Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
19 giu 2022

Miss Italia: Martina Broggi è Miss Milano, Marta Fenaroli vince Miss Cinisello

Martina, studentessa della Bicocca, è la prima lombarda ammessa alla fase finale nazionale di Miss Italia

19 giu 2022
alessandro brambilla
Spettacoli
featured image
Martina Broggi, a sinistra, e Marta Nerina Fenaroli
featured image
Martina Broggi, a sinistra, e Marta Nerina Fenaroli

Martina Broggi è la prima lombarda ammessa alla fase finale nazionale di Miss Italia 2022. La dolcissima Martina ha vinto il titolo Miss Milano by Miss Italia nell’affollata Piazza Gramsci a Cinisello Balsamo. Nel cuore di Cinisello hanno festeggiato Italia e Brasile. Infatti Martina Broggi (statura 1, 75, capelli biondo scuro e occhi castani) ha il papà italiano e la mamma del Brasile, esattamente come la seconda classificata Marina Meroni, 24 anni, di Bresso. In Miss Milano si è classificata terza Rebecca Vailati, 21. Rebecca è comasca, abita a Fenegrò, tuttavia è nata a Milano per cui ha potuto gareggiare per il titolo valido all’accesso in fase finale (probabilmente si svolgerà a Venezia).

A Miss Milano hanno partecipato 18 ragazze contraddistinte dal body istituzionale rosa. Nella storica Piazza Gramsci ci sono state due gare: è stata eletta anche Miss Cinisello Balsamo con 17 protagoniste in body nero. Ha trionfato la simpaticissima Marta Fenaroli, 20 anni, di Brescia, alta 178 centimetri, con capelli neri e occhi marroni. A Miss Cinisello hanno partecipato ragazze provenienti da tutto il resto della Lombardia. Si è piazzata seconda la bergamasca Giorgia Signorelli, di Castelli Calepio, terza Veronica Quercia, di Brescia, quarta Martina Maggi, di Cenate Sopra (Bergamo), quinta la brianzola Alessia Castagnoli, di Barlassina, e sesta Angelica Travella, di Villongo (Bergamo).

Le prime sei di Miss Cinisello sono tutte ammesse alla fase regionale del concorso. Marta Fenaroli il diritto a partecipare alle regionali l’aveva già acquisito alla selezione di Mantova in cui era arrivata terza. Ma la studentessa universitaria ambiva ad andare alle regionali con una fascia da vincitrice. E così si è cimentata in Miss Cinisello centrando l’obiettivo. Tra l’altro anche la quinta, Alessia Castagnoli era già qualificata alle regionali grazie ad un piazzamento ottenuto allo Sporting Malaspina. Nella splendida serata a Cinisello l’organizzazione delle selezioni lombarde ha sperimentato una nuova coreografia d’entrata delle ragazze. In giuria oltre a esponenti di Comune di Cinisello e Pro Loco c’erano anche Alessia Pasqualon, finalista a Miss Italia 2019, e Giulia Papotti, che in finale nazionale ci è andata ben due volte.

Quello di Martina Broggi è un ritorno flash sulle passerelle del concorso. Nel 2019 la ragazza della Bicocca aveva vinto un titolo da mascotte. Negli anni successivi sia per la pandemia che per gli impegni da modella (“Ero molto legata ad un’agenzia”) la signorina Broggi non si era più iscritta al concorso. “E anche quest’anno rischiavo di non partecipare – rivela Martina, incitata in Piazza Gramsci da papà Alfredo supertifoso dell’Inter e da mamma Tatiana -; ho deciso all’ultimo minuto”. Da neo-iscritta la bellissima Marty ieri pomeriggio si è presentata al casting in Piazza Gramsci, superandolo a pieni voti, e in serata è diventata Miss Milano. “Non riesco a rendermene conto: ho il titolo che rappresenta la capitale italiana della moda, che è anche la mia città. E’ qualcosa di immenso”.

Nel saggio artistico ha dato spettacolo con la danza classica. “L’ho praticata tantissimo fino a 17 anni– spiega Martina, universitaria di psicologia alla Bicocca - anche esibendomi in teatri importanti. Ma ultimamente causa lavoro da modella e studio mi ero cimentata poco, era diventato un hobby. Non sono più abituata a stare sulle punte, e così ho deciso solo all’ultimo di esibirmi nella “classica” sul palco di Miss Italia”. L’emozione a Cinisello è stata grande anche per chi come Martina Broggi è abituata ad esibirsi in pubblico: “Soprattutto quando da 18 siamo diventate in 6, poi in 3. E poi ho sentito scandire il mio nome come vincitrice; in tutte le fasi mi sono data un voto alto. Mi sono sempre sentita in competizione per vincere e il boato di tutta la mia famiglia è stato bellissimo. Andare in finale a Miss Italia significa acquisire anche più autostima per il lavoro da modella. So di essere solo all’inizio di un percorso che spero sia fortunato”.

Concorrenti di Miss Milano e Miss Cinisello hanno anche ballato esibendo coloratissimi bikini. “La fase più bella della serata”, specifica Marta Fenaroli che prima di concorrere a Miss Italia ha trionfato in una gara molto più importante e delicata: “Nel giugno 2020 – racconta la mora – mi hanno diagnosticato un tumore. Ho iniziato una lotta difficile, soffrendo, sottoponendomi a chemioterapie e altro. Il 23 aprile 2021 i medici hanno dichiarato che ero guarita. Ho deciso che ogni anno il 23 aprile farò festa”. Marta è nata il 15 settembre 2001. “Giorno e mese – aggiunge – coincidono col compleanno di Cristina Chiabotto, vincitrice di Miss Italia 2004. Spero sia di buon auspicio”. Marta Fenaroli è figlia d’arte: mamma Zoraima nel 1991 partecipò alla finale di Miss Italia Salsomaggiore vinta da Martina Colombari. “Mi auguro di imitare mia mamma qualificandomi per la finalissima”, dice Marta, che frequenta la facoltà di medicina al San Raffaele di Milano e soprattutto prima di ammalarsi ha praticato tantissimi sport, compresi golf ed equitazione. Oltre a dedicare la vittoria ai genitori Zoraima e Giuliano, e al fratello Edoardo, Marta ha fatto una dedica al vice-sindaco Giuseppe Berlino e a tutti gli abitanti di Cinisello Balsamo. “So che è una città con quasi 80 000 abitanti, tante industrie e una grande storia: sono lieta di andare alle regionali con la fascia Miss Cinisello Balsamo. Cinisellesi, incitatemi!”.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?