Uno dei canguri uccisi in una foto Ansa
Uno dei canguri uccisi in una foto Ansa

Sidney (Australia) - Due adolescenti australiani sono stati incriminati per la morte di 14 canguri giganti che sarebbero stati colpiti, in una località di mare a quattro ore di macchina da Sidney.  I due ragazzi, di 17 anni, sono stati arrestati dopo la scoperta sabato dei canguri morti, tra cui due piccoli, vicino a Batemans Bay, a sud della capitale, ha detto la polizia. "Un atto tragico e insensato che ha segnato profondamente i volontari accorsi sul posto, così come gli abitanti", ha commentato su Facebook l'organizzazione faunistica Wires.  La polizia ha detto di aver trovato i marsupiali morti in due aree separate. Un cucciolo di canguro, trovato privo di sensi ma sopravvissuto, è stato soprannominato "Speranza" dai soccorritori.

"Sorprendentemente, sta andando incredibilmente bene", ha detto Janelle Renes, presidente della Mid South Coast per Wires, alla stazione televisiva nazionale ABC. "Quando è arrivata qui era quasi senza vita" e "ci sono volute circa due ore per riscaldarla e vedere i segni reali che sarebbe sopravvissuta", ha detto. a  Convocati dalla giustizia, i due ragazzi dovranno spiegarsi in un tribunale per bambini il 22 novembre. Emblematico dell'Australia, il canguro gigante è diffuso nel sud e nell'est del Paese. L'animale dal pelo grigio può raggiungere un peso di 60 kg e un'altezza di 1,60 metri per il maschio. 

 I due 17enni saranno giudicati da un tribunale dei minorenni il 22 novembre, con l'accusa di avere picchiato a morte gli animali.