvegese, il generale Yngve Odlo, che dirige le manovre. Sul lato russo del confine russo-norvegese, esteso per 196 chilometri nell'Artico, si trova la penisola di Kola, che ospita la potente Flotta del Nord, un'enorme concentrazione di armi nucleari e innumerevoli installazioni militari. "Al momento non vi è alcuna minaccia militare esplicita contro la Nato o il territorio norvegese", afferma Enoksen, "tuttavia, la situazione in Europa non è stata cosi' imprevedibile per molto tempo".

A scanso di equivoci, l'esercitazione Cold Response, dal carattere "puramente difensivo", assicura il ministro, è stata debitamente comunicata a Mosca, dal cui territorio manterrà un'adeguata distanza. Il generale Odlo ha incontrato il vice ammiraglio Aleksandr Moiseyev, comandante della flotta settentrionale, ma la Russia si è rifiutata di inviare osservatori. "Il rafforzamento delle capacità militari della Nato vicino ai confini della Russia non contribuisce a rafforzare la sicurezza della regione", ha affermato l'ambasciata russa a Oslo. In passato, Mosca ha reagito a esercitazioni simili disturbando i segnali Gps o annunciando test missilistici, impedendo così l'accesso allo spazio aereo e marittimo internazionale. 

L'invasione dell'Ucraina ha sorpreso molti esperti e alcuni ora si chiedono se, nella sua nostalgia per il passato sovietico, il presidente russo Vladimir Putin possa puntare ad altri territori dell'ex Urss, come gli stati baltici. Cold Response "ci permette di perfezionare la nostra formazione, mostrare la nostra unità, la nostra volontà di lavorare insieme in ambienti difficili che potrebbero essere gli ambienti che conosciamo piu' a Est", spiega il generale francese Yvan Gouriou, del Rapid Response Corps - Francia. "L' esercitazione ha tutta la sua rilevanza nel quadro attuale", insiste Goriou, il cui Paese guida quest'anno la forza di reazione rapida della Nato.

Inizialmente il numero dei soldati mobilitati per l' esercitazione Cold Response era stato fissato a 40.000 ma le emergenze sanitarie e geopolitiche, con importanti distaccamenti inviati sul fianco orientale della Nato, ne hanno ridotto le dimensioni. La portaerei statunitense Harry Truman e la sua scorta, ad esempio, sono rimaste nel Mar Egeo, da dove contribuiranno alla sorveglianza del cielo tenendosi non troppo lontano dall'Ucraina.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?