Albero della Vita (Newpress)

Milano, 26 aprile 2016 - Una mostra della Triennale e un concerto benefico con Andrea Bocelli nel futuro prossimo dell'area Expo. Sono questi gli eventi già fissati lungo il Cardo, dopo l'annuncio dato un mese fa dal governatore della Regione. Roberto Maroni prevedeva che il "1° maggio ci sarà la riapertura del sito con un concerto della Scala e l’accensione simbolica dell’Albero della vita. Poi seguiranno altre iniziative fino al Post Expo".

CONCERTO - Fra gli altri appuntamenti già in programma ci sarà, mercoledì 25 maggio alle 21, la "Bocelli and Zanetti night" all'Open Air Theater di Expo per una serata di musica, sport e solidarietà in compagnia di grandi artisti della musica internazionale e leggende del calcio. Sarà anche l'occasione per introdurre simbolicamente la finale della Uefa Champions League che si giocherà nel capoluogo lombardo tre giorni dopo. La scaletta vedrà sfilare sul palco il tenore toscano diretto dal maestro Zubin Mehta e artisti internazionali come Skin, leader della band Skunk Anansie, e tanti dei più grandi nomi della musica italiana. Per quanto riguarda il mondo dello sport parteciperanno all'evento Josè Mourinho, Paolo Maldini, Samuel Eto’ e Clarence Seedorf.

I fondi raccolti dall’evento saranno destinati alle fondazioni P.U.P.I. Onlus www.fondazionepupi.org e Fondazione Andrea Bocelli, impegnate in progetti dedicati all’educazione dei bambini tanto in Sud America quanto in Africa. I fondi raccolti saranno destinati al progetto “Educare per un mondo migliore”, facilitando l’accesso all’educazione a oltre 500 bambini a Buenos Aires e 1.750 studenti in Haiti. 

MOSTRA - In occasione della XXI Esposizione Internazionale della Triennale di Milano, l’area di Expo Milano 2015 ospiterà dal 25 maggio al 30 settembre la mostra a ingresso gratuito dal titolo “City after the city” (dal martedì alla domenica, ore 10.30-20.30). Al centro della riflessione sul futuro dell’urbanistica del XXI secolo c’è l’idea che la città debba oltrepassare la combinazione di valori e motivazioni che la costituiscono attualmente. Da qui il nome di "City after the city", un gruppo di mostre che presenta una collana di situazioni che rappresentano l'aspirazione a una città diversa senza cadere nella nostalgia di una mitica città ideale e senza pretendere di raggiungere il luogo del radicamento nelle proprie origini. “City after the city” indaga i sintomi di una tendenza planetaria a oltrepassare la città convenzionale, presentati al grande pubblico con metodi espositivi adeguati. Nei due padiglioni del sito Expo prospicienti la piazza di ingresso al Cardo dalla passerella di Cascina Merlata, è allestito l’ambiente di “City after the city” con le mostre. Tra i due padiglioni sarà realizzato il grande ‘Orto Planetario’ in forma di parterre. Queste le mostre che verranno esposte: Lanscape Urbanism, a cura di Gaia Piccarolo; Urban Orchard, a cura di Maite Garcia Sanchis; Expanded Housing, a cura di Matteo Vercelloni; People in Motion, a cura di Michele Nastasi; Street Art, a cura di Nina Bassoli.