Quotidiano Nazionale logo
14 nov 2021

La Guerra delle Sabbie in Nord Africa: escalation militare tra Algeria e Marocco

Ora la crisi può sfociare in un conflitto armato. Usa e Francia con Rabat, russi e cinesi con Algeri: ecco le armi in campo

e.f.
Cronaca
epa09565797 People visit the border of Algeria with Morocco, as seen from Oujda, Morocco, 05 November 2021. Tensions between the neighboring coutries have increased in the dispute over Western Sahara and Algeria accusing Morocco of killing three Algerians on a desert highway.  EPA/Jalal Morchidi
Il muro dell'ex Sahara spagnolo che divide Marocco e Algeria

Algeri - Non si allentano le tensioni tra Algeri e Rabat, il rischio che l’escalation possa sfociare in un conflitto armato è molto alta. Alcuni commentatori dell’area magrebina temono un quarto round nell’infinita Guerra delle Sabbie. Già, il sito di notizie militari Menadefense, rivela che l’Algeria ha recentemente acquisito missili dai russi e dai cinesi. Obiettivo: potenziare la sua difesa costiera, in precedenza dotata di attrezzature divenute obsolete. Inoltre, ha ordinato 24 droni cinesi, soprannominati Wingloong.

Da parte sua, il Marocco non deve essere da meno. Le forze armate reali hanno recentemente, secondo il sito Africa Intelligence, ordinato droni dalla Turchia. Si tratta di una flotta di dodici droni armati del tipo Bayraktar TB-2, prodotti dall’azienda turca Bayka. Ma quanto pesano gli eserciti dei due paesi e qual è lo stato delle rispettive forze militari? Secondo Emmanuel Dupuy, specialista delle forze armate dei due Paesi presso l’Istituto per le prospettive e la sicurezza in Europa (IPSE), esiste una “parità strategica” tra i due belligeranti. Anche se l’esercito algerino è numericamente parlando più piccolo di quello marocchino. Sono 130.000 soldati contro 310.000, senza contare i 150.000 riservisti oltre ai 190.000 paramilitari algerini.

Contro 150.000 riservisti e 50.000 forze paramilitari per il Marocco. Sempre secondo la stessa fonte, l’Algeria in spese militari spende molto di più del Marocco. Ovvero: 90 miliardi di dollari tra il 2010 e il 2020 per l’Algeria. Mentre il Marocco ha preventivato 35,6 miliardi di dollari, nello stesso periodo. Per quanto riguarda le forze aeree, l’Algeria aveva già aerei russi Sukhoi 34. E presto avranno Sukhoi 57, gli ultimi modelli del marchio. Mentre le forze marocchine avevano già degli F-16 e questi aerei sono aggiornati. E ora hanno gli ultimi modelli F-16. 

Per i carri armati, ci sono quasi 2.000 carri armati russi per l’Algeria, contro 3.000 carri armati americani per il Marocco. “Se quasi tutti i carri armati algerini sono di fabbricazione russa, la Russia ha confermato qualche mese fa la sua disponibilità a vendere carri armati anche al Marocco (60 carri T-72). Per quanto riguarda i sistemi di difesa antiaerea terra-aria, il Marocco è dotato di sistemi Patriot americani. E l’equivalente russo del sistema S-300 per l’esercito algerino. Parità anche nel campo dei radar. In effetti, i francesi e gli americani hanno fornito l’esercito marocchino. Mentre cinesi e russi equipaggiano l’esercito algerino. Alla domanda su quali siano i supporti e i fornitori di questi due eserciti, Emmanuel Dupuy ricorda che esiste una lunga tradizione di addestramento ed equipaggiamento quasi esclusivamente russo nei confronti dell’Algeria

“L’Algeria dovrebbe essere il primo cliente per i nuovi caccia russi Sukhoi 57, che non sono mai stati venduti per l’esportazione. È ovviamente complicato, anche se sta cambiando un po’, se le forze armate algerine beneficiano di equipaggiamenti militari francesi o almeno americani. In cambio, Francia e Stati Uniti forniscono esclusivamente le forze armate marocchine. Il motivo è semplice: dal 2004 il Marocco ha il titolo di grande alleato non Nato. E questo non è il caso dell’Algeria. Alla base delle tensioni permangono in primo luogo, la normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra Rabat e Tel Aviv.

E questo, in cambio del riconoscimento da parte degli Stati Uniti del carattere marocchino del Sahara occidentale. Queste tensioni hanno già portato alla rottura delle relazioni diplomatiche tra i due paesi. Poi, la chiusura dello spazio aereo algerino agli aerei marocchini ha aggravato la situazione. E’ stata anche interrotta la fornitura alla Spagna attraverso il gasdotto Maghreb-Europa, parte del quale passa attraverso il Marocco. 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?