Sumaya Abdel Qader al mercato con Beppe Sala
Sumaya Abdel Qader al mercato con Beppe Sala

Milano, 20 giugno 2016 - Sumaya Abdel Qader è il primo consigliere comunale di fede musulmana nella storia di Milano. La vittoria di Giuseppe Sala al ballottaggio le spalanca le porte dell’aula di Palazzo Marino anche per effetto delle 1.016 preferenze riscosse in proprio da Sumaya al primo turno. Un risultato sopra le aspettative che arriva al termine di una campagna elettorale nella quale Sumaya è stata accusata, dal centrodestra, di avere militanza e posizioni estremiste.

Meglio ricostruirne la storia pezzo dopo pezzo, allora. Abdel Qader nasce a Perugia nel 1978 da immigrati giordano-palestinesi per poi laurearsi in Biologia, Lingue e culture straniere e in Sociologia. Blogger, scrittrice e ricercatrice, ha ideato «Aisha», un progetto promosso dal «Coordinamento delle associazioni islamiche di Milano, Monza e Brianza» (Caim) e dal Comune di Milano con l’obiettivo di «contrastare la violenza contro le donne e la loro discriminazione». «Un progetto che – parole della stessa Sumaya – vuole scardinare quei retaggi culturali che discriminano la donna contro ogni principio dell’islam». Del resto Sumaya è pure responsabile dell’area culturale del Caim. Tutto pacifico? Non proprio.

È Stefano Parisi a sollevare il caso. Il candidato sindaco del centrodestra fa sapere che la Abdel Qader è pericolosamente vicina all’ideologia radicale dei Fratelli Musulmani e attacca il Pd, «reo» di averle dato un posto in lista. «Non mi riconosco nei Fratelli Musulmani» replicherà subito Sumaya, precisando di aver fatto parte, invece, della «Federation of Islamic Organisation in Europe (Fioe) e del Forum of European Muslim Youth and Students Organization (Femyso). Proprio su queste pagine, Massimo Campanini, professore di Storia dei Paesi islamici all’Università di Trento, «da trent’anni» conoscente di Sumaya, che è stata sua allieva, preciserà a sua volta che la candidata Pd, oggi consigliera comunale, «può essere ricondotta all’orizzonte dei Fratelli Musulmani, ma non è persona di cui non ci si possa fidare». A difendere senza “se” e senza “ma” è stato Sala: «Accuse vergognose, quelle di Parisi e del centrodestra: se hanno prove le tirino fuori».
giambattista.anastasio@ilgiorno.net