Quotidiano Nazionale logo
9 nov 2021

Milano, parte l'Atp Next Gen 2021: la storia del torneo, i favoriti e dove vederlo

Oggi al Palalido la prima giornata del torneo per i giovani talenti del circuito. Musetti prova a replicare il successo di Sinner del 2019

francesco lommi
Sport
featured image
I protagonisti di questa edizione dell'Atp Next Gen sul campo del Palalido

Milano-  L’attesa è terminata. Dopo oltre un anno di stop oggi tornano in campo all'Allianz Cloud, il Palalido per intenderci, i migliori otto tennisti under 21 del circuito (sette per classifica e uno grazie ad una wild card) per l’Atp Next Gen, antipasto delle Finals dei ‘grandi’ in partenza domenica 14 a Torino.

Il format e le regole

Torneo ‘sui generis’ il Next Gen prevede un format identico alle Finals con due gironi da 4 giocatori. I primi due classificati di ogni gruppo accedono alle semifinali prima e finale poi. La vera peculiarità di questo evento sono però le regole: Set da quattro game (con tie-break sul 3-3), partite al meglio dei cinque set, sul 40-40 si gioca il “killer point” ovvero un punto secco che elimina di fatto i canonici vantaggi, giudice di linea assenti (una novità che il tennis post pandemia ci ha abituato a vedere anche in tornei con regole tradizionali) e la possibilità da parte degli allenatori di parlare con i giocatori (cosa normalmente non concessa nel tennis maschile).

L’albo d’oro

Nella prima edizione del 2017 ad imporsi era stato il sudcoreano Hyeon Chung che, proprio in quella stagione, aveva fatto girare molte teste con ottimi risultati sul cemento, raggiungendo addirittura la semifinale agli Australian Open. La sua elasticità e le capacità nel recupero avevano fatto pensare ad un nuovo piccolo Novak Djokovic, ma purtroppo Chung negli ultimi anni non ha saputo mantenere quanto di buono aveva fatto intravedere. Oggi è scivolato fuori dai primi 200 del mondo dopo essere stato addirittura numero 19. Ma il sudcoreano è quello che potremmo definire ‘l’eccezione che conferma la regola’. Infatti gli altri due giocatori che hanno in bacheca il trofeo sono due stelle in ascesa come Stefanos Tsitsipas (2018) e Jannik Sinner (2019). Il greco oggi è al quarto posto del ranking mondiale e, problemino al braccio destro permettendo, giocherà le Finals di Torino. Jannik, attualmente numero 9 della graduatoria, si recherà nel capoluogo piemontese come riserva sperando in un forfait dell’ultimo minuto (per esempio proprio di Tsitsipas).

I campioni di domani

In due casi su tre il vincitore di questo torneo si è rivelato un campione in ascesa, tanto da vedere gli ultimi due campioni uscenti comodamente nella top 10 della classifica mondiale. E infatti, anche in questa edizione, il talento non manca. Non ce ne voglia Lorenzo Musetti, wild card del torneo e astro nascente del tennis azzurro, ma il vero giocatore da ‘cerchietto rosso’ è senza dubbio Carlitos Alcaraz. Il ragazzo da Murcia, nonostante la carta d’identità reciti 5 maggio 2003, ha già attirato l’attenzione di diversi addetti ai lavori. In questa stagione si è arrampicato fino alla 35 posizione della classifica modiale in quella che è stata la sua prima stagione tra i pro. Seguito dall’ex numero 1 del mondo Juan Carlos Ferrero, Carlos, nonostante la giovane età, sembra un giocatore già completo: solido e potente da fondo, rapido negli spostamenti e con una discreta manualità. Sarà lui il giocatore da battere. Da non sottovalutare anche l’americano classe 2000 Sebastian Korda, ex numero 1 del circuito juniores e, perchè no, proprio il nostro Lorenzo Musetti che ha bisogno di un successo importante per rilanciarsi dopo gli ultimi mesi in cui ha faticato ad ottenere vittorie.

I gironi

GRUPPO A: Carlos Alcaraz, Brandon Nakashima, Juan Manuel Cerundolo, Holger Noedskov Rune

GRUPPO B: Lorenzo Musetti, Sebastian Baez, Hugo Gaston, Sebastian Korda

Il programma e dove vederlo

Tutte le partite del torneo saranno trasmesse su sky sport, con il canale dedicato sky sport tennis. Si parte oggi con Nakashima-Cerundolo e, a seguire, Alcaraz-Rune. Nel tardo pomeriggio aprono le danze per il gruppo B Sebastian Korda e Hugo Gaston, in serata l’esordio della promessa azzurra Lorenzo Musetti.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?