Quotidiano Nazionale logo
21 dic 2021

Inter, plusvalenze: ecco i nomi dei giocatori coinvolti: da Pinamonti a Zaniolo

Tutti gli affari sotto la lente della magistratura

Il centravanti dell’Inter Andrea Pinamonti è ormai un obiettivo dichiarato
Andrea Pinamonti con la maglia dell'Inter

Milano, 21 dicembre 2021 - Da Andrea Pinamonti a Davide Bettella, passando anche per Nicolò Zaniolo, l'Inter ha registrato circa 90 milioni di euro di plusvalenze nei bilanci 2017/18 e 2018/19, ovverosia quelli finiti nel mirino della Procura di Milano, che punta a verificare se siano state effettuate vendite 'gonfiate'.

LA GUARDIA DI FINANZA NELLA SEDE DELL'INTER

Nel bilancio chiuso al 30 giugno 2018, l'Inter ha registrato plusvalenze per complessivi 49,7 milioni. Si va dagli 8 milioni per la cessione di Santon alla Roma fino ai 2,6 milioni per quella di Zaniolo sempre ai giallorossi (entrambi all'interno dell'operazione che portò Nainggolan in nerazzurro).

Ad affari legati a giocatori di primo livello come Stevan Jovetic (ceduto al Monaco per 10,5 milioni con plusvalenza di 129mila euro), Geoffrey Kondogbia (al Valencia per 21,9 milioni e plusvalenza di 541mila euro e Jeison Murillo (sempre al Valencia per 11,9 milioni, con plusvalenza di 5,3 milioni), si aggiungono anche diverse cessioni riferite a giovani, come i 7,7 milioni di plusvalenza per la vendita di Ionut Radu al Genoa, i 6,9 milioni per quella di Davide Bettella all'Atalanta e i 5,9 milioni per la cessione di Federico Valietti al Genoa. Nel bilancio chiuso al 30 giugno 2019, invece, l'Inter ha registrato plusvalenze per 40,1 milioni complessivi.

La cifra maggiore riguarda la cessione di Andrea Pinamonti al Genoa per 19,5 milioni, con plusvalenza di 19 milioni, seguita dalla vendita di Zinho Vanheusden allo Standard Liegi per 11,7 milioni (plusvalenza 9,5 milioni), passando poi per quelle legate a giovani come Andrea Adorante (3,9 milioni di plusvalenza dalla cessione al Parma) e Marco Sala (2,9 milioni di plusvalenza, ceduto al Sassuolo). Radu, Pinamonti e Vanheusden sono stati, in seguito, tutti riacquistati dall'Inter. Complessivamente, nei due bilanci finiti nel mirino, il club nerazzurro ha così registrato 89,8 milioni di plusvalenze, pari a circa l'11% del fatturato realizzato dalla società nel corso delle due stagioni (rispettivamente 346,9 milioni di euro nel 2017/18 e 417 milioni di euro nel 2018/19). 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?