Quotidiano Nazionale logo
30 giu 2021

Bill Cosby, annullata la condanna per violenza sessuale. Il dottor Robinson torna libero

La sentenza sarebbe stata annullata per un errore procedurale. L'attore noto in Italia soprattutto per il ruolo nella serie Tv "I Robinson"

New York - La Corte Suprema della Pennsylvania annulla la condanna per violenza sessuale a Bill Cosby, che può così uscire dal carcere. 

Da tre a dieci anni di prigione. E' questa la sentenza decisa nel 2018 per l'attore statunitense Bill Cosby, 81 anni, noto anche in Italia per aver vestito i panni del papà nella serie tv 'I Robinson'. La condanna era già arrivata lo scorso aprile, quando la star americana era stata riconosciuta colpevole di aggressione e violenza ai danni di Andrea Constand nel 2004. La donna, all'epoca 31enne responsabile della squadra femminile di basket della Temple University, fu aggredita nella sua abitazione vicino Filadelfia.

La condanna

"Questo è stato un crimine serio. E' arrivato il giorno. E' arrivato il momento.", ha dichiarato il giudice Steven O'Neill leggendo la sentenza che prevede anche una multa da 25.000 dollari per Cosby. O'Neill ha classificato Cosby come "predatore sessuale violento" e come tale sarà iscritto nel registro dei criminali sessuali, i suoi spostamenti dovranno essere notificati e dovrà essere sottoposto a trattamenti psichiatrici.

Le accuse di abusi di 50 donne 

Il caso della Constand non sarebbe infatti isolato: dagli anni Sessanta in poi lo hanno accusato di molestie una cinquantina di donne (giovani debuttanti, ma anche figure note come l'ex top model Beverly Johnson).

L'accusa aveva chiesto da 5 a 10 anni di carcere anche perché l'attore non ha mostrato alcun rimorso per quello ha fatto, mentre la difesa puntava agli arresti domiciliari. 

Ora la Corte Suprema ha annullato la sentenza.

Colpo di scena

L'uscita dal carcere di Philadelphia dopo appena due anni di prigione è l'ultimo capitolo di quello che per tutti, prima delle accuse di stupro, era "America's Dad", il papà d'America. Si parla di un errore procedurale. Ottantatrè anni, condannato a dieci anni, in attesa di lasciare la prigione da un momento all'altro.

La fama con I Robinson

Bill Cosby è famoso al grande pubblico soprattutto per la serie tv "I Robinson", da lui prodotta e ideata. Negli anni '80 fu la serie più seguita negli Stati Uniti. Tutti si erano appassionati alle disavventure del dottor Cliff Robinson e della sua ordinaria famiglia afroamericana.

I motivi della cancellazione della sentenza

Dagli anni duemila però si era aperto un nuovo capitolo della vita del protagonista del famoso "Cosby Show": più di cinquanta donne lo avevano accusato di stupro e abusi sessuali, reati che sarebbero cominciati fin dagli anni '60. Molte delle vittime raccontarono di essere state violentate dopo che l'attore e regista le aveva narcotizzate. Tre anni fa, dopo un primo processo concluso in un nulla di fatto, era arrivata la condanna, con una pena che va da tre a dieci anni. Lui non si era mai mostrato pentito, sostenendo invece di essere pronto a scontare tutta la pena in prigione. La scarcerazione non arriva perchè Cosby non è stato ritenuto colpevole, ma per una questione tecnica: la Corte Suprema dello stato ha scoperto che l'ex attore aveva ottenuto da un procuratore la garanzia a non essere incriminato per le presunte molestie nei confronti dell'ex giocatrice di basket della nazionale canadese Andrea Constand, che nel 2005 diventò la principale accusatrice.

Secondo i sette membri della Corte Suprema della Pennsylvania all'83enne Cosby è stato negato un giusto processo. I giudici, nella loro opinione contenuta in 79 pagine, scrivono che un accordo a non procedere era stato siglato con un precedente procuratore e che, quindi, Cosby non avrebbe dovuto essere accusato e condannato. Alla luce di questa violazione dei suoi diritti, l'attore «va rilasciato e ogni futuro procedimento riguardante queste particolari accuse va vietato», scrive il giudice David Wecht, mettendo in evidenza come questo è «l'unico rimedio che può completamente riportare Cosby allo 'status quo antè».

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?