La nuova Giunta comunale
La nuova Giunta comunale

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano

Milano, 14 ottobre 2021 - Le giovani Martina Riva (Sport) e Gaia Romani (Servizi civici) sono un po’ emozionate. Tommaso Sacchi (Cultura) è contento di tornare a Milano, la sua città, dopo l’esperienza fiorentina. Elena Grandi (Ambiente) è piacevolmente sorpresa dell’attenzione della stampa per i Verdi dopo il buon 5% alle elezioni comunali. I veterani Pierfrancesco Maran (Casa) e Marco Granelli (Sicurezza), entrambi al terzo mandato in Giunta, sono i più tranquilli, anche se hanno a che fare con nuove deleghe rispetto agli ultimi cinque anni. Prima seduta della nuova Giunta comunale, ieri pomeriggio a Palazzo Marino. Atmosfera da primo giorno di scuola. Per qualche assessore – non solo per Riva e Romani, ma anche per Grandi, Sacchi, Alessia Cappello (Sviluppo economico) e Giancarlo Tancredi (Rigenerazione urbana) – è l’esordio a Palazzo Marino da esponente della Giunta o da eletto in Consiglio. Nel tavolo rettangolare della Sala Giunta, al primo piano della sede del Comune, la prima delibera di una certa rilevanza riguarda la riqualificazione dell’area dell’ex caserma Mameli, area di proprietà di Cassa Depositi e Prestiti Investimenti Sgr.

L’esecutivo ieri ha approvato il piano attuativo, che pone le basi per un progetto che risponde ai nuovi modelli urbani di rigenerazione voluti dal nuovo Pgt: residenza sociale convenzionata in affitto (circa 330 alloggi) e in vendita (circa 220 alloggi), funzioni di interesse pubblico che saranno insediate in tre edifici tutelati dalla Sovrintendenza e molto verde: qui sarà realizzato uno dei 20 parchi previsti entro il 2030 (35 mila mq). Proprio sul verde, grazie ad un’osservazione dei residenti, si è deciso di mantenere ulteriori piante lungo le vie Suzzani e Gregorovius: 600 piante rispetto alle 476 attuali. La delibera è firmata dall’assessore Tancredi, fino a poche ore fa dirigente comunale del settore Urbanistica ora in aspettativa. Un passaggio che secondo un organo di stampa poneva Tancredi in condizioni di incompatibilità come assessore. Tesi smentita da Sala: "Un funzionario del Comune che accetta di fare l’assessore ha 15 giorni di tempo per trovare una formula che gli permetta di farlo. Con Tancredi abbiamo fatto una cosa migliore. Lui prima ha chiesto l’aspettativa dal Comune e poi ha firmato la nomina con le deleghe da assessore".