Una visione dall’alto dello stadio di San Siro
Una visione dall’alto dello stadio di San Siro

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano

Milano, 7 settembre 2021Luca Bernardo e Giuseppe Sala divisi dal futuro dello stadio di San Siro. Il candidato sindaco del centrodestra sabato e, ancora, ieri, ha aperto alla realizzazione del nuovo impianto, come voluto da Milan e Inter, ma si è detto contrario alla demolizione, anche parziale, del Meazza, altra richiesta dei club: "L’importante è riqualificare la zona – spiega Bernardo –. Ma c’è anche un fattore ambientale: io non sono per l’abbattimento dello stadio perché è degli anni Trenta, poi negli anni ci hanno rimesso mani. Non sappiamo cosa c’è dentro quel cemento".
La proposta del centrodestra sull’area di San Siro, dunque, è tenere entrambi gli stadi, sia il vecchio Meazza che il nuovo progettato da Populous (la Cattedrale) o Manica (gli Anelli). Ma l’ipotesi dei due stadi è bocciata da Sala: "Non è possibile, perché il costo di mantenimento dello stadio è enorme e se dicessimo “usiamo il Meazza per la Nazionale’’ voglio vedere le altre città cosa risponderebbero. Quindi una struttura così importante deve essere utilizzata. L’unica cosa che mi sentirei di escludere è l’utilizzo dei due stadi. In campagna elettorale non dobbiamo cedere alla tentazione di accontentare tutti, perché dopo le elezioni c’è una cosa da accontentare: il bilancio del Comune". Andrea Mascaretti, capogruppo di FdI in Comune e candidato alle elezioni del 3-4 ottobre, è invece convinto che lo schema con i due stadi sia sostenibile: "Lo stadio di San Siro ha un doppio valore: da una parte è l’icona di una Milano vincente, dall’altra può essere un volano di sviluppo. Un’arena di San Siro ristrutturata e coperta ci consentirebbe di poter ospitare molti più grandi eventi: il nuovo stadio ospiterebbe le partite di Milan e Inter e il Meazza riqualificato potrebbe ospitare i concerti anche negli stessi giorni delle partite e comunque per tutto l’anno".
L’esponente di FdI è convinto che anche Milan e Inter, alla fine, potrebbero valutare l’ipotesi del doppio stadio, anche se finora hanno proposto l’abbattimento, almeno parziale, del Meazza: "Qualsiasi operazione di sviluppo della città deve avvenire nell’interesse dei cittadini. Quindi la prima cosa da chiedersi quando si parla del progetto per San Siro è quale sia l’interesse dei milanesi, residenti e non solo. Per noi, inoltre, l’abbattimento del Meazza avrebbe un grave impatto sull’ambiente e in più costa 50 milioni di euro, soldi sprecati perché servirebbero per distruggere un luogo simbolo della città".
Le posizioni su San Siro tra centrosinistra e centrodestra restano distinte e distanti. Il futuro dell’area, in ogni caso, sarà deciso dopo le Comunali.